19 Marzo 2015

Viaggio nel mondo del Palio.
Drago a sette teste simbolo che rinsalda la contrada di San Giorgio

Chiara Ricchiuti

Tempo di lettura: 6 minuti

contrada-san-giorgio

La Chiesa di San Giorgio si erge su una piazza semideserta, illuminata dalla luce delle stelle e dai fari delle poche macchine che passano, disturbandone la quiete. In un tempo ormai lontano, la città di Ferrara venne fondata partendo da questo borgo, estendendosi nel tempo oltre il Volano, e la chiesa di San Giorgio ne era il centro, la Cattedrale.

contrada-san-giorgiocontrada-san-giorgioLa contrada, dislocata nell’edificio alle spalle della Chiesa, è in fermento: i musici sono alle prese con le prove nella sala dei Pali, dedicata a Pippo Govoni, primo presidente della contrada, mentre i ragazzi del gruppo armata provano sul retro. Ma molti sono anche i contradaioli riuniti al bar, dove la televisione fa da sottofondo alle chiacchiere e agli ultimi ritocchi prima del Palio. Marcello e Vainer mi guidano tra le stanze a tinte rosse e gialle, raccontandomi le particolarità della loro contrada.

contrada-san-giorgio
Vainer racconta i vari premi e riconoscimenti ottenuti dalla contrada negli anni

“Il nostro stemma raffigura un drago a sette teste, l’idra, che si contorce tra le fiamme. Ci sono molte storie riguardo questa creatura – ci spiega Vainer, guardando l’animale mitologico rappresentato tra il rosso e il giallo – e quella ufficiale narra che ogni testa rappresenti uno dei rami del Po, un grande pericolo per gli abitanti della zona, che rischiavano di perdere tutto durante le piene”.
Un’altra interpretazione vede l’idra come la rappresentazione dei sette peccati capitali, uno per testa, che vengono purificati attraverso le fiamme che la circondano. Che sia un fiume o un vizio, fu il Duca Borso D’Este, ultimo marchese di Ferrara e primo duca di Modena, a scegliere come simbolo l’Idra. I contradaioli sono molto legati al loro stemma, simbolo del forte legame d’appartenenza, tanto che Marcello, che è in contrada da sempre, se l’è anche fatto tatuare sul petto: “Qui non accettiamo i cambiamenti di contrada per principio.

contrada-san-giorgio
Lo stendardo della contrada di San Giorgio

E’ veramente come una famiglia e quella non la cambi mai. Se litighi magari ti allontani o non ci si parla per un po’, ma non abbandoni la contrada per un’altra. A me non verrebbe mai in mente di mettermi al collo i simboli di altre contrade, a volte durante gli eventi in cui siamo tutti insieme non tocchiamo neanche gli stemmi degli altri”. Esagerazioni a parte, l’attaccamento verso il loro gruppo è forte, forse può sembrare troppo rigido come atteggiamento, ma guardando questi ragazzi mentre ne parlano capisco quanto è importante per loro quella seconda casa e tutto ciò che rappresenta.

 

contrada-san-giorgiocontrada-san-giorgio“Essere contradaiolo – mi dice Vainer – vuol dire imparare tante cose, non è solo fare un’attività: noi siamo sbandieratori e abbiamo imparato tutto qui, ma cosa più bella è che impariamo a crescere e confrontarci. Qui abbiamo imparato a litigare e a discutere con altre persone che vivono la contrada a modo loro, mentre tu eri convinto che l’unico modo era il tuo. Ma anche nelle peggiori discussioni le amicizie non si rompono, si litiga e si fa pace. Io sono entrato in contrada più tardi rispetto ad altri, avevo 15 anni e ho imparato che qui ci si fa tanti amici ma non è necessario essere tutti amici per appartenere alla stessa contrada: è fondamentale il rispetto. Succede spesso che non ci si trova d’accordo su qualcosa, siamo in tanti ed è difficile che tante persone la pensino allo stesso modo su tutto, quindi capita che ci si insulti e si litighi, anche per gli esercizi da fare, ma quando finisce la riunione o la discussione siamo sempre tutti insieme”.

contrada-san-giorgio
Sala dei pali con il gruppo dei musici

La contrada è un via vai continuo e mentre parliamo arriva Martina, sorella di Marcello, che vinse per due anni di seguito il Palio delle asine, nel 2004 e nel 2005, e, nello stesso anno, il Palio dei Pali a Querceto, in Toscana. “Era una corsa molto lunga, 1800 metri la batteria e 2000 la finale, e ci era stata comunicata la nostra partecipazione all’ultimo minuto. Il mio asino, Piccione, non si era più allenato dopo la vittoria del Palio di maggio e, anche se era molto bravo, era a riposo da tanto. Alla batteria arrivammo in seconda ma durante la finale abbiamo volato e siamo arrivati primi. Anni dopo ci hanno richiamato per correre per una loro contrada e, durante la preparazione, ci furono dei problemi con gli altri concorrenti e siamo partiti con mezzo giro di ritardo. In quella gara dovevamo percorrere sei giri e, dopo i primi in testa, l’asino si è fermato in una di queste curve larghissime col cambio di terreno (da cemento a terra) e tutti lo incitavano. Quando è ripartito ha stracciato tutti”.
Approfitto di una pausa dei musici per entrare nella sala dei Pali, dove l’ultimo vinto, il Palio delle putte, spicca tra tutti: è, infatti, l’unico verde in sala. La contrada di San Giorgio era l’unica a non aver mai vinto neanche un Palio in una categoria ma lo scorso anno Polina Grossi è stata la prima a vincere quello delle putte.

contrada-san-giorgio
Sala dei pali
contrada-san-giorgio
Sala dei pali

Non solo eventi che riguardano le gare, la contrada è attiva anche nella valorizzazione del territorio e negli eventi culturali. Spesso vengono organizzate mostre che raccontano le trasformazioni del borgo nei secoli, ma anche serate totalmente distanti dalla contrada, come il concorso SanGio in Rock, che si tiene ad Aguscello in estate. Jessica è una delle organizzatrici e racconta come un evento del genere possa far conoscere la città di Ferrara e la vita delle contrade anche se non ne è collegato apertamente: “Sangio in Rock è un concorso musicale per rock band emergenti. Ormai è da qualche anno che lo organizziamo, in una frazione di Ferrara, ad Aguscello,un posto poco popolato e molto piccolo che merita di essere conosciuto e rivalutato. E’ un evento che negli anni sta diventando sempre più grande e si divide in quattro giornate a cavallo tra luglio e agosto: ogni sera si sfidano sei band, ad una serata è invitato un gruppo ospite e con la finale si proclamano due vincitori, uno scelto dal pubblico e l’altro da una giuria da professionisti. Anche questo serve per far conoscere le contrade ai cittadini che non le apprezzano e che magari vorrebbero che questa manifestazione storica non si ripetesse più”.

Tanti gli eventi in programma e quelli del passato, alcuni ricordati con divertimento, come quella volta in cui, durante il giuramento, gli sbandieratori decisero di provare un’articolata giocoleria di fuoco ma, calcolato male il tempo, rischiarono di dar fuoco al Castello. Chi, se non l’Idra infuocata, poteva infiammare l’evento? Este viva, San Giorgio viva!



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Chiara Ricchiuti

Chiara Ricchiuti

Ti potrebbe interessare:

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013