11 Marzo 2017

BORDO PAGINA
Elogio a Oscar Wilde

Roby Guerra

Tempo di lettura: 3 minuti

C’era una volta un astrofanciullo,caduto troppo presto sul Pianeta Terra, sasso azzurro di genere femminile eppure… aliena da Bellezza, Piacere e Ozio. Oscar Wilde, alias Dorian Gray, tutt’oggi è il genio della superficie superficiale, abissale e stratosferica, l’arte per l’arte, l’estetismo sempre corrosivo (glaciale cianuro al mirtillo!) per preti, politici, intellettuali noiosi e certo omuncolo contemporaneo.
Nel duemila, la Bellezza amorale di cui Wilde fu messaggero e Icaro dagli occhi blu è persuasione scientifica, passeggiata sulla superficie terrestre per volare nell’arcobaleno delle stelle, spogliarle e illuminare la primavera umana, magari le future 4 stagioni post-umane sempreverdi!
Dorian… Wilde negli aforismi (virtualissimi!) e nel saggio quasi virtuale “ L’Anima dell’Uomo sotto il Socialismo” coglie lo scenario possibile di uomini e donne del futuro capaci di godere la vita, il sesso, indossare la Terra grazie alle Macchine, un’altra meraviglia e grazia, tra il reale e l’orgasmo venusiano e la teledildonica del sesso virtuale (cybersex), misconosciuta iniziazione erotica della civiltà meccanica .. ma celeste, rosa, multicolore, oggi cibernetica.
L’estetismo dopo Wilde (e il dimenticato rinascimento inglese, il movimento estetico dei vari Walter Pater, Edward Burn Jones, Gabriele Dante Rossetti, oltre a Oscar Wilde) è corpo celeste e rosa, una Rosa Bianca, gioia dell’invenzione, la “dittatura del sopra-vivere” contro la “democrazia del sopravvivere”, contro l’ eterna metafisica tradizione totalitaria della Necessità (Ananke).
Oscar… Gray scoprì la Parola come rivoluzione individuale, il dogma dei “fatti” come ciberspazio o ciberparola e anticipò Jonesco e Borges: “Le parole sono fatti e tutto il resto sono chiacchiere”,
Addirittura Wilde preannunciò la rivoluzione linguistica di Noam Chomsky quando suggerì istantanee e strategie presenti per godere il Reale con la forza sovversiva del ciber-reale (ecco la menzogna o l’artificio quasi leonardesco – artefice- della verità, al di là dell’avvenire radioso o utopico), meraviglioso Dorian Gray, finalmente senza ritratto e Impero Britannico, oggi preclone dell’eterna giovinezza promessa dalla nuova alchimia delle biotecnologie!
Oscar Wilde negli anni duemila: la vita come opera d’arte, leggera, spensierata, eccentrica, erotica, rivoluzionaria contro tutte le inquisizioni, senza atomiche alla Nietzsche o Marinetti, ma ninna nanne perturbanti dal cyberspace, sulla Terra…

“Il futuro appartiene al dandy. Saranno le persone squisite a governare”
Oscar Wilde

La potenza del Maestro Dandy del Rinascimento inglese già moderno resta invariata e semmai potenziata alla luce delle involuzioni civili e democratiche che caratterizzano la crisi contemporanea occidentale ed i suo effetti sulla condizione esistenziale. Anzi, nel nostro tempo antipolitico e del pensiero unico, anche nei campi più hot di cui Wilde, leggi la diversità sessuale, fu precursore ineguagliato ma mai meramente rivendicativo e normalizzatore, lo scrittore inglese resta un prototipo di libertà individuale, edonismo sociale epicureo e mai trash, irriducibile a qualsivoglia strumentalizzazione collettivistica. Anzi, paradossalmente il suo virtuosismo già neorinascimentale, un poco come Virtù renaissance di cui parlava anche Nietzsche, il suo estetismo puro, l’arte per l’arte (con cui fino a pochi anni fa ancora l’ossessione realista e socioideologica lo edulcorava… confinandolo in dimensioni nichiliste e decadentismo), oggi si svelano ulteriormente per un fare anima possibile e controculturale (per dirla anche con James Hillman): semplicemente rivoluzionario nonostante il presentismo sempre più alienato e reificato e in modulazioni inedite, dopo la caduta delle ideologie, leggi bispensiero dilagante di stampo orwelliano, con una confusione dei linguaggi inarrestabile e la perdita della necessaria Mappa (anche se nella modernità, mobile e liquida o semplicemente aperta) per discernere criticamente nei labirinti del Territorio per forza sempre più complessi, dopo la rivoluzione elettronica e l’avvento di Internet. Anzi, a parte la specifica dimensione letteraria ed estetica che oggi appare nelle sue produzioni ancora più godibile, proprio la dimensione tacita politico-sociale o esplicitamente nei saggi sociali progressisti, come appunto L’Anima dell’Uomo sotto il Socialismo o gli aforismi… micidiali contro la miseria della Politica e della tipologia del politico, del giornalismo e dei media diremmo oggi, nell’era dell’antipolitica, dall’utopia originaria si rivelano miniere di postpolitica possibile e di un ritorno alla grande politica del futuro. Infine e riassumendo: la sua visione artificiale letteraria, il paradosso e l’artificio come Azzurro della Parola e del linguaggio, contrapposte al mito della facile Natura buona e sostenibile, diventano pragmatica ciberculturale, per un postumanesimo non astratto e reificato, ma squisitamente tecnoscientifico di valenza nettamente anche sociale e “politica” prossimo ventura per un nuovo progressismo 2.0.

Da “Gramsci 2017..”. dell’autore” (Armando Editore)

Info:
http://www.armando.it/gramsci-2017



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roby Guerra

Roby Guerra

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013