5 Gennaio 2020

DIARIO IN PUBBLICO
Roma e dintorni

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

Lentamente si esauriscono le ondate dei migranti del divertimento. Compiaciuti, gli organizzatori degli eventi cominciano a numerare l’elenco delle presenze in città mentre il gesto della statua di Savonarola che è silenziosa testimonianza agli ‘eventi’ indica ormai la posa consueta del cellulare alzato al cielo per testimoniare ( cosa?) forse il necessario ‘io c’era’.

Davanti alla tv la sera dell’ultimo dell’anno, dopo confortanti prelibatezze portate da Roma e la visione di vecchi film, una fuggevole occhiata all’angosciosa cascata di fuoco dal Castello mai abbastanza deprecata per il rispetto che ho alla storia e all’uso che se ne fa e, mentre medito, come sfida al cielo s’alzano le braccia di ignoti dai volti sconosciuti che tali rimarranno nonostante il braccio puntato al cielo. La sera del primo giorno Venti/Venti assistiamo un po’ a disagio allo spettacolo di Roberto Bolle, raffinato e popolare assieme. Ma chi l’avrà visto? In quanto lo spettacolo che sbanca non è affidato all’arte coreutica, ma sono i gorgheggi delle vecchie glorie canore rappresentate a Potenza dalla colossale ex diva del canto avvolta in veli bianchi e il marito in cappellino di paglia e un altro pseudo cantante ambiguamente vestito con guantini, zazzera bianca e sottanuccia da Madonna ( cantante of course).

Roma si offre in tutta la sua (fredda) gloria e luce. Corriamo tra un frullar di taxi alla mostra su Canova – non un granché – forse perché sono arrivato alla saturazione dopo 30 anni di studio matto e disperatissimo, ma ci rifacciamo con le strepitose esposizioni di Lucien Freud – Francis Bacon e la scuola di Londra. Lo stesso luogo, il Chiostro del Bramante, sembra la sede ideale per le imprese dei due artisti: anfratti, i luoghi segreti fatti apposta per testimoniare le deviazioni dei due grandi protagonisti del Novecento inglese e della scuola da loro creata. L’emozione risulta ancor più viva pensando alla fascinazione che Bacon esercitò su Giorgio Bassani. Basterebbe pensare alla prima edizione de L’airone e alla copertina di Bacon, il celebre ‘Figure on a Couch’ (1962) che inaugura la nuova stagione tra scrittura e figura dell’ultimo Bassani. La storia ricorda che per l’edizione del ‘Romanzo di Ferrara’ lo scrittore ferrarese chiese all’editore un’opera di Bacon ma il pittore non diede il permesso e il volume uscì ‘in bianco’.

    

Frida Kahlo è ormai personaggio fisso tra le presenze ineliminabili della cultura figurativa, siano Caravaggio o gli Impressionisti, e del richiamo che esercita sui visitatori.

L’esposizione è la perfetta idea di cosa voglia o debba essere oggi la conoscenza di un artista: la vita possibilmente disagiata o tragica, gli appetiti sessuali indistinguibili, la ferocia della vita, l’ascesa all’Olimpo dei grandi. Qui c’è tutto esposto in modo intelligente e posso dire ‘ruffianesco’. Ma se presentano o presenteranno allo stesso modo Raffaello o Leonardo ecco che la nuova metodologia ci porterà a risultati m’immagino, ma non mi auguro, deludentissimi.
Continua l’esplorazione dei luoghi romani frequentati da anni. Decidiamo di recarci al Pompiere elegante ristorante ebraico al Ghetto vicino all’Enciclopedia italiana. A pranzo ci si recava assieme a mangiare tutti noi che in quel momento si lavorava in quella sede divenuta tristemente famosa perché proprio lì in via Caetani venne trovata la macchina col cadavere di Moro . Ed ecco che un anziano cameriere dalla chioma e barba candida mi abbraccia dopo aver pronunciato a gran voce il mio nome. Al tempo era apprendista nello stesso ristorante e si ricordava perfettamente di me. La sera poi da Sonia, Hang Zhou in cinese, tra le foto degli artisti e dei politici che frequentano quel luogo gustiamo le meraviglie della vera cucina cinese.

 
Ma ancora Roma mi lascia un segno di disagio che non riesco a scacciare. La gente corre freneticamente in cerca di quel di più che la città può offrire ma che mi lascia con un senso di vuoto dentro. Forse il riflesso della politica?

Il lusso degradato ad outlet ha invaso la città. Le vetrine rilucenti delle vie della moda attraggono la vista ma non i clienti che si riempiono di tutte le borse possibili con i prodotti dell’outlet. Sembra quasi che scopo ultimo sia possedere la borsa o la scatola piuttosto che il contenuto. Come in politica. Appunto.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

  • Parole a capo /
    Mattia Cattaneo: “Tre poesie”

  • A ROMA IL TANGO SOLIDALE DALLE SCARPE ROSSE
    Giornata Internazionale per eliminazione violenza contro donne

  • Suole di vento /
    A Valencia con la Corale Veneziani

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013