Skip to main content

Quasi 80.000 persone, soprattutto giovani e giovanissimi, hanno invaso Ferrara per seguire i tanti appuntamenti del Festival di Internazionale in un’edizione, la 12esima, dai numeri record. Ma forse è importante dar conto anche di un evento collaterale, molto significativo, e nemmeno tanto piccolo, anch’esso un primato, almeno per la nostra città.
Venerdì 5 ottobre; giornata uggiosa, cinque e mezza del pomeriggio, una piccola folla si raduna davanti ai cancelli del carcere di Ferrara: 80 persone contate, più due o tre giornalisti, ma – mi dice Mauro Presini, organizzatore dell’incontro/evento ‘La città incontra il carcere’ – “Mi continuano a telefonare per chiedere un pass, ma non si poteva sforare quella quota, non c’era posto per tutti; così ho dovuto dire di no ad almeno altri cento ferraresi”.
Già, perché entrare in una Casa Circondariale non è cosa semplicissima. Bisogna qualificarsi con largo anticipo (nome, cognome, eccetera), esibire e lasciare in consegna la carta d’identità alle guardie del primo cancello, lasciare in macchina il cellulare, e poi camminare un bel po’: passare altri cancelli, cortili interni, muri di cemento armato, corridoi, porte blindate. Ora siamo entrati; lungo il percorso di avvicinamento costeggiamo un orto perfettamente manutenuto: è solo una piccola frazione del grande e ormai famoso Galeorto, il geniale progetto ideato e gestito dalla Associazione Viale K.
Ecco, dietro l’ultima doppia porta di acciaio, ci aspettano le due mostre con le opere di alcuni detenuti (pittura e fotografia) e i detenuti stessi che hanno frequentato i laboratori creativi. Insieme a loro, un altro gruppetto di carcerati, la redazione al completo di ‘Astrolabio’, la rivista del carcere di Ferrara, una bella esperienza che va avanti da tredici anni, ancora troppo poco conosciuta in città.

Tutti gli altri – sono circa 400 gli ospiti della Casa Circondariale di Ferrara – sono ovviamente rimasti in cella: impossibilitati a partecipare all’incontro pubblico, assenti quindi, ma non del tutto: dalle finestre del casermone, le loro grida, i richiami, le mezze strofe di canzoni, ci avevano accompagnato mentre percorrevamo i cortili interni del carcere. Erano parecchi anni che non visitavo una galera – forse il sostantivo non è ‘politicamente corretto’ ma rende perfettamente la situazione – e vi assicuro che quelle voci lontane, ingabbiate dietro le sbarre e le grate, ti rimangono dentro. Non riesci neppure a capire cosa gridano – stanno chiamandosi tra loro o vogliono mandare un messaggio a te che sei libero? – ma restituiscono tutta intera la separatezza, il solco, la cesura tra liberi e reclusi. Da una parte il carcere, dall’altra Ferrara e i suoi ‘liberi’ cittadini.
Questa sera però, caso eccezionale e merito di chi ha voluto e organizzato questo evento, la città incontra il carcere. Per più di mezzora giriamo per i due locali dove sono allestite le piccole mostre di quadri e di fotografie in bianco e nero. Parlo con Cristiano Lega, un giovane fotografo napoletano trapiantato a Ferrara che ha condotto il laboratorio di fotografia e con alcuni dei suoi alunni detenuti. Gli faccio i miei complimenti, le foto sono belle, potenti, cariche di emozione. Spiega Cristiano: “E’ proprio sull’emozione che abbiano cercato di lavorare: dimenticare per un momento il carcere, scavare dentro di sé, buttare fuori le emozioni, e fermare queste emozioni in uno scatto o in un autoscatto”. E Paride, uno dei suoi alunni, mi racconta cosa ha significato per lui partecipare a quel laboratorio: “In vita mia non avevo mai preso in mano una macchina fotografica. Non avevo idea, all’inizio non ci credevo proprio. Ci portano in una stanza vuota, tutta bianca, che ci facciamo qui? E invece dopo un po’ mi sono mollato, mi sono lasciato andare, e mi sono anche tolto la maglietta e mostrato i miei tatuaggi. Io la chiamo la mia carta geografica. Alla fine, mentre posavo, o mentre scattavo una foto , era come se in quel momento non fossi più chiuso in carcere. Ci credi? Ero dentro una stanzetta tutta bianca ma mi sentivo libero. Potevo salire sul ring come un pugile, potevo mettermi a ballare…”. Le foto che corredano questo articolo mi pare diano ragione a Paride, ai suoi compagni di corso e al loro insegnante.

Foto di Giulia Presini. Clicca sulle immagini per ingrandirle

Sul muro di fronte alle fotografie, sono appesi i quadri a olio (con regolare cornice) prodotti nel laboratorio di pittura condotto da Raimondo Imbrò del Centro Sociale Quadrifoglio di Pontelagoscuro. Nei quadri, più dei soggetti, mi colpisce lo sguardo: sempre indirizzato dal dentro al fuori, dal chiuso all’aperto, oltre la finestra della cella: prati verdi, passeggiate in un viale alberato, barche sulla spiaggia, marine con faro o senza faro. E una grande mano aperta in primo piano, al polso una catena spezzata. La mano, finalmente, è libera.

L’incontro pubblico si svolge in una grande sala. Sul palco ci sono loro, i protagonisti: una decina di detenuti e componenti la redazione di ‘Astrolabio’ con il maestro Mauro Presini curatore e animatore della rivista, insieme ai partecipanti ai laboratori creativi. Non sono tutti sul palco; mostrarsi e parlare davanti a tante persone non è una cosa facile e alcuni di loro preferiscono stare tra il pubblico e ascoltare. Ma alla fine, vincendo l’imbarazzo e l’emozione, sono in tanti a parlare, a raccontarsi, a rispondere alle domande, a esprimere un’idea o un desiderio. Dopo il saluto del direttore della Casa Circondariale Paolo Malato e dell’Assessore Chiara Sapigni del Comune di Ferrara (da anni il Comune sostiene, economicamente e non solo, Astrolabio e altre attività dentro il carcere), dopo il breve intervento di Vito Martiello (inventore e direttore responsabile della rivista), sono i detenuti a prendersi la scena. I loro sono piccoli racconti di un riscatto, di un percorso di riabilitazione e cambiamento che, pur essendo ancora reclusi, è già iniziato. Grazie a iniziative come ‘Astrolabio’, i laboratori, il teatro, l’orto dentro e fuori le mura del carcere. Grazie all’impegno di tanti volontari ferraresi. Grazie alla disponibilità del direttore della Casa Circondariale e all’attenzione dell’Amministrazione Comunale. Il pubblico ascolta e fa domande. I detenuti (sotto ho voluto ricordare tutti i loro nomi di battesimo) rispondono. Si accende un dialogo concreto, non sui massimi sistemi, ma sulle necessità, le esigenze, i desideri di chi è privato della libertà ma chiede di non buttar via il tempo da passare in carcere.

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Qui, dentro questa sala disadorna della Casa Circondariale si respira un bel clima. Un clima ben diverso da quello che circola oggi in Italia. Mi viene in mente il Ministro dell’Interno che ricorda in tv e via Facebook che lui manterrà la promessa di… costruire altre carceri. O il dibattito in Parlamento dove la maggioranza nega alle madri detenute di stare assieme ai loro figli neonati. Ferrara, per fortuna, va “in direzione ostinata e contraria”. Tra la città e il suo carcere, tra la ‘città aperta’ e la ‘città dietro le sbarre’ c’è un ponte. A questo ponte, anche durante l’incontro, molti hanno dato nomi diversi: solidarietà, rispetto dei diritti umani, impegno verso il dettato della nostra Costituzione, voglia di libertà.

Usciamo fuori ed è già buio. Le luci delle finestre del carcere rimangono accese. Ritiriamo in guardiola i nostri documenti. Noi fuori. Loro dentro.

La redazione di Astrolabio: Mauro (caporedattore), Ben Harrat, Antonino, Marsel, Hassane, Paolo, Bruno, Michele, Francesco, Marco, Cesare, Alex.

Per leggere tutti i numeri di Astrolabio, conoscere e sostenere le esperienze e le iniziative per aprire il carcere alla città clicca QUI

Leggi anche
Internazionale e Teatro Nucleo portano la città nel teatro-carcere di via Arginone
Entrare in carcere con il teatro

tag:

Francesco Monini

Nato a Ferrara, è innamorato del Sud (d’Italia e del Mondo) ma a Ferrara gli piace tornare. Giornalista, autore, infinito lettore. E’ stato tra i soci fondatori della cooperativa sociale “le pagine” di cui è stato presidente per tre lustri. Ha collaborato a Rocca, Linus, Cuore, il manifesto e molti altri giornali e riviste. E’ direttore responsabile di “madrugada”, trimestrale di incontri e racconti e del quotidiano online “Periscopio”. Ha tre figli di cui va ingenuamente fiero e di cui mostra le fotografie a chiunque incontra.

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it