Skip to main content

Da piccolo voleva fare l’ingegnere, e ci è riuscito. Prima l’Itis, poi ingegneria ed ora è responsabile delle normative elettroniche di un’importante organizzazione di industriali.
Però se lo cercate nella pausa caffè, non lo troverete a progettare circuiti, ma, sorpresa, chino sullo sketchbook che porta sempre con sé.

Perché c’è un’altra cosa che Alessio Bolognesi, classe ’78, fa molto bene fin da bambino: disegnare. All’inizio con la sua mamma che con passione lo ha accompagnato, poi da solo.

“Al lavoro scarabocchio sempre, i miei appunti sono fatti di tre righe e venti disegni. Su uno di quei fogli mi sono inventato un personaggio, io dico per caso, ma non esiste il caso: ho elaborato una cosa che avevo dentro, ed ho iniziato a disegnare un omino sfigato, spezzettato, con le cicatrici”.

E’ questa la genesi di Sfiggy, un esserino antropomorfo tutto bianco con una grande testa e due occhi neri tondi che nelle primissime tele di Bolognesi viene pugnalato alla gola, all’addome e alle braccia, ma non muore. Viene rattoppato, e da allora porta i segni di quelle evidenti cuciture che gli tengono assieme il corpo. “E’ il mio alter ego” ci racconta Alessio accogliendoci nella sua casa laboratorio, affollata di tele, libri, fumetti e giocattoli di Star Wars sparsi ovunque. “Sono un nerd, si nota?”, ammette candidamente.

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy

Sfiggy occhieggia un po’ ovunque dalle tele, ma non è sempre stato così.

“Nel 2008 avevo vinto un concorso d’arte a Parma e il premio era una personale in un castello. Allora dipingevo soprattutto nudi di donne stilizzati, però nell’ultima sala ho voluto inserire tre tele di Sfiggy. Sono piaciute un sacco, da allora ho iniziato a sviluppare il personaggio, che poi è fatto di quel che mi succede, dentro e fuori”.

Il mondo di Sfiggy è piuttosto dark, ma un dark che non si prende troppo sul serio. Se alle origini è più che altro lui stesso il protagonista di macabre mutilazioni su sfondi pop, poi arriva una tragicomica vendetta. In una serie che ha avuto grande successo, lo vediamo impegnato ad attentare alla vita di noti cartoons. Celebri sono i suoi vari tentativi di eliminare Hello Kitty, ma anche Pikachu, Chobin, i Looney Toons, persino la Pimpa. Non si salva nessuno. Poi c’è la serie con le sue incursioni nel mondo dell’arte contemporanea, dove è imprigionato in una tela di Mondrian o fa piangere una delle donne di Roy Lichtenstein. Dopo lo vediamo dentro a scene di famosi film, tra cui neanche a dirlo, Star Wars, ma anche i classici di Antonioni.

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy

Sfiggy c’è sempre, ma lo stile si evolve in continuazione. Dopo essere uscito dalla tela per diventare un pupazzo realizzato a mano dallo stesso Bolognesi, Sfiggy è rientrato nei quadri guadagnando la terza dimensione. Poi c’è la serie su carta antica, quella sui bilici immobiliari simbolo di precarietà, e quella in cui i protagonisti sono altri e Sfiggy è coprotagonista. Come dire, non si è sempre al centro della scena.

“No, non mi sono ancora stancato di disegnare Sfiggy, perché sarebbe come dire che mi sono stancato di me stesso, si trasforma con me”.

Sono passati alcuni anni, neanche tanti, dal primo Sfiggy, ed ora è un marchio registrato, campeggia in decine di quadri (Bolognesi ne realizza un centinaio all’anno), e ci osserva da numerosi murales in varie città d’Italia.

“Capisci che le cose stanno cambiando quando non sei più tu a cercare gli altri, ma gli altri che cercano te”.

Ora Bolognesi è presente in almeno sei gallerie nelle principali città, ed è impegnato in svariati progetti di cui tre solo per Expo. Uno è una collaborazione con i detenuti del carcere di Bollate, che confina con i padiglioni dell’esposizione e, il giorno dell’inaugurazione, esporrà fuori dalle finestre enormi tele con disegni realizzati assieme ad alcuni artisti. Abbiamo raccontato questo bel progetto sulle pagine del nostro Settimanale. [clicca]
Un altro progetto più locale lo vede collaborare con l’azienda ferrarese di imbottigliamento di whisky Hidden Spirits per la realizzazione di etichette d’autore, ne avevamo parlato qui. [clicca]

“Ora il mio problema è il tempo, passo il giorno in ufficio, la notte a disegnare e i week end a fare pubbliche relazioni, sto iniziando a pensare di cominciare a dedicare più tempo ad una di queste cose”.

Indovinate quale. Ma è possibile vivere oggi facendo quadri?

“Le mie tele vengono vendute fino a 1500 euro. E c’è una buona richiesta”.

Guardiamo fuori dalla finestra davanti alla scrivania piena di disegni, pennelli e colori. Là dove uno vede la prima periferia di Ferrara, con le auto che passano all’imbrunire, è bello pensare che qualcun altro veda mondi da ritrarre con passione. E che di questa passione poi ci possa vivere. Fa bene al cuore, anche a quello dilaniato di Sfiggy.

(foto di Stefania Andreotti e Alessio Bolognesi)

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
tag:

Stefania Andreotti

Giornalista e videomaker, laureata in Tecnologia della comunicazione multimediale ed audiovisiva. Ha collaborato con quotidiani, riviste, siti web, tv, festival e centri di formazione. Innamorata della sua terra e curiosa del mondo, ama scoprire l’universale nel locale e il locale nell’universo. E’ una grande tifosa della Spal e delle parole che esistono solo in ferrarese, come ‘usta’, la sua preferita.

I commenti sono chiusi.


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it