Skip to main content

“Assassinio nella cattedrale” al teatro Abbado di Ferrara riflette sul difficile rapporto fra potere temporale e spirituale

Ambientato originariamente in una cattedrale, il dramma del poeta e drammaturgo Thomas Stearns Eliot è approdato a Ferrara sul palco del Teatro comunale Claudio Abbado, sede di cattedra non religiosa ma laica. L’opera teatrale di  Eliot “Assassinio nella cattedrale” è stata infatti rappresentata per la prima volta nel 1935, quasi 90 anni fa. Per il debutto del dramma in versi che lo scrittore statunitense, naturalizzato britannico, aveva composto in età matura, venne scelto il luogo più prestigioso, solenne e, in fondo, appropriato al contenuto dell’opera: la stessa cattedrale di Canterbury in cui erano ambientati i fatti della storia.

Con un grande salto di tempo e di spazio, da venerdì 8 a domenica 10 marzo 2024, abbiamo avuto la possibilità di assistere allo spettacolo nella nostra città, portato in scena al Teatro Comunale di Ferrara da Marianella Bargilli (direttrice artistica della rassegna Autogestito del Teatro Quirino di Roma) e Moni Ovadia (direttore generale del “Claudio Abbado”), insieme a tutta la compagnia diretta dal regista Guglielmo Ferro.

Una scena di “Assassinio nella cattedrale di T.S.Eliot in scena al teatro comunale Claudio Abbado di Ferrara

Il testo, ambientato nel 1170, racconta degli ultimi giorni dell’arcivescovo Thomas Becket, di ritorno a Canterbury dal suo esilio in Francia durato sette anni. Ne ritrae infine l’uccisione, perpetrata da emissari reali per punire la sua resistenza alla politica di Enrico II.

Nel 1935, anno di debutto di “Murder in the cathedral”, sembrava alludere all’ascesa e al pericolo del nazismo. La versione contemporanea dell’allestimento è apparsa, invece, come una testimonianza sul difficile rapporto fra potere temporale e potere spirituale, ragione e fede, costrizione e libertà. Con l’orrore delle guerre che si staglia all’orizzonte, sempre in agguato sulla comunità umana.

Non è del resto una caratteristica di alcune, preziose, opere letterarie quella di continuare a far riflettere nonostante il tempo trascorso?

Scena di “Assassinio nella cattedrale” di T.S.Eliot con Moni Ovadia in scena al Teatro comunale di Ferrara

Nella cornice del Ridotto del Teatro, l’incontro pubblico con la compagnia ha offerto l’occasione per esplorare una delle figure più interessanti dell’opera: il quarto tentatore dell’arcivescovo Becket.

Dopo il suo ritorno a Canterbury, durante il primo atto, Thomas riceve la visita di quattro personaggi che lo mettono alla prova.

I primi tre, in cambio della sua sottomissione, lo lusingano con offerte materiali: sicurezza fisica, ricchezza e coalizioni politiche.

Ma è il quarto a essere il più subdolo, perché lo seduce con la prospettiva della gloria del martirio. “Chi siete voi, che mi tentate con i miei stessi desideri?”, gli risponde Becket.

 

Se nella versione originale quest’ultimo tentatore non si differenziava nell’aspetto fisico dagli altri tre che lo avevano preceduto, in questa nuova interpretazione – ha spiegato Marianella Bargilli – si è deciso di farlo raccontare da una donna e di coprirne il volto con un ampio cappuccio, rendendo la recitazione più complessa.

“Da un punto di vista attoriale è un lavoro molto particolare. È come lavorare con una maschera, perché non mi si vede e so che non mi si vede. È come se recitassi con te stessa”, ha detto Bargilli.

“C’è talmente tanta materia di parole e di forza del pensiero in questo spettacolo”, ha concluso l’attrice, “che l’idea di lavorarci ogni sera è fondamentale per l’attore”.

La tournée di “Assassinio nella cattedrale”, che negli ultimi due mesi ha visitato i teatri di quattordici città, continuerà ad Agrigento sabato 23 marzo (21:00) e domenica 24 marzo (17:30).

Anche la programmazione del Comunale “Claudio Abbado” non si ferma: dal 12 al 14 aprile in scena “La buona novella” con Neri Marcorè.

Tra la ricca offerta del teatro cittadino, segnaliamo ancora “Le città invisibili” (19 aprile) a cura del Collettivo Istantanea e “Le memorie di Ivan Karamazov” (dal 10 al 12 maggio) con Umberto Orsini.

Per il calendario completo della programmazione teatrale, si può consultare il sito: https://www.teatrocomunaleferrara.it/

tag:

Emanuele Gessi

Cresciuto a Ferrara, ha vissuto a Torino per fare l’università, poi ha trascorso un periodo in Danimarca per lavoro e volontariato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it