2 Settembre 2015

LA STORIA
La sfida antimafia di Antonio e Simmaco: passare dalla difesa all’attacco

Federica Pezzoli

Tempo di lettura: 4 minuti

fuochi-legalità

“Volevo avvertire il nostro ignoto estorsore di risparmiare le telefonate dal tono minaccioso e le spese per l’acquisto di micce, bombe e proiettili, in quanto non siamo disponibili a dare contributi e ci siamo messi sotto la protezione della polizia”. (Libero Grassi, imprenditore e vittima innocente di mafia, 1924-1991)

“La nostra non è solo la terra dei fuochi, è la terra di don Peppe Diana, non è solo Gomorra, è la Campania felix”. Così Antonio Picascia, amministratore delegato di Cleprin descrive la sua terra, la provincia di Caserta, dove lavora con la sua azienda di detergenti. Al Parco Nord di Bologna, durante la Festa dell’Unità, Antonio racconta la sua storia in una sera di fine d’estate, insieme a Simmaco Perillo di NCONuova Cooperazione Organizzata – che con lui sta portando avanti un nuovo modo di fare antimafia: andare oltre il coraggio della denuncia e creare un’alternativa di legalità, avere non solo il coraggio della resistenza, ma sognare una vera e propria rivoluzione.

Antonio nel 2007 ha denunciato i tentativi prima di infiltrazione nella Cleprin e poi di estorsione da parte del clan di Sessa Aurunca, affiliato ai Casalesi. Simmaco con la sua cooperativa sociale “Al di là dei sogni” dal 2004 fa inserimento lavorativo e produce prodotti biologici su terreni confiscati alla Camorra, ma da un po’ di tempo ha proposto ad Antonio di inserire i ragazzi anche nella sua azienda, magari nella sua produzione di detergenti idrosolubili e completamente eco-compatibili: “pensa che bello se ragazzi con alle spalle storie di tossicodipendenza lavorassero alle tue eco-dosi”.

Antonio e Simmaco però hanno in comune anche qualcos’altro: gli incendi che in luglio hanno devastato il loro lavoro. Fuochi con caratteristiche curiose: quello che ha danneggiato il pescheto di “Al di là dei sogni”, mettendo seriamente a rischio il raccolto, si è misteriosamente fermato al confine con l’altra proprietà seguendo una linea dritta come un muro invisibile; mentre quello che ha distrutto quasi due terzi dell’azienda di Antonio è divampato nella notte fra il 23 e il 24 luglio. Guarda caso il 24 luglio 1991 a Sessa Aurunca è stato ucciso Alberto Varone, commerciante di 49 anni con cinque figli, che non aveva ceduto alle richieste di estorsione, l’ultima delle quali era venuta addirittura “dalla nipote di 16 anni”, rivela amareggiato Simmaco. E per un’altra strana coincidenza il killer era il fratello proprio dell’uomo che, secondo il clan, Antonio avrebbe dovuto assumere alla Cleprin.

Né Simmaco né Antonio si sono fermati. Sui 17 ettari del bene confiscato al clan Moccia e intitolato proprio ad Alberto Varone anche quest’anno sono arrivati i tanti ragazzi di EstateLiberi!, i campi estivi di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie. E alla Cleprin, terminata la conta dei danni e le operazioni di ripristino dello stato di sicurezza della zona, Antonio, il suo socio Franco Beneduce e i 33 dipendenti hanno ripreso la produzione. Grazie anche alle istituzioni: il dissequestro di una parte dell’azienda è arrivato subito, per cercare di ridurre l’impatto ambientale del disastro, c’erano tensioattivi e materiali che andavano messi in sicurezza. Produzione, imbottigliamento e spedizione, si fa tutto nel reparto magazzino, risparmiato dalle fiamme, con gli unici tre miscelatori rimasti dei 17 presenti prima dell’incendio.

Cleprin Festa Unità
Il palco dell’incontro al Parco Nord. Foto da Voghiera e Libera per dare vita alla terra

Antonio sabato sera ha usato il mito della caverna di Platone, come ha fatto con i ragazzi dei campi estivi che hanno visitato la Cleprin dopo l’incendio, per portare “non solidarietà ma corresponsabilità”, come ha detto don Ciotti il 31 luglio nel piazzale dell’azienda. “Bisogna spezzare le catene per uscire e vedere le cose come sono veramente”: uscendo dalla caverna alla luce del sole si può iniziare a reclamare i propri diritti, non accontentandosi più dei privilegi offerti dalla criminalità organizzata, che altro non sono se non ombre.

Incendi, furti, danneggiamenti, “sono atti non di forza, ma di debolezza”, afferma Antonio, perché la loro rivoluzione sta funzionando, stanno dimostrando al territorio che l’alternativa culturale ed economica al sistema della criminalità organizzata è possibile. Non solo: lo stanno facendo attraverso un modello sociale e produttivo etico e sostenibile dal punto di vista ambientale. Nel 2007 gli unici a stare accanto ad Antonio e al suo socio erano stati i carabinieri della caserma di Mondragone che avevano raccolto la loro denuncia, “l’indifferenza della società civile è stata la cosa più brutta di quei momenti”: le istituzioni allora avevano risposto, ma erano mancati i cittadini. Oggi non è più cosi, dopo l’incendio “non siamo rimasti soli”, alla Cleprin sono arrivate “decine, centinaia, migliaia di persone che nemmeno conoscevamo”.

casertano-incendio-cleprin
Uno dei post pubblicati sulla pagina Facebook della fabbrica di detersivi ecocompatibili Cleprin di Sessa Aurunca.

Articoli correlati:

IL FATTO Incendio della Cleprin nel casertano. Antonio Picascia: “Ma non manderete in fumo un sogno”

L’IDEA I fuochi della passione e della legalità


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Federica Pezzoli

Federica Pezzoli

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013