19 Marzo 2016

Nozze d’oro con la musica per l’autore di Pop Corn e della Strana società

William Molducci

Tempo di lettura: 5 minuti

valerio liboni copertina

Alla soglia dei cinquant’anni di carriera, tra i nomi storici della scena musicale italiana, l’entusiasmo non ha abbandonato Valerio Liboni: tra poche settimane uscirà il suo nuovo album “Faccio un salto all’Habana”.
Nel 1971, dopo avere debuttato con I Ragazzi del Sole, Valerio Liboni ha contribuito alla formazione del gruppo La Strana Società, noto per il grande successo di “Pop corn” e la partecipazione al Festival di Sanremo 1976 con “Andiamo via”. L’anno successivo Liboni è entrato a fare parte dei Nuovi Angeli e ha intrapreso l’attività di autore, componendo con Cristina Gazzera la canzone “Ciao nonnino”, interpretata da Erminio Macario. Altre sue hit sono “E muoviti un po’” per Fiorella Mannoia e “Che fico” affidata a Pippo Franco (la sigla di Sanremo 1982).
Il 1980 lo ha visto debuttare come cantautore, con il singolo “Marmellata Jane”, e due anni dopo ha realizzato il primo album come solista: “Magari poi”. Nel 1989 ha partecipato, insieme ai Nuovi Angeli, alla trasmissione televisiva “Una rotonda sul mare” condotta da Red Ronnie.
In occasione dei suoi primi quarant’anni di carriera, Valerio ha pubblicato “Cash!”, un libro scritto in collaborazione con il giornalista Maurizio Scandurra in cui racconta storie e curiosità dell’Italia della canzone.

Valerio Liboni (foto di Roberto Troisi)
Valerio Liboni (foto di Roberto Troisi)

Era il 1972 e l’Italia fu colpita dal tormentone di “Pop Corn” de La strana società…
Il brano era una cover di un vecchio pezzo anni Trenta di un certo George Kinsley. La Strana Società, che ho fondato nel 1971, era un gruppo rock, ma i nostri due produttori di allora ci convinsero a usare per primi i sintetizzatori monofonici, o moog se preferite. Il brano fu inciso alla fine di maggio del 1972 alla Fonit Cetra di Milano con un VCS3 a oscillatori di proprietà di Keith Emerson che era posteggiato negli studi. Uscì in settembre e rimase per 16 settimane in hit parade: vendette, anche nelle altre versioni, ben 12 milioni di 45 giri e tutto questo cambiò la mia vita.

Nel 1976 hai partecipato con La strana società al tuo primo Sanremo con il brano “Andiamo via”, poi sono seguiti altri Festival…
Il gruppo si è classificato secondo nella squadra capitanata da Orietta Berti, è stato l’ultimo anno con la sola finale televisiva. Tra gli ospiti mi piace ricordare Erminio Macario, grande comico torinese, che in seguito ho avuto l’onore di produrre e di portare in classifica con la canzone “Ciao nonnino”. Nel 1977, con “Tesoro mio”, non siamo andati neppure in finale. Nel 1981 ho scritto “Che fico” per Pippo Franco. Qualche anno dopo mi sono presentato al Festival da solo, ma non sono arrivato alle selezioni. Nel 1989 ho partecipato con I Nuovi Angeli, ma ci è stata preferita la Steve Rogers Band. Vi posso svelare una piccola curiosità: il pezzo con cui dovevamo partecipare nel 1976 era “Bella da morire”, ma la Durium preferì il brano scritto da un Malgioglio alle prime armi.

i nuovi angeli
I Nuovi Angeli (foto di Piero Ferroglio)

Il 1977 è stato l’anno in cui sei entrato a fare parte dei Nuovi Angeli, un gruppo storico…
Paki Canzi mi aveva contattato per fare una serie di serate al Sud, essendo loro rimasti senza batterista. Tra alti e bassi ci sono rimasto fino al 1992. Da due anni il gruppo si è riunito: abbiamo realizzato due cd con i vecchi successi e alcuni brani inediti. Attualmente stiamo partecipando a numerose trasmissioni televisive e prossimamente saremo ospiti della nuova edizione dei “Migliori Anni Della Nostra Vita”.

Nel 1980 inizia la tua carriera solista e sei anche il produttore dei Camaleonti, Little Tony, Wilma Goich e Jo Chiarello…
Ho sempre desiderato esprimermi da solista, la mia passione sono i testi, raramente la musica e la composizione. Ho prodotto diversi artisti degli anni Sessanta e Settanta, tra i quali mi piace ricordare Little Tony. In dieci anni di lavoro, con il mio staff, ho realizzato 110 album di riproposizione degli artisti di quel periodo, per conto di diverse case discografiche e distribuzioni Italiane. Adesso lavoro prevalentemente con Radio Birikina: negli ultimi mesi ho realizzato progetti per Wilma Goich, Dino, Strana Società 1972, Delirium Project, Nuovi Angeli, Little Tony Family e Lady Tabata. Come solista ho realizzato sette cd e altrettanti 45giri, vincendo con “Anna ti prego” (1984), Premiatissima e il Festival di Seoul in Corea. Il mio primo 45giri, “Marmellata Jane”, era una delle sigle di Alto gradimento, la fortunata trasmissione radiofonica di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni.

copertina disco
Pop Corn

Sei anche l’autore di “E muoviti un po’” cantato da Fiorella Mannoia…
Il brano in realtà era stato scritto per Loredana Bertè che però lo ha rifiutato e così lo ha preso Fiorella. Non ho scritto solo per la Mannoia, ma anche per Mia Martini, Mina, Mal, e molti altri… talmente tanti che a volte sono loro che me lo ricordano, si tratta di più di mille brani, tra musiche da film, pubblicità e sonorizzazioni varie.

Nel 2009 hai pubblicato “Crash!”, con storie e curiosità dell’Italia della canzone in cui hai raccontano i tuoi primi quarant’anni nel mondo della musica leggera italiana…
È stato un discreto successo con importanti prefazioni, per esempio quella di Gigi Vesigna, lo storico direttore di Sorrisi e Canzoni. Il libro ripercorre la mia vita musicale e privata, dal 1968 (Ragazzi del Sole) fino al 2009, anno del mio matrimonio e dello “sbarco” all’Havana. La capitale cubana è una città che adoro, dove ho conosciuto mia moglie e dove desidero trasferirmi alla fine della carriera. Ora sono in uscita ben due libri: il primo è un romanzo che si intitola “Faccio un salto all’Habana” come il mio ultimo album; l’altro è “Io questa maglia sognavo da bambino”, un omaggio alla squadra del cuore, il Torino. Ho scritto anche l’inno ufficiale della squadra piemontese: “Ancora Toro”, che su Internet ha raggiunto un milione di visualizzazioni, tanto da considerarlo il mio maggior successo come interprete e autore.

Quest’anno con I Nuovi Angeli festeggiate i cinquant’anni di carriera…
Stiamo preparando un album di brani nuovi con tutti gli autori che hanno fatto la storia di questo storico gruppo. Da Roberto Vecchioni a Minellono, da Pareti a Limiti, da Pieretti a Guglielminetti, dal sottoscritto a Bonino, da Canzi a Salerno.

“Faccio un salto all’Habana” è il tuo nuovo album, con due singoli nuovi e alcuni brani incisi negli ultimi anni…
Il progetto nasce con Radio Birikina, si tratta di una compilation con due inediti e una serie di brani pubblicati nel corso della mia carriera. L’album uscirà ad aprile 2016.

Il video di “Anna ti prego”



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

William Molducci

È nato a Forlì, da oltre 25 anni si occupa di giornalismo, musica e cinema. Il suo film “Change” ha vinto il Gabbiano d’argento al Film Festival di Bellaria nel 1986. Le sue opere sono state selezionate in oltre 50 festival in tutto il mondo, tra cui il Torino Film Festival e PS 122 Festival New York. Ha fatto parte delle giurie dei premi internazionali di computer graphic: Pixel Art Expò di Roma e Immaginando di Grosseto e delle selezioni dei cortometraggi per il Sedicicorto International Film Festival di Forlì. Scrive sul Blog “Contatto Diretto” e sulla rivista americana “L’italo-Americano”.
William Molducci

Ti potrebbe interessare:

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013