21 Giugno 2021

Racconto:
Le cheppie del Canal Bianco

Cristiano Mazzoni

Tempo di lettura: 7 minuti

 

Molto difficile spiegare a chi non ha mai provato e a chi non vedeva la pesca come fine, scopo, riempimento, completamento ed essenza della vita. Per noi, intendo io e Manzo questo era la pesca. Poi aprile, la bella stagione, non che noi si smettesse di pescare nei mesi freddi, anzi. Ogni mese aveva il suo pesce, la sua pesca, sempre rigorosamente a spinning.

La pesca della cheppia non era particolarmente interessante come tecnica, grezza, poco raffinata, villana, ma il salmone della bassa sapeva darti, dopo la ferrata, emozioni indicibili.
Per noi la pesca era sport estremo, molto più pericoloso del parapendio e del bungee jumping, chi se la immagina come rilassante attività per anziani col cappello di paglia in testa non ci ha mai visto all’opera. Abbiamo rischiato denunce penali, di venire risucchiati dalle sabbie mobili, ci siamo arrampicati per manufatti alti decine di metri, siamo caduti nelle peggiori fogne della bassa, abbiamo preso pizzicate da19 insetti tropicali, rischiato di venire assorbiti da turbine idrauliche, eccetera. Ma la storia più eclatante, che non ricordo se l’ho mai scritta, ma che da trenta e passa anni viene narrata ad ogni cena (quando si poteva andare a cena) della ‘vecchia’, sempre con nuovi particolari, dettagli aggiunti, pezzettini veri e/o verosimili è quella che segue.
Oggi mi va di raccontarne la fredda cronaca, la tragicomica e semi esilarante avventura di due fratelli di pesca.

Il periodo era questo, gli anni ’90 erano agli albori, noi lavoratori precari o semi disoccupati, da ubriachi ci dispiacevamo pure per la nostra “dura” vita, ma poi lungo le sponde di un canale le turbe passavano in un attimo. Credo che mai nessun ex frequentatore del bar Trentino diverrà cavaliere del lavoro.

Dicevamo, le sponde del Canal Bianco a Baricetta, come il fiume Kitimat nella Columbia Britannica, al posto del salmone Coho, la famosa Alosa Fallax Nilotica, sua maestà la Cheppia o Cépa in dialetto ferrarese. Dalla sinuosità del King delle acque dolci e salate alla forma rustica di Arringona della regina delle risalite padane. La forza del pesce di mare in trasferta per due mesi l’anno in acque dolci, il richiamo della riproduzione e la fiera dei pescatori. Sia chiaro mai una cheppia è rimasta all’aria più del tempo necessario ad essere slamata e rimessa in libertà, questo per noi era un must, un dogma.

E vabbé, provo a stringere. Arrivare sull’argine del Bianco a fine aprile era come arrivare nel Circondariale durante i campionati del mondo di pesca. Traffico come in tangenziale Ovest a Milano, pescatori da tutte le parti d’Italia, dialetti dell’ovunque. I primi che arrivavano, a notte fonda potevano avvicinarsi alla chiusa, tra i sassi e i giri d’acqua, nella schiuma al detersivo dove le Alose si accalcavano alla ricerca di una difficile risalita al manufatto. Per accaparrarsi un buon posto spalla a spalla si rischiava, come gridare a Scampia “la camorra è una montagna di merda”. Quindi io e il mio compare, mai stati avvezzi alle levatacce, con bella calma ci appropinquiamo verso la ridente località polesana, dopo un buon caffè e una paglia al Bar da Claudio.

Ovviamente i primi quattro cinquecento metri di Canale, sponde orografiche destra e sinistra vedevano la calca del supermercato nel giorno del tre per due. Inarrivabili. Non bisognava però non allontanarsi troppo dalla zona hot. Parcheggio la mia Giulietta scarburata, in curva alla zio vigliàcc e ci lanciamo ad occupare una ‘posta’ abbastanza stretta ma pescabile. Poi per due pescatori esperti come noi quando mai questo potrà essere un problema (cit.).

L’attrezzatura per la Cheppia come dicevamo era grezza, canne da Lucci di 2,70 mt. mulinello robusto, io optai per una classico Abu 4, un piombo a goccia da 25 gr. a fine lenza e una amettiera a tre ami, con pennette bianche brillanti. Attenzione, filo dello 0.35, grosso, molto grosso, (particolare non secondario nel prosieguo della narrazione).

È risaputo dai miei compagni di pesca che io per i primi dieci lanci sono terribilmente pericoloso, la fregola, le rondini nello stomaco, la tachicardia e l’ansia da prestazione mi attanagliano, il tutto condito dalla mia atavica mancanza di attenzione (mi cugino direbbe “usta”). La leggenda epica, narra che quando il buon Dio nella notte dei tempi distribuì l’usta, io capii frusta e me ne scappai lontano.

Spalla a spalla come mille altre volte, il canneto da ambo i lati, una piccola apertura di forse tre metri ci fa vedere le fulgide acque color sciolta del Canal Bianco.

Si parte, inizia la rumba. Le canne a due mani presuppongono una buona forza di lancio, occorre cercare le ragazze argentate a centro fiume, nel filo della corrente ascendente dell’alta marea. Almeno quaranta metri di lancio, meglio di più.
Swiss, i lanci paiono sincronizzati, al secondo forse terzo lancio, sento un soffio, guardo Manzo, mi dice:
– C’è mancato poco, mi hai sfiorato il cappello.
-Tranqui – Rispondo io – Starò più attento.

E infatti il lancio dopo, a tutto braccio con la possanza dei miei bicipiti, inarco la canna come un fuscello e fiondo in avanti. Nessuno swiss, sento uno stock! Netto, ineccepibile, il piombo vola quasi sull’altra sponda, una botta da campionato del mondo, una violenza bruta e incredibile. Ma lo stock, cosa è stato? Mi giro verso Manzo, per chiedergli lumi. Ha lo sguardo fisso in avanti, la paglia in bocca con la brace appesa a un filo, gli occhi sbarrati, non recupera, ha la canna bloccata davanti a sé. Ruota le pupille di un micro millimetro verso di me, incrociamo gli sguardi.
-Ma ti ho preso? – Sussurro.
-Si! – mi dice con un filo di voce.

Mi avvicino per vedere il danno. Ha un amo con piumetta appeso all’orecchio, una specie di orecchino Punk Rock. Nemmeno una goccia di sangue, un lavoro che nemmeno in gioielleria.
Prendo la pinza a becco lungo per elettricisti, che io adopero da slamatore, mi appresto a effettuare l’estrazione.
-No,no,no,no, andiamo al Pronto Soccorso – Grida l’infortunato.
Accudisco le canne, smonto e preparo l’attrezzatura per risalire alla macchina. Ma che fa Manzo? È intento a recuperare una cheppia, finché non la slama, rimane concentrato. Poi, via con la mia Giulietta marrone verso il pronto soccorso di Adria. La corsa è breve, oltrepassiamo la chiusa in direzione est e i Caramba ci sbattono la paletta in faccia. È pur vero che volavamo troppo bassi. Faccio per scendere, ma Manzo mi anticipa, scende e dallo specchietto retrovisore vedo che mima l’infortunio, indicando il reperto appeso al suo orecchio.

Il maresciallo sgrana gli occhi, ci fa ripartire, ci fa strada e ci scorta verso l’ospedale con i lampeggianti accesi. In un attimo siamo al nosocomio polesano, entriamo al Pronto Soccorso che sembriamo Starsky e Hutch, ma vestiti da pesca. Gilet centotasche, pantaloni della mimetica, scarponi infangati e stupida in testa.
Il mio compagno va all’accettazione, effettua il triage. Io sono a distanza, vedo la scena ma non sento le parole. Osservo che si avvicina allo sportello indicando l’orecchio malato. L’infermiera sgrana gli occhi e poi comincia a ridere. Ma non è che sorrida, si sganascia proprio, chiama i colleghi, i quali passano da un secondo di incredulità ad una esplosione di risate sguaiate. Qualcuno mi indica e si piega in preda alle convulsioni scuotendo la testa. Due minuti e l’infortunato entra nella prima sala operatoria disponibile.

Io sono fuori, in ansia per l’amico mio, quando un degente in carrozzella mi si avvicina e in perfetto dialetto polesano mi dice:
-Ma sito stato tì?
Io accenno ad un si colpevole. Il malato scuote la testa con un leggero sorriso compassionevole.

Intanto Manzo sta ‘andando sotto ai ferri’, steso sul lettino il medico di turno gli chiede lumi sull’accaduto. Poggia le mani sul petto del ragazzo ancora con indosso il gilet. Un urlo sovraumano e il medico ritrae la mano destra, dalla quale penzola una Rapala snodato da 12 cm. Con l’esca ancora piantata nella mano chiede se il minnows è mai stato usato. – Certo che si! – risponde il mio amico pescatore.
Il chirurgo fugge in un’altra sala operatoria visibilmente scosso.

Un secondo medico, provvede all’intervento di asportazione. Puntura di anestetico, e in due minuti sfila, dalla parte corretta, non dalla parte dell’ardiglione come stavo facendo io sul posto di pesca, l’amo dal lobo del giovane.
Le infermiere in sollucchero, finiscono la medicazione e liberano Manzo, il quale prima di uscire chiede che gli venga restituito il Rapala. Così è.

Intanto all’accettazione del PS, sembra di essere a Zelig, gente che mi chiede di raccontare nuovamente l’accaduto, morituri che si piegano dal ridere e sprizzano felicità da ogni poro, giovani e vecchi mi domandano come sia potuto accadere. Mi sento un idiota.

Sbrigliamo le ultime formalità all’ospedale, nell’ilarità generale.
Usciamo in un lampo, uno sguardo d’intesa, accendiamo una paglia e ritorniamo di comune accordo sulle sponde del Canal Bianco a pescare.
La pesca non è uno sport, nemmeno un passatempo, men che meno un hobby. E’ la nobile arte.
E noi, modestamente, eravamo davvero degli artisti.

In copertina: Chiavica Pignatta sul Canal Bianco, Baricetta, Adria (foto OLYMPUS DIGITAL CAMERA. licenza Wikimedia Commons)



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Cristiano Mazzoni

Cristiano Mazzoni

Ti potrebbe interessare:

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013