• Home
  • IL QUOTIDIANO
  • Vite di carta /
    Camminare con in testa una Passeggiata. Quella di Palazzeschi

Vite di carta. Camminare con in testa una Passeggiata. Quella di Palazzeschi

Oggi, anche in assenza del mercato nella piazza del mio paese e in barba al lockdown che decide della nostra vita da sei settimane, sto per fare una passeggiata. E’ diversa da come la immaginate, diversa dalle passeggiate che tutti abbiamo fatto ‘prima‘. Non vi serve vestirvi, servono gli occhi. Dunque massaggiateli per bene, chi porta gli occhiali se li pulisca e li inforchi (Pirandello avrebbe detto li “inselli” sul naso).

Rileggiamo alcuni passi dal celebre testo di Palazzeschi che porta questo nome, La passeggiata: una lista straordinaria di nomi, insegne, numeri, réclame che due protagonisti colgono per strada durante la loro passeggiata.

Andiamo?
Andiamo,
[…]

Cioccolato Talmone.
Il più ricercato biscotto.
Duretto e Tenerini
Via della Carità.
17. 40. 25. 88.
Cinematografo Splendor
[…]

Lavanderia,
Fumista,
Tipografia,
Parrucchiere,
Fioraio,
Libreria,
Modista.
[…]

Affittasi quartiere,
rivolgersi al portiere
dalle 2 alle 3.
[…]

Antico forno,
Rosticcere e friggitore.
[…]

Torniamo indietro?
Torniamo pure.

Provo a fare come Palazzeschi dentro casa mia. Cammino da una stanza all’altra, leggo tutto il leggibile e lo metto in fila. Ecco davanti a me le prime scritte:
“Casa dei nonni. Qui si viziano i nipoti”
“Sfortunatelli pelosi, sezione gatti e conigli”
Barilla. Sedanini rigati n.53
APRILE 2020
L’Enciclopedia della cucina italiana: 1 Gli Antipasti 2 Le Carni bianche 3 La pasta.
Dizionario Italiano Sabatini Coletti.
Un disegno fatto per me da Chloe (lei dice: ‘una bicicletta’) con una grande C di lato.

Mi basta, e non funziona. Non ne esce una poesia. Come avrà fatto Aldo Palazzeschi a mettere in una lista quello che si può leggere camminando lungo una strada di città e a ricavarci uno straordinario testo poetico? Pieno di avanguardismi. Con le parole più prosaiche – insegne, numeri civici e cognomi – che acquistano cittadinanza poetica, alé. Lo dovrei sapere cosa fa di un testo un testo poetico, e magari ne posso parlare un’altra volta.

Una volta di più mi colpisce lo ‘straniamento’, eccolo di nuovo portato dalla energia della letteratura che abita con me in ogni stanza della mia casa, alla pari con la figura del gatto (quadri, portapenne, segnalibri, statuette in terracotta e, perfino uno scopino in bagno, recano l’immagine di un micio).

Vedo come se fosse la prima volta le scritte sul calendario che ho nello studio, i titoli sui volumi di cucina, quelli sì dimenticati da un pezzo. Passando davanti allo specchio ho ‘letto’ anche la mia faccia perplessa, e chi non lo è in queste settimane? Avviene lo stesso se ripenso a cosa ho visto le poche volte che sono uscita di recente.

Il vicino di casa con una invadente mascherina, diventato più corpulento in tutta la parte superiore del corpo, forse più autorevole.
La strada deserta a metà mattina.
Il silenzio.
Il ciclista frettoloso che ha controllato di avere in tasca l’autocertificazione per circolare fuori di casa…”

Volete provare anche voi a elencare le stranezze racchiuse nelle immagini di solito così ovvie delle nostre giornate? Ci invita così spesso la pubblicità televisiva a riscoprire la nostra casa. Provate, proviamo a sorridere delle piccole stranezze che abbiamo sistemato nelle nostre stanze senza più notarle. Belle, brutte e chi le vede più? Rispolveriamole. Dal soprammobile orribile alle tende scelte col gusto di vent’anni fa.

Oppure le novità: i grembiuli da grande chef lasciati in cucina, a portata di mano per chi si è buttato a far da mangiare e sforna dolci tutti i giorni; il volto impegnato della prof di scienze che ci insegue dal monitor, mentre ci allontaniamo dalla lezione, ma solo un minuto no?

Fate la lista e mettetela da parte. Ci strapperà un sorriso quando potremo rileggerla ‘dopo. Ci ricorderà come eravamo, cosa vedevano i nostri occhi all’intorno. Sarà una lista di cose, la nostra piccola avanguardia. Ci legittima sempre Palazzeschi a farne un testo dotato di una sua importanza, il piccolo divertimento che abbiamo acceso come una fiammella dentro le case e nelle consuetudini. Leggo dalla sua poesia Lasciatemi divertire: 

Il poeta si diverte,
pazzamente,
smisuratamente!
Non lo state a insolentire,
lasciatelo divertire
poveretto,
queste piccole corbellerie
sono il suo diletto.

Dilettiamoci!

(Testi tratti da:  Aldo Palazzeschi, L’incendiario, Edizioni Futuriste di poesia, Milano, 1910)

Cover: Aldo Palazzeschi (a sinistra) con Arnoldo Mondadori e Giorgio Bassani – Archivio Mondadori (Wikimedia commons)

Per leggere gli altri articoli e indizi letterari di Roberta Barbieri nella sua rubrica Vite di cartaclicca [Qui]

tag:

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 300.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it


QUOTIDIANO INDIPENDENTE l'informazione verticale

CONTATTI
Articoli e informazioni a: redazione@periscopionline.it
Lettere e proposte di collaborazione a: direttore@periscopionline.it
Amministrazione:
Periscopio
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013
Sede
Via Borgo dei Leoni 88, 44121 Ferrara.

Seguici: