Skip to main content
“Mi chiamo Elisa, sono un’esploratrice di suoni. Porto alla luce le armonie nascoste dell’anima per trasformarle in un ritratto musicale in cui puoi sentirti. Con il mio lavoro ti aiuto a esprimere l’essenza di ciò che ti rende speciale. Insieme, musichiamo il tuo silenzio”.  

Giornata dall’aria ancora frizzantina, direzione via Cisterna del Follo 33. Elisa mi aspetta all’angolo della via, mi è venuta incontro. Non è cosa abituale una simile attenzione e già questo gesto gentile mi fa entrare in forte empatia con una persona che, fino a quel momento, avevo sentito per telefono ed e-mail.

Sulla porta di entrata il cartello “Piffany, scuola di musica: da subito mi era piaciuto quel connubio sbarazzino fra il cognome di Elisa (Piffanelli) e quella meraviglia che è Tiffany, pensando ovviamente al mio film preferito con Audrey Hepburn. Da settimane cercavamo di incontrarci, lei vive fra Ferrara e Città di Castello, io fra Ferrara e Roma. Ma eccoci qui, finalmente. La sua scuola. E non solo. C’è molto altro. Elisa è musicista, pianista diplomata e perfezionata con maestri della scuola russa e italiana, con un amore per il pianoforte che risale all’età di sette anni. Da tempo si occupa di didattica musicale in relazione al movimento. Ha un metodo originale.

Appena entrata mi accoglie, maglione dai colori dell’arcobaleno, nella stanza che ospita un meraviglioso pianoforte a coda nero, uno di quelli che sanno di antico, dai tasti di avorio consumati da dita che scorrono veloci e sicure, tracciando sogni di note che si disperdono nel vapore tiepido dei raggi del sole che, timidamente, fanno capolino dalle finestre.

Fotografie di fiori alle pareti, la magnolia fiorita del vicino di casa, in primis. Piante verdi, un violino. E poi tanti libri, attentamente catalogati come in una biblioteca rigorosamente ordinata. Volumi di famiglia, ricordi cui Elisa tiene molto. La memoria per lei è tutto.

In questa stanza si entra per recuperare l’ascolto di sé stessi, quello che si sta perdendo. Quindi si entra in relazione con sé stessi e gli altri, “perché la relazione muove tutto, ci credo fermamente e tutto il mio percorso di ricerca parte da qui”, sorride Elisa.

“Ho iniziato con un’utenza di bambini dai 5 ai 10 anni ma poi la platea si è allargata agli adulti”, ci dice. “Ho sviluppato un mio metodo fatto di disegni musicali per insegnare ai bambini: il pianoforte, ad esempio, è un personaggio, un amico, i due tasti neri gli occhi. Il bambino vede sé stesso in relazione allo strumento, partendo dall’altezza del corpo rispetto ad esso, dalla grandezza della sua mano sulla tastiera”, continua. Ci si gira intorno, si guarda quante gambe ha, ci si piega per guardare come è fatto sotto. Picchiettando su di esso, sempre insieme al piccolo allievo, ci si accorge che esso è avvolto da un legno massiccio con un suono più sordo che ricopre la sua struttura e che ne ha poi un altro più sottile, ma dal suono più generoso, flessibile ed elastico, che si trova al suo interno. Questa è l’anima del pianoforte. Si esplora poi l’interno, a forma di arpa.

Arriva quindi il momento del giovane allievo, si cerca di capire quale personaggio vorrebbe essere in relazione a questo strumento, se è molto più grande o molto più piccolo di lui, si appoggiano le mani sulla tastiera… l’esplorazione inizia.

I tasti profumano? Sanno di vaniglia o cioccolato? Suono sia. Inizialmente non esistono i nomi delle note, i tasti bianchi sono biscottini alla vaniglia, quelli neri al cioccolato, o liquirizie. Si cercano occhi, ovvero i due tasti neri, e naso, in mezzo ad essi, di un personaggio. Tutti sorridono. Fino al bruco, al cane, all’ape, alla rana e al coccodrillo, agli intervalli musicali, al pentagramma, al ritmo e ai valori delle note e delle pause. Sempre giocando, con fantasia: il brano musicale, ad esempio, è un treno e le battute sono i suoi vagoni. Geniale. Non vi sveliamo oltre…

Un metodo pensato come strumento per indagare sé stessi in relazione alla musica, cui viene tolta la tipica finalità del saggio, delle performance a tuti i costi, l’incardinamento rigido nei generi. Un potente aggancio con creatività e immaginazione.

Ad un tratto parte, e allora, capisco tutto meglio: suona “Per Elisa”, non solo è bravissima – questo già lo avevamo capito, visto il pedigree – ma ci trascina in uno spazio e tempo lontani e che sanno di magia. Il contesto è qui legato al sentire: nelle note che scorrono, prima c’è una dolcezza che viene dalla semplicità e dalla melodia poi ci sono momenti di rabbia e di rifiuto. La mano sinistra ritma, la musica racconta tutto in due pagine, così come la letteratura. Il linguaggio interiore qui non è solo emozione ma è la storia di un amore fra un uomo e una donna. La delusione di Beethoven il brano la racconta: gentilezza, tenerezza, romanticismo, ricordo e spensieratezza fino a momenti di rabbia. L’uomo, in fondo, è impotente, c’è una reazione nel riconoscere come l’amore imprigiona. Dalla tecnica si passa al guardarsi dentro.

“Mi fido della pagina scritta”, riprende, “sono i modi per esprimere me stessa, il mio sentire porta alla luce la musica. La musica è movimento e meditazione, le dita sono come il corpo di un ballerino. Il danzatore esprime la danza perché parte dalla musica, il gesto invece è esso stesso importante per la musica. Lo strumento permette di fare fotografie del mio sentire. Ora voglio, infatti, fare dei ‘ritratti musicali’. Per fare un esempio, immagino due frammenti realizzati con le mani che ruotano capovolte. In essi, c’è il movimento suadente, sensuale ed enigmatico, e questa è la mia impressione musicale, la foto di un momento, per dare voce al sentire”.

Con immenso interesse e fede nella relazione, Elisa va verso le persone che ha di fronte e le accoglie per come sono, senza mettere barriere o strutture. Con i suoi collaboratori, oggi quattro e insegnanti di vari strumenti, oltre al canto, organizza dieci lezioni, due di ogni strumento per dare un orientamento su cosa scegliere puntando sempre sull’empatia.

“Mi interessa dare un’identità a livello sociale del musicista”, sottolinea, “dargli un ruolo per me è importante, fondamentale farne capire l’utilità sociale. Per questo ho anche creato un gruppo vocale che accompagna le cerimonie, anche funebri, dove la musica può avere uno spazio importantissimo. È un tema generale della cultura, quello di farsi riconoscere”.

Alleviare l’anima è per lei una missione. Anche pensando a questo, oggi è impegnata in un’esperienza in ospedale, nel reparto di neuropsichiatria, per essere vicina soprattutto alle famiglie che si chiedono perché e alla sua allieva Alice che ha avuto un terribile incidente. Creare un sentire comune è per lei ormai un’esigenza vitale, cerca un modo per essere in relazione. Slegati dai contesti veloci. “Unisco musica, gesto e creatività per dare voce a chiunque voglia raccontarsi attraverso il suono”, ci dice.

Elisa crede nella gentilezza, nell’empatia, nell’accoglienza, nelle scelte di coraggio, nella capacità di rinnovarsi giorno dopo giorno e crescere con consapevolezza, anche e soprattutto attraverso la musica. Per lei è fondamentale dare voce al silenzio. “Io sono suono” è, per lei, un concetto cardine, una sorta di mantra, insieme a essenzialità, semplicità, coralità, meditazione. Un essere un tutt’uno con il mondo. “Per questo donerò un ciliegio a palazzo Roverella, che ospita da tempo suoi pomeriggi musicali, simbolo della famiglia che è la sua scuola: un ciliegio è un albero vivo che resta, è un segno”, conclude.

L’amore per la natura lo si vede, peraltro, anche dal suo giardino colorato e fiorito.

Intanto c’è un nuovo progetto che prende forma: scherma e musica a Città di Castello, nella verde e verace Umbria. Ma questa sarà una nuova puntata.

tag:

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Giornalista pubblicista dal 2016, ha conseguito il Master di Giornalismo presso l’Ecole Supérieure de Journalisme de Paris, frequentato il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di Cinema Immagina di Firenze, curato da Giovanni Bogani, e il corso di sceneggiatura cinematografica della Scuola Holden di Torino, curato da Sara Benedetti. Ha collaborato con le riviste “BioEcoGeo”, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, “Mosca Oggi” e con i siti eniday.com/eni.com; ha tradotto dal francese, per Curcio Editore, La “Bella e la Bestia”, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Appassionata di cinema e letteratura per l’infanzia, collabora anche con “Meer”. Ha fatto parte della giuria professionale e popolare di vari festival italiani di cortometraggi (Sedicicorto International Film Festival, Ferrara Film Corto Festival, Roma Film Corto Festival). Coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Belgio, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it