14 Maggio 2015

Il vescovo, il re, l’imperatore

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 4 minuti

vescovo-negri

Giuro che quando l’ho appreso ho pensato a uno scherzo. Invece era tutto vero: una settimana di festeggiamenti per celebrare il decennale dell’episcopato di monsignor Luigi Negri. Sette giorni in onore del vescovo come tributo al suo ruolo nella ricorrenza della nomina… Non mi domando se questo sia lecito o se sia prassi: per quel che ho compreso è un’antica usanza che qualcuno rinnova e altri ignorano. A celebrazioni concluse, quindi col senno del poi, mi chiedo il senso di questa cosa e mi interrogo sulla sua opportunità, oltretutto in tempi difficili per tutti… Mi domando perché un vescovo avverta l’esigenza di festeggiare pubblicamente se stesso, con cerimonie ed eventi, come una star o come il sovrano di un’altra epoca. Qual è il significato di questa messa in scena? Francamente mi è parso un ritorno al medioevo, come peraltro filiazione di quel clima mi sono sembrate (e questo è ben più grave) parecchie delle esternazione che questo vescovo ci regala da mesi, circa l’esercizio dei diritti individuali, per esempio, o il significato storico di atti di belligeranza, come le crociate, ricondotti nell’alveo assolutorio degli atti di fede. La questione dei festeggiamenti di se medesimo, poi, mi è parsa ancor più stridente, considerando che mentre con una mano idealmente Negri levava il calice a propria gloria, nelle stesse ore con l’altra ammoniva chi, come il nostro don Domenico Bedin, in spirito evangelico predica l’accoglienza e il rispetto per gli ultimi.
E poco vale, a mio parere, ciò che han riferito i suoi sodali, ossia che il vescovo avrebbe ceduto alle insistenze degli accoliti perché – fosse stato per lui – avrebbe celebrato solo le messe con le suore di clausura. Negri ci pare avere personalità e temperamento tali da non farsi imporre nulla da nessuno, tantomeno dai sottoposti…

A corollario di tutto ciò e ad aumentare lo sconcerto c’è stata l’invereconda faccenda delle assoluzioni: concessione dell’indulgenza plenaria a tutti coloro che hanno preso parte ad almeno un rito celebrato in onore del vescovo. Così, chi ha peccato ha potuto vedersi redento per il sol fatto di avere compiuto atto di contrizione durante questo periodo di osanna per il monsignore. Io, come presumo molti altri, delle indulgenze serbo unicamente memoria scolastica, quando i libri di storia le citavano ad esempio di indegno mercimonio della Chiesa, che in tempi corrotti concedeva l’assoluzione ai ricchi e zelanti peccatori in cambio delle loro generose offerte monetarie. Questioni tutt’altro che trascurabili, che nel 1517 portarono alla nascita della Chiesa protestante.

È blasfemia segnalare queste cose? Finirò all’inferno per questo? Verrò scomunicato? Corro il rischio… Tutt’al più mi appellerò alla prossima indulgenza!
Francamente mi ha disturbato anche l’acquiescenza – vagamente farisaica – che, con sparute eccezioni, ha accompagnato la ‘sette giorni’ di gloria. Ho incrociato in privato qualche sorrisino malcelato e udito in pubblico poche voci fuori dal coro. Le espressioni più autentiche e libere le ho trovate nel blog di Estense.com a commento di un puntuale articolo di Ruggero Veronese. Scrive per esempio il signor Mauro Corradini: “Un Grande Pastore d’Anime. Un uomo che veramente sa sminuire sé stesso e rendere grandi gli altri e che mette in pratica le parole di Gesù: ‘colui che vorrà essere grande si farà servo di tutti. Un vero Principe della Chiesa”.

Aggiunge un altro che si mantiene anonimo (dietro lo pseudonimo ‘Urecia’): “Signor Sindaco, Ferrara è laica e democratica. L’indulgenza del vescovo Negri riguarda le singole persone che decideranno come rapportarsi a questo importante avvenimento. L’istituzione Comune è di tutti anche di coloro che non sono sensibili alle parole del Vescovo di Ferrara… quindi, a parere di un non religioso, se il Sindaco vuole sostenere questa iniziativa lo faccia, ma a titolo personale e non in qualità di Sindaco”.
Come dargli torto? E qui infatti si innesta un altro motivo di sconcerto: il sindaco, con il suo stato maggiore, si è prestato a ospitare in municipio, che è casa di tutti, la conferenza stampa in cui – contumace monsignor Negri – si sono annunciate le mirabolanti iniziative previste per la settimana di celebrazione. Non solo: ancora il sindaco, a nome del Comune, ha ritenuto di dover dedicare un concerto al sollazzo del prelato. Oltretutto Negri non festeggiava dieci anni di presenza a Ferrara, nel qual caso si sarebbe potuto perlomeno cogliere un senso di appartenenza a una città che al contrario in questi 26 mesi ha solo fustigato. Il prelato ha celebrato i ‘suoi’ dieci anni da vescovo. Perché allora (e per compiacere chi) la nostra comunità è stata avviluppata nella manifestazione di questa gioia affettata?
Io, libero cittadino di Ferrara, mi dissocio. E dico che se il vescovo sceglie di fare ostensione di se stesso, si offre ai fedeli e chiede la loro giubilante devozione, colgo in tutto ciò qualcosa di sgradevolmente feudale, impregnato in quel lezzo che si definisce culto della personalità.

 

Il brano intonato: Fo, Gaber, Jannacci – Ho visto un re [ascolta]


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Le vie dell’avvento

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013