Skip to main content

Zahra Joya: «Io giornalista esule per documentare le violenze sulle donne»

Le giornaliste di Avvenire – uno dei pochi grandi quotidiani italiani che ‘canta fuori dal coro’ e con cui ci sentiamo spesso in sintonia – inaugurano oggi un’iniziativa che ci pare di grande valore.  Dare voce alle bambine, alle ragazze e alle donne afghane. E, soprattutto, ripetere questo impegno ogni giorno (fino all’8 marzo), non una tantum, inseguendo la notizia eclatante. come è in uso nei media mainstream italiani e stranieri. Solo, infatti, attraverso un impegno giornalistico costante ed appassionato è possibile restituire ai lettori la ricchezza di voci dell’altra metà del cielo e dell’altra parte del mondo.
Periscopio riporterà ogni tappa del viaggio delle giornaliste di Avvenire, mentre invita tutte le sue lettrici e lettori a dare il proprio contributo al Progetto di Scolarizzazione per le donne afghane (vedi in calce all’articolo tutti gli estremi per aderire).
(La redazione di Periscopio)

Con questa e decine di altre testimonianze, storie, interviste e lettere, le giornaliste di Avvenire fino all’8 marzo daranno voce alle bambine, ragazze e donne afghane. I taleban hanno vietano loro di studiare dopo i 12 anni, frequentare l’università, lavorare, persino uscire a passeggiare in un parco e praticare sport. Noi vogliamo tornare a puntare i riflettori su di loro, per non lasciarle sole e non dimenticarle. E per trasformare le parole in azione, invitiamo i lettori a contribuire al finanziamento di un progetto di sostegno scolastico portato avanti da partner locali con l’appoggio della Caritas. QUI IL PROGETTO E COME CONTRIBUIRE

di Silvia Guzzetti
(articolo originale: Avvenire, Londra, 25  febbraio 2023)

La 31enne afghana è fuggita dal suo Paese dopo l’arrivo dei taleban a Kabul. Ad Avvenire dice: un grande errore dell’Occidente abbandonarci dopo averci illuso che la nostra vita sarebbe cambiata

Zahra Joya aveva solo cinque anni quando i taleban presero il potere per la prima volta in Afghanistan. Era il 1996 e una delle prime decisioni degli studenti islamici ora al potere fu di bandire l’istruzione delle bambine. Chiuse in casa, senza la possibilità nemmeno di imparare a leggere e scrivere, alle afghane veniva tolto qualunque futuro, ogni possibilità di indipendenza, ogni forma di vita che non fosse una sottomissione completa ai maschi e ai doveri domestici.

Ma alla piccola Zahra imparare piaceva moltissimo e così supplicò i genitori di mandarla a scuola. Fu lo zio insegnante ad accompagnarla ogni giorno, per un tragitto lungo per due ore, travestita da maschio e nascosta sotto il nome di Mohammed, in quella scuola dove è cominciato il suo futuro di donna indipendente.

Un attaccamento alla vita, quella della coraggiosa giornalista di 32 anni, che oggi dirige dal suo esilio londinese la prima agenzia femminista afghana, Rukhshana Media, iniziato fin dalla nascita, quando gli anziani della sua famiglia si dimostrarono molto delusi perché era femmina. «Ma mio padre era diverso – racconta da Londra -. Era un vero femminista e mi ha sempre aiutato. Da lui ho imparato che non esiste differenza tra uomini e donne e che è importante promuovere l’idea che le donne sono esseri umani con gli stessi diritti degli uomini. Mi fa soffrire l’idea che le donne siano considerate essere inferiori. Lo trovo profondamente ingiusto. Non mi sono mai vergognata di quello che sono. Ho sempre pensato che potevo ottenere tutto quello che volevo».

Che cosa vuol dire, per lei, il suo lavoro?

Ho cominciato a lavorare come giornalista nel 2011, a 20 anni, e all’inizio non mi ero resa conto di quanto fosse importante il mio mestiere. Oggi so che ha un grande peso che io operi e lavori come giornalista donna. So che il mio lavoro mi dà la possibilità di dare voce alle donne afghane alle quali viene proibito di parlare, e di fare campagna per i loro diritti.

Che tipo di vita fa a Londra?

Non avrei mai immaginato che sarei diventata una rifugiata ma è quello che sono in questo momento. Fisicamente sono qui, ma mentalmente sono in Afghanistan, insieme alle altre donne mie compatriote, che stanno vivendo una situazione cosi difficile, confinate a casa, sempre accompagnate da un guardiano maschio. Certo sono grata a Dio per la sicurezza fisica della quale posso godere. Abito a Islington, un quartiere del nord di Londra, in un appartamento con quattro camere, insieme a tre delle mie sorelle. Il resto della famiglia, compresi i miei genitori, sono rimasti in Afghanistan e non possono raggiungerci perché la legge sull’immigrazione britannica non lo consente. Si trovano in una situazione molto difficile. Non possono uscire di casa. Sono molto a rischio e sono preoccupata per loro, anche perché non c’è alcuna possibilità che mi raggiungano perché la legge sull’immigrazione britannica non lo consente. La Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno promesso di aiutare i cittadini afghani a rischio ma non hanno mantenuto queste promesse perché chiedono ai miei parenti di ottenere un visto che non possono avere. Io sono riuscita ad arrivare qui soltanto perché esisteva un vero rischio che i taleban mi uccidessero e allora l’ambasciata britannica di Kabul mi ha evacuato.

Cos’è la cosa più importante che l’Occidente può fare per l’Afghanistan in questo momento?

Sostenere le donne afghane e difendere i loro diritti e riconoscere i taleban come organizzazione terrorista, impedendo loro di viaggiare cosi che possano venire isolati. I taleban sono terroristi collegati ad altre organizzazioni simili come “Al-Qaeda” o “Daesh”. Penso che sia possibile un altro attacco come quello dell’11 settembre 2001.

Come riesce a dirigere la sua agenzia d’informazione da qui?

Abbiamo dieci giornalisti, cinque redattrici e tre redattori e due caporedattrici donne. I miei colleghi lavorano sul campo, in Afghanistan o in Pakistan, in condizioni molto rischiose. Ci mandano le storie e noi le riscriviamo e le pubblichiamo. Lavorano di nascosto, per denunciare i matrimoni forzati, violenze sessuali e altri abusi subiti dalle donne afghane, ma i taleban possono scoprirli e ucciderli in qualunque momento. Collaboriamo da vicino con l’organizzazione “Internews”.

Alcuni ritengono che l’Occidente non dovrebbe più inviare aiuti al suo Paese per asfissiare il potere dei taleban. Che cosa ne pensa?

È difficile prendere questa posizione perché i cittadini afghani, in questo momento, non hanno da mangiare e sono in grande difficoltà. È importante che la comunità internazionale controlli da vicino come questi aiuti vengono usati per evitare che finiscano ai taleban anziché alla popolazione.

Che errori ha fatto l’Occidente?

Andarsene dall’Afghanistan senza un piano strategico, come gli Stati Uniti hanno fatto nel 2021, dopo averci illuso che la nostra vita sarebbe cambiata davvero, è stato un grande errore.

Le piace Londra?

Si. Adoro questa città perché cosi tante persone, di cosi tante nazionalità diverse, convivono qui.

Com’è la sua giornata tipo?

Mi sveglio alle cinque o alle sei del mattino perché in Afghanistan sono quattro ore e mezza più avanti rispetto a Londra, e lavoro fino alle tredici o alle quattordici. Poi ho un po’ di tempo libero. Mi piace molto cucinare cibo afghano. Ma in realtà lavoro in continuazione, tutti i giorni, non stacco mai.

È religiosa?

Sì. Prego ogni giorno. Credo nel potere di Dio e parlo con Lui. Sono convinta che Dio sia molto influente nella nostra vita. Mi preparo ad osservare il Ramadan, tra un mese, anche se non potrò celebrare alla sera insieme ad altri afghani, come è sempre capitato nel mio Paese, perché qui a Londra sono piuttosto isolata e molto occupata.

 

 

Cover: Zahra Joya, esule a Londra

Per leggere tutte le testimonianze raccolte dalla giornaliste di Avvenire, clicca su; Donne afghane

tag:

Scelto da Periscopio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it