4 Luglio 2018

LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Tornare da dove siamo venuti

Giovanni Fioravanti

Tempo di lettura: 4 minuti

“Se non vuoi il crocifisso torna al tuo paese” porta scritto il cartello esibito da una passionaria al raduno di Pontida. Verrebbe allora da pensare che l’umanità dei leghisti si arresta di fronte a chi non riconosce il valore della croce. Non è vero che i porti sono chiusi a coloro che fuggono da guerre civili, dittature e povertà. I porti sono chiusi agli infedeli. È l’ostracismo agli infedeli. Il cristianesimo è qualcosa che si esercita solo tra cristiani. Tu come me, se no a casa tua. Solo gli identici e gli uguali possono stare insieme.
Allora non è questione che tu povero migrante vieni a casa mia a togliermi il lavoro e i servizi sociali. La questione è il crocifisso, se a te sta bene ci puoi anche stare qui, se no te ne devi andare.
Le migrazioni da sempre sono una costante della storia umana, come l’avversione alla contaminazione culturale da parte dei paesi toccati dai flussi migratori, la tendenza a chiudere le frontiere e a creare ghetti di etnie. Non c’è nulla che può fermare le migrazioni e giustificare l’ostilità nei loro confronti.
Per questo ci si inventa la sicurezza che sta all’origine del contratto sociale tra i singoli cittadini e lo Stato. Rinuncio a parte della mia libertà che delego alle tue istituzioni affinché tu Stato garantisca la tutela della mia persona e dei miei beni. Se questo viene meno, non ha più ragione d’essere il contratto sociale e di fronte ad uno Stato assente sono costretto a difendermi con le miei armi.
Siamo ai principi basilari all’origine della convivenza sociale. E allora la strada più facile per mantenere la promessa del contratto sociale è erigere muri, innalzare confini, creare le barriere.
Quindi, il crocifisso esibito dalla signora a Pontida sembrerebbe non c’entrarci nulla, se non fosse che l’infedele, più che dei beni materiali, può privarmi dei beni immateriali, tanto più preziosi, come l’anima.
Il “Vade retro Satana” è il timore dell’invasione che entra dentro di te, contamina le tue fibre e i tuoi pensieri, il tuo sangue e le tue generazioni, e subito tutto non è più come prima. Ma da sempre tutto non è più come prima, perché questa è la storia dell’umanità su questa Terra. Consola l’idea che si può tentare di difendersi, ma la battaglia fortunatamente è persa.
Più che la questione migratoria dovrebbe terrorizzarci la questione culturale che sta dietro alla paura di chi si sente debole di fronte alla religione dell’altro. C’è un’emergenza culturale inedita, se la maggioranza del paese possiede una cultura così debole da temere quella dell’altro. Un paese dall’identità così fragile che a guardarsi allo specchio dei propri valori finisce per non riconoscersi più.
Il populismo come difesa, come riconoscimento di sé nel popolo di appartenenza, oggi appare la ricetta, quella che restituisce sicurezza alla propria identità, alla propria fragilità culturale, ma se la cultura non si rinnova nelle sfide si atrofizza e anziché essere uno strumento per orientarsi nella realtà finirà per farci smarrire in una storia che hanno scritto gli altri e nella quale saremo stranieri privi di identità. A nostra volta migranti verso un altrove che avrà abbattuto la sicurezza dei nostri confini e delle nostre barriere.
Ciò che spaventa è l’idea di una cultura identica a se stessa, imbalsamata. La constatazione che in un’epoca di conquiste della scienza e della tecnica, come mai nel passato, la cultura si sia arresa all’ignoranza. Scienza e tecnica trasformano la nostra vita, ma non maturano le nostre menti, che anzi arretrano nelle casematte del passato. Il timore di prospettarsi il futuro, di produrre una cultura in grado di illuminarne il buio e renderlo luce, apparizione.
La signora che pretende di rimandare a casa coloro che non vogliono il crocifisso ha la mente così imbevuta dalla sicurezza dell’ignoranza da non mettere nel conto che il diritto di contestare il crocifisso nei luoghi pubblici, dalle scuole agli ospedali, non ha colore né provenienza, ed è una legittima rivendicazione di chi già si trova a casa propria.
Il problema della cultura è questo, consiste nell’impedire che gli altri che non la pensano come te si sentano stranieri a casa loro, perché diversamente anche il tuo vicino diventa un infedele invasore a cui chiudere ogni possibile accesso. Ognuno intento a difendere la propria torre d’avorio e la moltiplicazione delle torri porta alla babele umana.
Populismo, prima noi, chiusura dei porti, dazi, identità nazionali sembrano ora la strada giusta, quella diritta e breve, la strada della semplificazione contro la complessità. L’impulsività e l’affabulazione di una ritrovata infanzia dei popoli nei confronti del realismo della realtà.
Ma bambini si dura poco, quella realtà reale costringe prima o poi tutti a diventare adulti in fretta, perché la complessità si farà sempre più complessa e le nostre menti non possono correre il rischio di farsi sempre più sempliciotte e semplicistiche, sempre più fucine di pensieri deboli destinati ad infrangersi contro la prepotenza della storia.
Anche noi avremmo bisogno di lasciare la nostra casa e intraprendere l’avventura della migrazione per il mondo che ci conduca a riscoprire la forza propulsiva della cultura, sarebbe un ritornare da dove siamo venuti.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giovanni Fioravanti

Docente, formatore, dirigente scolastico a riposo è esperto di istruzione e formazione. Ha ricoperto diversi incarichi nel mondo della scuola a livello provinciale, regionale e nazionale. Suoi scritti sono pubblicati in diverse riviste specializzate del settore. Ha pubblicato “La città della conoscenza” (2016) e “Scuola e apprendimento nell’epoca della conoscenza” (2020). Gestisce il blog Istruire il Futuro.
Giovanni Fioravanti

Ti potrebbe interessare:

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013