Skip to main content

ECCO PERCHE’ CHIEDIAMO LA SOSPENSIONE DEI LAVORI E LA CANCELLAZIONE DEL PROGETTO
Il 19 dicembre il TAR Toscana si pronuncerà sul ricorso al progetto eolico industriale “Monte Giogo di Villore” che prevede l’installazione di 7 areogeneratori sui crinali appenninici mugellani fra i Comuni di Vicchio e Dicomano (Firenze).

In particolare : il TAR, riunito in plenaria, si dovrà pronunciare sulla richiesta di sospensiva dei lavori, già inoltrata dai ricorrenti, Italia Nostra e C.A.I. di Firenze, alla fine del mese di luglio 2023 e rimandata a giudizio una prima volta da parte del giudice monocratico, e una seconda volta dalla corte del TAR per approfondimenti. Tra le motivazioni della richiesta di sospensione spiccano per gravità la mancanza, al momento della comunicazione d’inizio lavori, di un vero e proprio progetto esecutivo completo dei rilievi geologici e geotecnici e della relazione sismica, documento imprescindibile per il rilascio dell’autorizzazione ai lavori e l’apertura dei cantieri.

Nonostante le carenze evidenti del progetto nelle sue varie edizioni, la pratica adottata da AGSM-AIM è stata quella di presentare il progetto suddiviso per lotti e carente di relazioni indispensabili come la Sismica, ma, in barba alla normativa, procedere comunque con i lavori. Anche le Amministrazioni pubbliche preposte a rilasciare pareri e autorizzazioni (leggi PAUR) hanno adottato la pratica utilizzata generalmente nell’approvazione delle Grandi Opere: non ostacolare con nessun mezzo i proponenti e non accorgersi di quanto carenti siano i progetti, ottenere via via a piccoli passi, a seguito di osservazioni, esposti ed eventuali contestazioni, tramite integrazioni e/o varianti tutta la documentazione necessaria e sufficiente per proseguire con l’avanzamento delle autorizzazioni e dei lavori.

Anche questa volta il proponente non sarebbe mai stato in grado di presentare tutta la documentazione in una unica volta senza venir meno a quanto prevede e richiede la normativa e lo stesso buon senso, ma utilizza, come spesso accade, il metodo del fatto compiuto davanti al quale le amministrazioni chiudono gli occhi, il naso e le orecchie finché non arriva una multa, una sanzione o…un tribunale.

Purtroppo, come si può ben immaginare, il fatto compiuto prevede il compimento di illeciti quali: inquinamenti, disastri ecologici, distruzione di boschi e fauna selvatica protetta. E pensare che siamo ancora solo ad un primissimo inizio di quello che il progetto impianto eolico Monte Giogo di Villore” prevede per i crinali Mugellani.

Febbraio 2022

La Regione Toscana approva il progetto dell’impianto eolico industriale denominato “Monte Giogo di Villore” proposto dalla ditta AGSM-AIM, nonostante la lunga e discussa Conferenza dei Servizi, le numerosissime osservazioni poste da cittadini, da enti locali e associazioni ambientaliste, che hanno messo in evidenza i problemi ambientali che ne deriveranno e le falle tecniche del progetto:

  • mancanza della relazione anti-sismica

  • mancanza della relazione idrogeologica

  • non sono pervenute le indagine stratigrafiche dei suoli

  • rischio intercettazione della linea del metanodotto

  • difficoltà di interventi anti-incendio

  • intercettazione dei corridoi ecologici del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

  • sovrapposizione e contrasto con gli elementi paesaggistici e culturali

  • danni ambientali non ripristinabili

Così da sollecitare il parere negativo dei seguenti enti:

  • Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

  • Soprintendenza del Paesaggio e dei Beni Culturali di Firenze-Prato-Pistoia

  • Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo

  • Comune di San Godenzo

Per superare i pareri negativi e vincolanti della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Prato e Pistoia e del Ministero della cultura interviene il Consiglio dei Ministri del Governo Draghi che approva il progetto con un colpo di mano e d’autorità.

Aprile 2022

Grazie al contributo finanziario di numerosi cittadini e associazioni mugellane, Italia Nostra e CAI Firenze, presentano un dei ricorsi al TAR Toscana, in cui vengono esposte le ragioni tecniche per i quali tale impianto risulta non idoneo, anzi fortemente dannoso alla natura idrogeologica, alla biodiversità, alla vegetazione forestale e al paesaggio del Mugello e quindi impraticabile.

Giugno 2023

Agsm-Aim comunica alle amministrazioni coinvolte nel progetto l’inizio dei lavori, nonostante il buon senso e la prassi vorrebbero che, quando su un progetto, benchè autorizzato, pende un ricorso al tribunale amministrativo, non si proceda ad aprire i cantieri finoa quando il contezioso non sia stato superato.

Vengono subito al pettine i primi problemi.

Sul crinale iniziano i carotaggi geologici e gli spianamenti necessari senza che siano stati richiesti i dovuti permessi, con le inevitabili conseguenze:

  • escavazione illecita del corso del torrente Solstretto, intubamento e spianamento per il passaggio di mezzi pesanti

  • prelievo illecito d’acqua già in uso all’acquedotto pubblico della popolazione di Vicchio, con metodologie invasive

  • spianamento delle aree di carotaggio

  • inquinamento del terreno per spargimento dei residui dei carotaggi, contenitori di plastica e di metallo.

Apertura di cantieri con segnaletica impropria e ostacolo alla viabilità in strade vicinali e sentieri:

  • chiusura al transito di strade e sentieri senza concessione

  • nessuna delimitazione dei cantieri con incremento del rischio incidenti per abitanti ed escursionisti

  • segnaletica carente e/o illecita – mancanza delle informazioni generali e dei riferimenti quali nomi e contatti dei ‘capocantieri’ e dei responsabili dei cantieri e del progetto.

In seguito alle segnalazioni dei cittadini, il prelievo dell’acqua del torrente Solstretto si interrompe, i carabinieri forestali comunicano verbali e multe alle ditte che eseguono i lavori senza permessi, la cartellonistica che chiude i sentieri al libero passaggio è rimossa.

Agosto 2023

Oltre alle numerose segnalazioni e denunce ai carabinieri forestali viene presentata al TAR una richiesta di sospensione dei lavori, che il giudice monocratico non prende in considerazione rimandando a settembre la decisione in occasione delludienza del TAR riunito. Nel frattempo i lavori proseguono con i relativi danni ambientali:

  • taglio dei boschi, tra cui castagni secolari in produzione per l’allargamento della strada d’accesso al crinale

  • sbancamenti dei fianchi rocciosi della strada

  • abbandono illecito dei materiale di escavazione lungo i lati della strada senza che sia stata prevista nel progetto alcuna modalità di smaltimento corretto delle terre e rocce di scavo.

    A seguito di ripetute segnalazioni l’autorità ambientale sanziona l’impresa di escavazione e la obbliga a trasportare le terre e rocce escavate nella discarica di Cavriglia come rifiuto speciale, rallentando i devastanti lavori e aumentandone i costi.

Nel frattempo AGSM-AIM richiede ai Carabinieri Forestali l’accesso agli atti per conoscere i nomi di chi ha fatto le segnalazioni degli illeciti, col probabile intento di incutere timore.

Settembre 2023

Nell’udienza d’inizio settembre il TAR nuovamente rimanda la decisione sulla sospensione dei lavori, prendendosi il tempo di approfondire le carte e le motivazioni esposte, e si arriva così alla data del 19 dicembre prossimo.

Nel frattempo proseguono i tagli delle piante nei boschi che salgono verso il crinale per fare ulteriori saggi geologici e per far largo alla strada verso le aree di posizionamento delle 2 prime pale.

Le intimidazioni da parte di AGSM-AIM non hanno esito e così, grazie di nuovo alle segnalazioni scattano ulteriori controlli dei carabinieri forestali con le commutazioni in multe per aree di taglio esuberanti dal quelle autorizzate.

A seguito di tutto questo, per far conoscere a tutti cosa significa e cosa c’è veramente dietro l’autorizzazione del progetto di impianto eolico industriale sul crinale appenninico del Monte Giogo di Villore, Il Comitato per la Tutela dei Crinali Mugellani (CTCM) – Crinali Liberi propone per il giorno 18 Dicembre una veglia dalle ore 16.30 in Piazza Santissima Annunziata – Firenze sino al giorno 19, giorno del presidio davanti al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) in contemporanea al pronunciamento della sentenza relativa al ricorso.

Durante la veglia è prevista musica, interventi teatrali, banchini informativi e mostre fotografiche, cibo e vino, e interventi aperti delle realtà associative e dei comitati che aderiscono all’iniziativa.

Adesso è arrivato il momento di essere presenti tutti quanti! Adesso è arrivato il momento di mettersi insieme per difendere i crinali.

Venite. Venite. Venite! Ci vediamo lì.

tag:

Crinali Liberi

Comments (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it