Skip to main content

#IoSonoQui

Crisi di mezza età, voglia di scappare alla ricerca di nuovi stimoli e scoperte, viaggi mai fatti e che ora si vuole fare, leggerezza e spensieratezza. Nella modernità dei social.

Stéphane (Alain Chabat) ha una vita tranquilla nel sud della Francia, nei paesi baschi, ha un rinomato ristorante, ereditato dal padre, che gestisce con i figli, una ex-moglie con cui va d’accordo (cosa piuttosto rara) e non gli manca nulla. Almeno così sembra.

Il suo vero difetto? Non portare nulla a compimento, dall’Accademia delle Belle Arti al tatuaggio di un’anatra lasciato a metà. Ed è avventato e un po’ sprovveduto.

Instagram innescherà una crisi esistenziale senza precedenti, che lo farà intraprendere avventure mai immaginate e sognate, dalla Francia alla Corea. Attraverso questo mirabolante canale social inizierà a conversare con Soo (Doona Bae, attrice coreana dal profilo internazionale che ha lavorato con Kore-edaPark Chan-wook Bong Joon-ho di Parasite), una misteriosa donna coreana che dipinge delicati paesaggi e gli parla dei bellissimi ciliegi in fiore. Acquisto di un quadro, a ornare le pareti svecchiate del suo ristorante, messaggi e videochiamate, ed eccolo pronto a decollare per Seoul. Decisione impulsiva unilaterale che non sarà apprezzata dall’altra parte.

Il regista Eric Lartigau, noto per La famiglia Bélier, firma questo feel-good movie, #IoSonoQui che diverte ma che fa anche pensare. Un po’ ci si ritrova anche, in Stéphane. Con quella voglia di stupire, se stessi per primi, di scappare, di divagare, di prendere le cose con più leggerezza, di prendersi in giro, di seguire i propri sentimenti, di perdersi.

Il film, che ricorda le atmosfere di The Terminal di Steven Spielberg – per quel restare chiuso per giorni nell’aeroporto “spaziale” di Seoul in attesa di Soo che non arriva -, sbeffeggia il mondo digitale con i suoi numeratori di followers e like compulsivi e ne amplifica i danni e la derisione che ne possano derivare da un eccessivo e scorretto. Lo spunto iniziale è proprio l’impaccio della generazione boomer di fronte alle nuove forme tecnologiche di comunicazione interpersonale. Il confronto con l’aspetto social e virtuale permea tutto il film, dallo stesso titolo alle continue sessioni di chat Instagram sovrapposte all’immagine.

In questo caos digitale, Stéphane diventa suo malgrado un fenomeno social di successo con il nome di French Lover, e, mentre Soo non si presenta, inizia a vagare per l’aeroporto e la capitale asiatica alla ricerca della donna, scoprendo qualcosa di nuovo o di dimenticato di sé stesso. L’incontro con tanti “personaggi” sarà una vera sorpresa.

È un film sulla ricerca, sulla voglia di conoscere altro e, soprattutto, sé stessi.

Avventure, colori, sapori, viaggi, corse, girotondi, un ponte fra due paesi tanto lontani ma così affascinanti, l’incontro con Soo, motore inconsapevole di tutto, che torna alla sua vita normale, i figli ritrovati e… tutto è bene quel che finisce bene.

Commedia deliziosa, che merita uno spazio in una serata di relax.

 

 

 

 

 

#Io SonoQui, di Eric Lartigau, con Alain Chabat, Doona Bae, Ilian Bergala, Blanche Gardin, Delphine Gleize, Francia, 2019, 97 minuti.

 

Storie in pellicola, la rubrica di Simonetta Sandri, esce su Periscopio tutti i venerdì. Per leggere gli articoli precedenti clicca su: Storie in pellicola

tag:

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it