Skip to main content

La sua bottega si chiama Hidden Spirits. In effetti anche lui è uno spirito nascosto tra le viuzze del centro storico di Ferrara, dove, quando meno te lo aspetti, spunta questa piccola vetrina che lascia intravedere uno scrigno di bottiglie.

Mentre siamo dentro, un ragazzo si affaccia sulla porta e chiede: “Vendete whisky irlandese?”. “No, solo scozzese”, è la risposta di Andrea Ferrari, che dal 2013 ha fondato in città una piccola azienda che seleziona, imbottiglia e commercializza single malt scotch whisky.

Originario del Lago di Garda, Ferrari è un dottore agronomo consulente della Regione Lombardia, arrivato qui nel 2005 per amore di una ferrarese.

hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch

“Per il mio lavoro di consulente che porto ancora avanti, mi sono spesso occupato di aziende vitivinicole. Quel che mi interessava era in particolare la distillazione. E’ così che ho conosciuto il settore del whisky e mi sono innamorato della sua magia, al punto che ho iniziato a scrivere un blog: www.whiskynews.it. Poi sono cominciati i viaggi in Scozia per conoscere aromi, sapori e persone”.

Quando Andrea ha capito cosa gli piaceva, ha deciso di voler imbottigliare le qualità che pian piano scovava. Per questo però, era necessario avere una propria azienda: è così che è nata la Hidden Spirits.
Quello del whisky è un mondo tanto affascinante, quanto complesso. In Scozia, dove il distillato è una risorsa preziosa, i disciplinari sono molto severi: l’imbottigliamento deve avvenire su suolo scozzese.
Inoltre non bisogna entrare in concorrenza con la distilleria da cui si prende il whisky, che normalmente ha una sua linea. Per questo ogni etichetta, deve essere sottoposta all’approvazione della Single Malt Whisky Association.

“Quello che faccio io, è un independent bottling, cioè un imbottigliamento indipendente, mentre quello delle distillerie si definisce original bottling. Concretamente mi reco nella distilleria e il master distiller mi fa fare un assaggio direttamente dalla botte. Se mi piace, la acquisto. Solitamente acquisto hogshead, botti da cui si possono ricavare dalle 160 alle 250 bottiglie, per questo le mie sono tutte serie limitate e ciò ne aumenta il valore. Io acquisto prevalentemente whisky stagionati in botti ex bourbon, (che precedentemente contenevano il distillato americano), in quanto esaltano la qualità del distillato whisky. Fino ad oggi tutti i miei imbottigliamenti sono stati “single cask”, cioè provenienti da singola botte.

Qual è il valore aggiunto che un imbottigliatore può mettere nel whisky?
“Una volta acquistata la botte, faccio diverse prove di diluizione con acqua distillata, per capire qual è il grado alcolico che esalta maggiormente le caratteristiche di quel whisky. A volte l’alcol nasconde i profumi come il bouquet fiorito o la freschezza del gelsomino, e la diluizione può farli riaffiorare. Inoltre a me spetta la scelta dell’etichetta. Finora mi sono mantenuto sul classico, elaborando vedute dei luoghi di origine del whisky, ma il mio progetto è quello di coinvolgere pittori ferraresi per fare etichette artistiche. Ora sto lavorando con Alessio Bolognesi, in arte Sfiggy per la prima della serie. Ho anche rivoluzionato il packaging: invece del classico tubo di cartone, ho ideato una scatola in Mdf, un derivato del legno. L’obiettivo è modernizzare la bottega e raggiungere un pubblico giovane. Sono un selezionatore italiano, e questo ha un valore. Non solo perché quando porto un pezzo di parmigiano mi aprono le stanze segrete delle distillerie, ma anche perché ci posso mettere stile, design e imprevedibilità”.

Essere italiano, all’estero, ha anche risvolti negativi?
“Si, per esempio mi obbligano al pagamento anticipato e senza sconti. La nostra fama nazionale è quella di pagare in ritardo, al ribasso e peggio ancora di falsificare il prodotto. Ora che alcuni hanno iniziato a conoscermi, mi concedono capacità di credito, ma è raro, non si fidano di noi italiani, dispiace dirlo, ma per colpa di pochi ci siamo fatti una cattiva reputazione”.

hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch
hidden-spirits-ferrara-andrea-ferrari-whisky-scozia-single-malt-scotch

Tanta passione e tanta creatività, ma c’è anche un guadagno?
“Quello del whisky è un mercato di nicchia. Il mio lo è ancora di più. E’ un prodotto caro, le bottiglie vanno dai 50 ai 600 euro. Gli acquirenti sono estimatori che cercano la qualità, o collezionisti che cercano la bottiglia unica. Ora sta andando molto bene il mercato asiatico, sto allacciando rapporti commerciali in Olanda e Francia. In Italia la cultura del single malt whisky è limitata, si preferiscono altri distillati come la grappa. Inoltre la capacità media di un italiano per l’acquisto di una bottiglia di whisky è di 70 euro, quella di un austriaco 250, di uno svedese 700, ovvio quindi che uno degli obiettivi principali sia quello di rivolgermi al mercato straniero. Mi piace però fare anche delle cose qui, per esempio sto organizzando una degustazione con una trattoria del centro per far conoscere i diversi tipi di whisky. L’italiano predilige quello torbato”.

Nonostante le tante difficoltà, cosa ti spinge ad andare avanti?
“Questa è una passione trasformata in lavoro. Andare a ricercare le botti, scovare tesori nelle warehouse, è questo quello che mi motiva. Alla fine il whisky non è altro che acqua, orzo e lieviti, quello che fa la differenza sono la magia della distillazione, il dolce invecchiare delle botti nelle warehouse e le storie. Dietro ad ogni whisky ce n’è una, come quella della distilleria Caol Ila, la prima dove sono stato, che affaccia sulla costa e quando ci sono le mareggiate, gli spruzzi e gli aromi del mare invadono le cantine e si sposano con le botti, conferendo un sapore tutto particolare al distillato. Ogni botte all’interno della warehouse ha una propria storia. Così ogni bottiglia ha il suo racconto”.

(foto di Stefania Andreotti)

tag:

Stefania Andreotti

Giornalista e videomaker, laureata in Tecnologia della comunicazione multimediale ed audiovisiva. Ha collaborato con quotidiani, riviste, siti web, tv, festival e centri di formazione. Innamorata della sua terra e curiosa del mondo, ama scoprire l’universale nel locale e il locale nell’universo. E’ una grande tifosa della Spal e delle parole che esistono solo in ferrarese, come ‘usta’, la sua preferita.

I commenti sono chiusi.


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it