26 Febbraio 2023

Maupal: “Cercasi eredi”, omaggio a una generazione che se ne va

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 4 minuti

Maupal: “Cercasi eredi”, omaggio a una generazione che se ne va

Lo street artist romano Mauro Pallotta, Maupal, fa sempre parlare di sé.

Classe 1972, è brillante, innovativo, originale, ironico non teme critiche né rivali, è un po’ il Banksy nostrano. In poche parole, libero. Anche nella scelta dei materiali utilizzati per le sue opere, dagli iniziali materiali, talvolta di recupero, all’utilizzo successivo della lana d’acciaio, a fungere contemporaneamente da tela e da materiale scultoreo.

Diventato famoso per il murale del Super Pope” realizzato nel 2014 che raffigura il pontefice nella classica posa di Superman con in mano la valigetta dei “Valores”,

Maupal aveva completato il tris su papa Francesco con altra apparizione in via dei Tre Archi, nella zona di piazza Navona, con un Papa in monopattino (EcoPope”, 2021) e con un altro, sul muro di Borgo Pio, a pochi metri dal Vaticano, che gioca a tris con il simbolo della pace e una guardia svizzera che fa da palo (nel 2023, cancellato il mattino dopo dai vigili antidegrado, molto attenti a questo caso e non alle terribili imbrattature cittadine…).

A Trastevere, lo avevamo visto nel 2020, quando, a settembre, era apparso un murale su un furente Donald Trump con un triplice fungo atomico che si propaga dall’improbabile capigliatura del futuro candidato premier americano e la scritta “Yes I can”.

Trump a Trastevere, foto Matteo Nardone

Oggi, a farmi interessare ancora a lui – lo seguo, con ammirazione, da tempo – il suo post sulla pagina Facebook che ricorda l’opera del 2022 posizionata a Santa Sofia (Forlì-Cesena), un paesino meraviglioso nell’appennino tosco-romagnolo: “Cercasi eredi”.

Si tratta di un omaggio a una generazione incredibile che sta svanendo. I nostri padri e madri, per i più giovani i nonni o, per quelli ancora più fortunati, i bisnonni.
Gli anziani di oggi, che abbiamo visto sparire come leggere e sfortunate libellule nel periodo della pandemia, sono quelli che hanno superato guerre, povertà, terrorismo e pandemie. E senza avere molte di quelle opportunità ed evoluzioni tecnologiche che oggi a noi migliorano la vita. Non c’era internet, quello che si apprendeva arriva dai giornali o dai discorsi dei vicini. Il telefono arrivava solo ad alcuni, la televisione pure.

Ho parlato a lungo con molti di loro, negli anni, in famiglia, nei luoghi di ritrovo incluse le case di riposo, oggi fatico a trovare quei valori in cui loro hanno tanto creduto, quelli per cui hanno lottato, anche per noi. La cultura dello scarto, tanto temuta da Papa Francesco, non risparmia nessuno, soprattutto loro.

I nostri anziani italiani hanno creato un’epoca nel rispetto dell’etica, nella disciplina, nel lavoro sodo, nelle lotte e nelle conquiste sociali. Una generazione che ha fatto grande la nostra penisola, una Nazione che ora, da alcuni di noi, viene spesso offesa, sfregiata, snaturata, vilipesa. L’Italia è piena di ricchezze spesso sprecate, poco valorizzate. Una eredità quasi lasciata, letteralmente, nella spazzatura. Il mio è un monito alle giovani generazioni e un omaggio agli anziani di tutta l’Italia!” “Con quest’opera vorrei invogliare le nuove generazioni, ma anche le vecchie, a sfruttare al meglio le potenzialità del nostro paese nel rispetto dell’altro e del pianeta intero. Il mio è un monito alle giovani generazioni e un omaggio agli anziani di tutta l’Italia!” afferma Maupal.

Onore a loro, dunque. Ricordiamocene sempre. Con immenso rispetto.

Mauro Pallotta, in arte MAUPAL

Nasce a Roma nel 1972, dove frequenta il Liceo Artistico A. Caravillani e l’Accademia Delle Belle Arti di Roma. I luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza dell’artista hanno senza dubbio influenzato i contenuti delle sue opere: la vicinanza ai luoghi della politica e al Vaticano e gli stimoli intellettuali di una città multiculturale come Roma. Dopo aver raggiunto il successo nel campo della Fine Art, con esposizioni personali a Roma, a Londra e a Miami, nel 2014 l’artista elegge a proprio ambito di interesse la strada e sposta il proprio focus creativo sulla Street Art. La prima opera street, il “Super Pope”, raggiunge subito un grande successo in tutto il mondo, in quanto rappresentazione contemporanea e impenitente di Papa Francesco, simbolo di una possibile modernizzazione della chiesa cattolica.

A scrivere di lui sono tutti i principali giornali internazionali, dal Wall Street Journal a El Pais. Nel 2016 la rivista newyorkese ARTNET l’ha inserito nella classifica dei trenta street artist più influenti al mondo. Oggi collabora a iniziative sulla Street Art a livello nazionale e internazionale e le sue opere sono presenti nelle gallerie e nelle fiere di tutto il mondo.

Sito di Maupal

Pagina Facebook

Un bell’incontro con Maupal:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Teatro a passi sospesi nelle carceri di Venezia: un incontro, un video, una mostra fotografica.

  • Parole a capo
    Elena Vallin: “Lavoro quotidiano” e altre poesie

  • Disagio: gli studenti chiamano, la politica non risponde. Una proposta di legge sulla salute mentale delle ragazze e dei ragazzi 

  • 22 marzo: Giornata Mondiale dell’Acqua…
    sempre più scarsa, sempre più privata

  • vite di carta cavalieri medioevo

    Vite di carta /
    Purché lettura sia

  • volgarità capra

    Dalla parte della capra
    (e delle donne nate nell’anno 2000)

  • Parole e figure /
    Che magnifica giornata!

  • ACCORDI
    L’introspezione onirica dei War On Drugs

  • Immigrazione e demografia
    Tre passi per gestire i problemi

  • Parco Urbano e concertone: il caso non è chiuso

L'INFORMAZIONE VERTICALE

CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it
Periscopio
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Seguici: