9 Aprile 2015

IL PERSONAGGIO
Sfortunato, ferito, vendicativo, ma anche ironico: Sfiggy, l’alter ego di un artista ferrarese

Stefania Andreotti

Tempo di lettura: 4 minuti

Da piccolo voleva fare l’ingegnere, e ci è riuscito. Prima l’Itis, poi ingegneria ed ora è responsabile delle normative elettroniche di un’importante organizzazione di industriali.
Però se lo cercate nella pausa caffè, non lo troverete a progettare circuiti, ma, sorpresa, chino sullo sketchbook che porta sempre con sé.

Perché c’è un’altra cosa che Alessio Bolognesi, classe ’78, fa molto bene fin da bambino: disegnare. All’inizio con la sua mamma che con passione lo ha accompagnato, poi da solo.

“Al lavoro scarabocchio sempre, i miei appunti sono fatti di tre righe e venti disegni. Su uno di quei fogli mi sono inventato un personaggio, io dico per caso, ma non esiste il caso: ho elaborato una cosa che avevo dentro, ed ho iniziato a disegnare un omino sfigato, spezzettato, con le cicatrici”.

E’ questa la genesi di Sfiggy, un esserino antropomorfo tutto bianco con una grande testa e due occhi neri tondi che nelle primissime tele di Bolognesi viene pugnalato alla gola, all’addome e alle braccia, ma non muore. Viene rattoppato, e da allora porta i segni di quelle evidenti cuciture che gli tengono assieme il corpo. “E’ il mio alter ego” ci racconta Alessio accogliendoci nella sua casa laboratorio, affollata di tele, libri, fumetti e giocattoli di Star Wars sparsi ovunque. “Sono un nerd, si nota?”, ammette candidamente.

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy

Sfiggy occhieggia un po’ ovunque dalle tele, ma non è sempre stato così.

“Nel 2008 avevo vinto un concorso d’arte a Parma e il premio era una personale in un castello. Allora dipingevo soprattutto nudi di donne stilizzati, però nell’ultima sala ho voluto inserire tre tele di Sfiggy. Sono piaciute un sacco, da allora ho iniziato a sviluppare il personaggio, che poi è fatto di quel che mi succede, dentro e fuori”.

Il mondo di Sfiggy è piuttosto dark, ma un dark che non si prende troppo sul serio. Se alle origini è più che altro lui stesso il protagonista di macabre mutilazioni su sfondi pop, poi arriva una tragicomica vendetta. In una serie che ha avuto grande successo, lo vediamo impegnato ad attentare alla vita di noti cartoons. Celebri sono i suoi vari tentativi di eliminare Hello Kitty, ma anche Pikachu, Chobin, i Looney Toons, persino la Pimpa. Non si salva nessuno. Poi c’è la serie con le sue incursioni nel mondo dell’arte contemporanea, dove è imprigionato in una tela di Mondrian o fa piangere una delle donne di Roy Lichtenstein. Dopo lo vediamo dentro a scene di famosi film, tra cui neanche a dirlo, Star Wars, ma anche i classici di Antonioni.

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy

Sfiggy c’è sempre, ma lo stile si evolve in continuazione. Dopo essere uscito dalla tela per diventare un pupazzo realizzato a mano dallo stesso Bolognesi, Sfiggy è rientrato nei quadri guadagnando la terza dimensione. Poi c’è la serie su carta antica, quella sui bilici immobiliari simbolo di precarietà, e quella in cui i protagonisti sono altri e Sfiggy è coprotagonista. Come dire, non si è sempre al centro della scena.

“No, non mi sono ancora stancato di disegnare Sfiggy, perché sarebbe come dire che mi sono stancato di me stesso, si trasforma con me”.

Sono passati alcuni anni, neanche tanti, dal primo Sfiggy, ed ora è un marchio registrato, campeggia in decine di quadri (Bolognesi ne realizza un centinaio all’anno), e ci osserva da numerosi murales in varie città d’Italia.

“Capisci che le cose stanno cambiando quando non sei più tu a cercare gli altri, ma gli altri che cercano te”.

Ora Bolognesi è presente in almeno sei gallerie nelle principali città, ed è impegnato in svariati progetti di cui tre solo per Expo. Uno è una collaborazione con i detenuti del carcere di Bollate, che confina con i padiglioni dell’esposizione e, il giorno dell’inaugurazione, esporrà fuori dalle finestre enormi tele con disegni realizzati assieme ad alcuni artisti. Abbiamo raccontato questo bel progetto sulle pagine del nostro Settimanale. [clicca]
Un altro progetto più locale lo vede collaborare con l’azienda ferrarese di imbottigliamento di whisky Hidden Spirits per la realizzazione di etichette d’autore, ne avevamo parlato qui. [clicca]

“Ora il mio problema è il tempo, passo il giorno in ufficio, la notte a disegnare e i week end a fare pubbliche relazioni, sto iniziando a pensare di cominciare a dedicare più tempo ad una di queste cose”.

Indovinate quale. Ma è possibile vivere oggi facendo quadri?

“Le mie tele vengono vendute fino a 1500 euro. E c’è una buona richiesta”.

Guardiamo fuori dalla finestra davanti alla scrivania piena di disegni, pennelli e colori. Là dove uno vede la prima periferia di Ferrara, con le auto che passano all’imbrunire, è bello pensare che qualcun altro veda mondi da ritrarre con passione. E che di questa passione poi ci possa vivere. Fa bene al cuore, anche a quello dilaniato di Sfiggy.

(foto di Stefania Andreotti e Alessio Bolognesi)

alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy
alessio-bolognesi-sfiggy

I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Stefania Andreotti

Giornalista e videomaker, laureata in Tecnologia della comunicazione multimediale ed audiovisiva. Ha collaborato con quotidiani, riviste, siti web, tv, festival e centri di formazione. Innamorata della sua terra e curiosa del mondo, ama scoprire l’universale nel locale e il locale nell’universo. E’ una grande tifosa della Spal e delle parole che esistono solo in ferrarese, come ‘usta’, la sua preferita.
Stefania Andreotti

Ti potrebbe interessare:

  • Livio Pepino: Se cento giorni vi sembran pochi…

  • Mussolini e il “Nero di Londra”: dalle ricerche d’archivio una storia che non conosciamo

  • Consiglio esecutivo del KNK:
    appello urgente di aiuto per le vittime del terremoto nel Kurdistan settentrionale e occidentale, in Turchia e in Siria

  • Parole e figure /
    I magnifici Kappa

  • L’Amministrazione di Ferrara ha scelto la politica dell’evento mordi e fuggi. Invece occorre ascoltare i cittadini e un progetto per la città. Partendo dalla normalità.

  • salvataggio in mare,

    La storia di Carlo Urbani e di 50 anni di Medici Senza Frontiere: soccorrere, salvare, denunciare le responsabilità

  • Una botta di vita /
    Impegno umanitario

  • La politica brutta

  • Superbonus o supercazzola?

  • 11 FEBBRAIO: CARNEVALE GLOBALE PER ASSANGE
    Aggiornamento al 5 febbraio 2023

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013