3 Aprile 2019

DIARIO IN PUBBLICO
Un ricordo di Andrea Emiliani

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 5 minuti

Indeciso se partecipare ai funerali di Andrea Emiliani che si sono svolti nell’aula magna dell’Accademia Clementina di Bologna ho vinto le resistenze emotive e mi sono presentato all’appuntamento. Almeno 300 persone stipavano l’aula tanto amata dal suo presidente onorario dove alcuni di noi invitati dal fratello Vittorio hanno ricordato il grande studioso. Il fratello ha evocato il giovane Andrea studente-studioso tra Urbino e Bologna dove, oltre al “primo amico” Giorgio Cerboni Baiardi, avvennero quegli incontri che gli indicarono la via e gli permisero di conoscere i compagni della sua avventura esistenziale e scientifica: da Arcangeli a Gnudi a Longhi. Il suo sentirsi servitore dello stato è stato l’altro tema di quel ricordo. A seguire Ladranka Bentini, testimone partecipe di un sodalizio scientifico che si è interrotto solo con la morte. Ma oltre agli altri che hanno ricordato Emiliani a Bologna, da un commosso Gherpelli a Marina Foschi, di fronte agli impietriti amici di una vita tra cui Francesca Valli, Luisa Ciammitti, Carlo Ginzburg, Ottorino Nonfarmale, Pier Luigi Cervellati, Anna Stanzani e tanti altri che mi è impossibile ricordare lunga era la lista di chi gli ha voluto bene. I familiari, dalla dolcissima sorella Rina ai nipoti, da Gaetano e Francesca Scolaro a Baldassarri, fino alla sua ‘Angelica’ di cui si sentiva Medoro che lo ha accudito per diversi anni. A loro era rivolto il mio ricordo svolto nei luoghi e nei tempi. Da Firenze dove, come in un film di Ivory, concionavamo assieme a Eduard Pommier e a Mina Gregori all’Istituto francese o a Palazzo Strozzi, ai nostri Capodanni alternativamente celebrati a Ferrara o a Bologna con gli amici d’oltralpe che scendevano da Parigi, Edouard e Gisèle Pommier, che ci raggiungevano per festeggiare il nuovo anno e parlare di fronte a piatti squisiti che rallegravano tutti noi, ma soprattutto Andrea, di teoria del ritratto, di Quatremère de Quincy, di Giordani, di Canova o dell’età dei Lumi assieme all’entusiasta Michela ormai adottata intellettualmente da Pommier. Era l’occasione in cui Franca, l’amatissima Franca, distribuiva ai suoi uomini, sciarpe di seta, cravatte, cache-col tutti uguali ma di colori diversi. E ancora, il ricordo del mitico viaggio negli Stati Uniti ad accompagnare l’esposizione di Dosso prima al Met poi a Los Angeles dove ci attendevano Salvatore Settis, Luisa Ciammitti e Carlo Ginzburg.
Ci recammo in quei giorni al Norton Simon Museum , il favoloso Museo di Pasadena costruito dall’industriale che gli ha dato il suo nome. Simon conquistò il mondo con l’invenzione della salsa Heinz, ormai un elemento fisso nelle patatine fritte. Ad Andrea interessava soprattutto vedere il celeberrimo ‘Cane Aldovrandi’ dipinto dal Guercino per la famiglia bolognese che portava il suo nome e che sul collare ha inciso lo stemma di famiglia. Mentre passeggiavamo fra le meraviglie del museo incontrammo la vedova di Simon la celeberrima attrice, premio Oscar nel film ‘Bernadette’, Jennifer Jones, che sposò negli anni Settanta del Novecento in terze nozze l’industriale sopravvivendogli e diventando amministratrice del Museo. Spaventosa! Dell’antica bellezza restavano gli occhi ormai inquisitori e durissimi. Ci accolse con estrema freddezza e con estrema freddezza ci congedò. Meglio, molto meglio, perdersi nella fioritura delle camelie fastosa cornice al museo e alla città.

Guercino, Il cane Aldovrandi Nortorn Simon Museum Pasadena Usa

Ma le meraviglie del viaggio che ci rendeva sempre più allegri e spensierati proseguirono con la visita agli Universal Studios di Hollywood dove obbligammo il recalcitrante amico a una prova di viaggio spaziale simulato e, per concludere, ad assistere ad un musical appena prodotto, ‘Il re leone’ in cui beatamente Andrea russò con discrezione per svegliarsi alla fine e reclamare il dovuto pasto. E a Parigi da Ladurée a impinzarci di macarons e a progettare l’edizione italana di ‘Più antichi della luna’. Studi su J. J. Winckelmann e A. C. Quatremeres de Quincy o a vedere le mostre organizzate da Edouard al Grand Palais. Ma un ricordo tra gli altri mi s’affaccia alla memoria. Ero stato invitato alla Sorbonne a parlare sulle donne scrittrici italiane. Con noi c’era la prima Lilla e quindi mia moglie mi doveva aspettare in un caffè sulla Place. Edouard senza fare un cenno ci dice di mettere Lilla nel suo cestino poi, passando con fare autoritario tra i commessi tenendolo sottobraccio , ci introduce nella sala dove la dolcissima pelosa s’accomoda tra i Pommier, mia moglie e gli Emiliani e dorme per tutta la durata del discorso svegliandosi solo al termine un po’ agitato dalle femministe in sala non sempre d’accordo sulla mia proposta di rifiutare il gender. Ma più recentemente ci incontrammo a Parigi quando Andrea vi risiedette per mesi insegnando alla Académie e agli Istituti culturali. Infine di nuovo in Italia dove stretto al suo braccio parlammo nella cittadina di Mirandola distrutta dal terremoto. E ancora. Le visite e le conferenze che teneva alle settimane canoviane di Alti studi a Bassano o alla Biblioteca -Museo di quella città. E le visite nel “suo” Palazzo dei Diamanti a vedere le mostre allestite da Ferrara Arte o la sistemazione delle sale operate da Luisa Ciammitti e da Anna Stanzani o alla inaugurazione della volta affrescata dal Bastianino nella Cattedrale di Ferrara. Infine gli incontri nel suo antro-ufficio alla Pinacoteca nazionale di Bologna raggiunto con l’ascensore della Accademia Clementina passando per il corridoio dove teneva le sue opere che io regolarmente spigolavo fino al momento glorioso della pubblicazione di Opere d’arte prese in Italia nel corso della campagna napoleonica 1796-1814 e riprese da Antonio Canova nel 1815. Organizzammo il lungo iter di presentazione a cominciare da Faenza a palazzo Milzetti che avvenne il 23 ottobre 2018 introdotti dalla comune amica Enrica Domenicali. Avrebbero dovuto seguire Venezia con Paola Marini all’Ateneo veneto Firenze con Carlo Sisi, Urbino con Giorgio Baiardi, Ferrara con Ranieri Varese Bassano con Giuliana Ericani e probabilmente Milano con Fernando Mazzocca, Roma ai Lincei con Manlio Pastore Stocchi.

Un destino crudele non l’ha permesso.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

  • Parole a capo /
    Mattia Cattaneo: “Tre poesie”

  • A ROMA IL TANGO SOLIDALE DALLE SCARPE ROSSE
    Giornata Internazionale per eliminazione violenza contro donne

  • Suole di vento /
    A Valencia con la Corale Veneziani

  • Vite di carta /
    Idda, una “vita di carta”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013