Skip to main content

Daniela Pes ti fa cantare in una lingua che (ancora) non conosci

L’artista emergente Daniela Pes si è esibita mercoledì 5 giugno 2024 nella nostra città come ospite di “Ferrara sotto le stelle”. Hanno suonato con lei sul palco Mariagiulia Degli Amori e Maru Barucco. Il suo album Spira, pubblicato nel 2023 da Tanca Records, ha vinto il Premio Tenco come miglior opera prima. 

Io e gli altri spettatori arrivati di buon’ora ci sediamo per terra, sul selciato del cortile del Castello Estense; sopra le nostre teste il sole delle otto di sera lavora dolcemente senza togliere il fiato. Da anni, in questo ambiente quattrocentesco, si svolge il festival Ferrara sotto le stelle; così, nel giugno e nel luglio del passato, sul palco che osservo sorseggiando il mio bicchiere di pignoletto hanno suonato tanti musicisti di culto che rinuncio a elencare. Mi limito a sbirciare quella ragazza in prima fila che gli volge con ostentazione le spalle per leggere più comodamente il suo libro, appoggiando la schiena alla transenna. Non sono sicuro di aver dato una bella risposta al mio amico fotografo Luca Pasqualini che, non conoscendo (ancora) bene l’artista per cui siamo qui stasera, mi ha fatto la madre di tutte le domande, nel tentativo di farsi un’idea sul suo stile: che genere fa?

Pubblico nel cortile del Castello (foto di Sara Tosi)

Siamo pochi, a dir la verità, anche se gli organizzatori hanno annunciato il sold-out da diverse ore; mi do la spiegazione che dipenda dalle dimensioni del cortile, che lo rendono adatto soltanto a una quantità di pubblico ridotta, ma cambio idea un’ora dopo, intorno alle nove e mezza, quando la cantautrice che ci traghetta dai toni del tramonto ai colori della notte, scende dal palco, dicendo che anche lei non vede l’ora di ascoltare Daniela Pes, e io, voltandomi, mi accorgo che dietro, affianco e tutto intorno a me si è riempito di persone. Fra le teste, i corpi, le voci e gli sguardi di chi attende la cantante sarda riconosco il candidato sindaco del centrosinistra Fabio Anselmo, che partecipa alla contesa elettorale del nostro Comune. Con il fidato zainetto sulle spalle e la camicia azzurra, sta conversando animatamente in una zona un po’ defilata dalle parti del bar. Io, che non rinuncerei alla mia posizione, attiro l’attenzione di Luca che, vivendo con meno stress la questione, si sposta volentieri per scattargli una fotografia.

I ragazzi della squadra che allestisce lo stage portano dietro le quinte gli strumenti di Birthh, che ha dato il via alla serata con un concerto di apertura, e preparano la scena per l’arrivo di Daniela Pes: il computer, il mixer, i sonagli, il tamburo… Sulla maglia di uno di loro c’è disegnato l’astronauta russo Jurij Gagarin; è ritratto in tuta spaziale, il casco CCCP e la scritta: non c’è nessun dio quassù. Mentre loro si affannano e il fonico risolve gli ultimi capricci tecnici, mi vengono in mente i racconti di Vasco Brondi che non ancora ventenne montava e smontava i palchi di questo festival, anche quando erano venuti i Radiohead a suonarci nel 2003.

Daniela Pes a Ferrara
Vista dall’alto della serata

Rombo di tuono e luce di lampo, Daniela Pes si presenta a noi in silenzio. Mette le mani sul mixer; le due musiciste che la accompagnano si dispongono al suo fianco. Tutte e tre in abito nero, il loro sguardo si rivolge a un punto indefinito lontano, oltre a noi spettatori. Le prime note, alle nove e cinquanta, sono della canzone Ora. È il solo brano in cui la musica non è composta da lei, bensì da Iosonouncane, il produttore, pure lui sardo, del disco. I loro percorsi artistici sono intrecciati anche perché, parlando dei testi, entrambi hanno immaginato una lingua nuova per scriverli. Daniela ha cominciato il suo percorso lavorando sulle poesie in dialetto gallurese di un prete del Settecento che portava il suo stesso cognome – Pes. Col tempo ha fatto una scrematura, arrivando a mantenere di quelle poesie solo un nucleo di lingua arcaica; e ha sviluppato la propria cifra stilistica mescolando a ciò una serie di linee melodiche complementari di sua invenzione.

Iosonouncane ha fatto qualcosa del genere nel suo terzo album, in cui i testi sono una commistione di quattro lingue esistenti diverse.

Termino il pignoletto e, come fa il ragazzo vicino a me, infilo alla buona il bicchiere di plastica robusta nella tasca dei pantaloni, per liberarmi le mani e percepire più intensamente i suoni che infondono ritmo ai piedi e alle gambe, al collo e alla testa. Un trio di ragazze alle mie spalle già non riesce a star fermo, e la cosa mi mette di buon’umore perché, a proposito della domanda del mio amico Luca, la vera risposta che volevo dargli è che la musicista sarda ha fatto un disco di canti sacri che chiedono di essere danzati.

Daniela Pes
Maru Barucco
Mariagiulia Degli Amori

Mentre scorrono Ca mira, Illa sera e Carme sento che le amiche alle mie spalle, e una di loro in particolare, canta gioiosamente i versi nella lingua inventata di Daniela Pes e anche io decido di lasciarmi andare pur senza sapere che cosa sto dicendo. È una sensazione simile a quella che ho provato alla cerimonia della capanna sudatoria. La donna che mi ospitava nella piccola isola della Danimarca in cui ho vissuto per un periodo amava purificarsi con questo rito. Nella versione che io ho sperimentato con lei, l’officiante intonava degli inni nella lingua dei nativi americani, precisamente della tribù Lakota, suonando ferocemente il tamburo. Lui, Jens, aveva imparato l’idioma e i precetti del rituale trascorrendo molto tempo in America con loro, mentre lei, Daffy, era ancora un’apprendista ai primi passi. Cantando gli ultimi fonemi della canzone di Daniela Pes che sta per terminare, mi sento Daffy che cerca di ricalcare le liriche degli indiani. A questo brano ne segue un altro, un’esplosione strumentale di dieci minuti, in cui non c’è niente da intonare. Dopodiché la cantante sarda e la musicista alta e bionda, quella che suona il tamburo, lasciano sul palco l’altra, bruna e piccolina, a sperimentare dei suoni extra-album con i sintetizzatori.

Quindi tutte assieme suonano le ultime tre canzoni; poco prima delle undici terminano il concerto senza aver detto una parola che non fosse di canto; la lunga ovazione finale la accolgono con emozione e ripetuti inchini di ringraziamento come si fa a teatro. Mi soffermo senza fretta di andarmene, nella speranza che magari faranno un’ultima canzone, ma in molti hanno già cominciato a tagliare la corda, ed è chiaro che non ci sarà nessun bis; anche il ragazzo con la maglia dell’astronauta e i suoi colleghi hanno ripreso a darsi da fare e stanno sgomberando la scena dagli strumenti musicali. Mi incammino anche io: attraverso la piazza ciottolata, imbocco la via dei locali, dei bar e dei ristoranti etnici. Degli uomini asiatici, come risposta al caldo urbano improvviso, si sono seduti placidamente ai tavolini, coi piedi nudi per terra e le infradito lasciate poco più in là. Supero dei ragazzi miei coetanei, universitari forse, e sento con un pizzico di sorpresa che stanno parlando di politica e delle elezioni imminenti. Mi torna in mente il candidato sindaco che ho visto al concerto e mi chiedo come abbia trovato l’esibizione di Daniela Pes, se gli sarà piaciuto il concerto.

Un momento del concerto
L’artista in scena

Per quanto mi riguarda questo non era il suo primo live a cui assistevo, l’avevo ascoltata a Milano poche settimane fa al festival Mi Ami. Avevo insistito coi miei amici perché o non la conoscevano o non ne erano incuriositi. Avevo avuto la meglio e c’eravamo andati, ma in quella gran confusione di oltre trenta artisti in poche ore e cinque palchi, non eravamo riusciti ad apprezzarla come volevo. Ricevo su whatsapp un messaggio da Luca, il mio amico fotografo, che dice: “Mi è piaciuta, molto, la riascolterò sicuramente”. Ne sono contento, non la considero una cosa scontata. In effetti, per godere di una musica sofisticata come la sua, credo che l’atmosfera del Castello Estense e di Ferrara sotto le stelle sia l’ideale. Per me ci è voluto tempo, a dire la verità. Ho iniziato ad ascoltarla in Danimarca; sentivo sei, sette ore di musica al giorno: tante playlist, tanta NTS Radio, non molti album interi. Verso la fine di quell’esperienza scandinava stavo già transitando verso una nuova esperienza di ascolto (più selettiva, con momenti di digiuno dalle canzoni, ovvero di silenzio); rientrato a Ferrara, ho ascoltato quasi soltanto dei dischi per intero. Fra questi c’è Spira, che se vi piace camminare da soli alla sera per le vie del centro o della periferia sarà un compagno dolcissimo, ma qualcosa, anzi qualcuna, una ragazza alla ricerca del proprio equilibrio interiore, mi suggerisce che va bene anche se vi piacere sudare, cantare, battere il tempo su un tamburo… insomma, se pensate di partecipare a una capanna sudatoria in futuro, please, remember the nameis it music or new vodoo?

Reportage di Emanuele Gessi, fotografie di Sara Tosi

tag:

Emanuele Gessi

Cresciuto a Ferrara, ha vissuto a Torino per fare l’università, poi ha trascorso un periodo in Danimarca per lavoro e volontariato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it