23 Maggio 2018

Dai tempi del pareggio di bilancio alla nuova frontiera della politica: la ricerca della felicità

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 6 minuti

Il “miglioramento del benessere dei cittadini”, per usare le parole dell’On. Di Maio, è un programma, prima che economico, politico. Un programma che attiene alle intenzioni, alla volontà, all’ideale di società che si vuole costruire. Tutto questo viene prima dell’economia, dei conti, dei parametri europei, dei limiti imposti e persino del tetto del deficit.
Ma come si raggiunge il risultato che ci si è prefissato se non attraverso l’analisi delle risorse a disposizione, quelle che sto impiegando e quelle che potrei impiegare? Poi ci arriviamo, ma intanto consideriamo che alla base di un programma economico che si vuole inquadrare come politica economica ci deve necessariamente essere, appunto, la politica. Ed è questa parolina che viene prima di “economica” che decide come influire sulle nostre vite, ovvero sul salario minimo, sulla previdenza sociale, sulla sicurezza sociale e alimentare, sulle pensioni e sull’assistenza alla nostra anziana mamma ultraottantenne.
Se, ad esempio, decidiamo che la pensione debba essere contributiva (ricevi per quello che hai pagato) e per averne diritto ci vogliono quarantacinque anni di lavoro ma non mettiamo in atto “la politica” per cominciare a impiegare le persone entro i trent’anni a salari decenti, avremo come risultato pensionati ultrasettantenni poveri oltre che lavoratori alle soglie della sussistenza. Quindi la politica viene prima dell’economia, la decide, la indirizza, la governa e, se funziona, si prende i meriti, altrimenti ci sono le elezioni a dirti che hai sbagliato e ad indicarti l’uscita.
E la politica impone delle scelte, in primis chi si vuole tutelare e poi quale teoria economica dovrà giustificare le azioni di politica economica che si metteranno in atto. Fino ad oggi la teoria economica che ha giustificato l’arricchimento di pochissime persone, lo strapotere delle multinazionali, il predominio della logica dei mercati persino nella scelta di curare le persone o di ricostruire città terremotate è stata la teoria liberista, o neo-liberista per distinguere quella del ‘900 da quella del secolo precedente.
Teoria e politica ampiamente bocciata dagli elettori alle ultime elezioni.
Fatta l’ampia ma necessaria premessa passiamo a quello che generalmente attira di più i curiosi: i conti e la “sostenibilità” delle scelte.
Partiamo dai conti di Cottarelli, non perché li ritenga esatti ma semplicemente perché sono i più famosi e quelli più sfruttati dai giornali.

Non sono, in realtà, ne giusti ne sbagliati ma rappresentano solo un esercizio contabile e neutro. Partono dal presupposto che i soldi siano una risorsa e che siano limitati, ovvero siccome in questo momento ho una quantità di soldi data 100 e per costruire un ponte mi serve 110 allora non posso farlo.
Un tipo di contabilità del genere non tiene conto sicuramente del bisogno dei cittadini di avere quel ponte, dei problemi che risolverebbe agli stessi se invece venisse costruito, dei vantaggi che questi ne trarrebbero per le loro attività commerciali o di guadagno di tempo per raggiungere i loro lavori o le loro case. Quindi si ignora o si omette il moltiplicatore sia in termini di vivibilità, che solitamente non viene calcolato ma esiste, ma anche in termini di sviluppo economico.
L’insieme dei conti fatti in questo modo danno ovviamente e chiaramente il risultato che ci si è prefissato, quello di lasciare le cose come stanno, di non tendere allo sviluppo ma continuare a drenare risorse dalle fasce produttive della società a quelle parassitarie del grande capitale.
Non c’è scienza, non ci sono ricerche, proiezioni, moltiplicatori, nulla se non un tentativo maldestro di ripetere quanto successo nel 2011 quando il terrore dello spread ci ha fatto accettare il Governo Monti e a seguire l’interruzione della democrazia per cinque anni. Il fatto che abbia funzionato una volta non vuol dire che debba succedere di nuovo.
Abbiamo capacità inutilizzate che in quel conteggio non sono rappresentate. Cosa cambierebbe se il nostro livello di disoccupazione scendesse dal 10,7 per cento al 2,5 come in Giappone? Quanto e cosa potremmo produrre in più? In che classifica sarebbe l’Italia se impiegassimo almeno un 8 per cento di forza lavoro attualmente inutilizzata in più? Potremmo avere i margini dei fiumi puliti, le strade riparate, le case messe al sicuro dall’attività sismica e magari tutte a basso impatto ambientale, le miriadi di aziende del nord est che riprendono a lavorare. Magari tutti i nostri cervelli in fuga rimarrebbero nelle nostre università e la ricerca potrebbe regalarci nuovi brevetti e nuove opportunità. E questo solo per fare un esempio.
I calcoli di Cottarelli non indagano questa possibilità ma, in ossequio alle teorie economiche in vigore (quelle che abbiamo detto tutelare il capitale), considerano i soldi la prima risorsa. Quindi io ho una data quantità di denaro e con questo denaro posso curare 80 persone su 100, pagare pensioni decenti a 60 persone su 100, sperare che le persone muoiano prima degli 80 anni. Il popolo soffre mentre la contabilità, e i contabili, festeggiano.
Ma se accettassimo questo assunto allora la coperta dovrebbe essere corta per tutti e non solo per quelli nati perdenti (operai, commessi, cassiere, vigili urbani, imbianchini, muratori, insegnanti, gommisti) ma anche per lo stesso Cottarelli, per gli amministratori delegati, per i dirigenti statali, per i parlamentari e persino per i ministri. Dividiamo le risorse disponibili e dividiamole per tutti in parti uguali. Se questo non dovesse piacere, e a me non piace molto, allora creiamo una vera competizione, una concorrenza leale dove il mezzo (la moneta) non sia una risorsa finita e a tutti vengano dati gli strumenti di base per poter partecipare, quindi istruzione, sanità, reddito di base e poi via, si potrebbe partire. Sarebbe come dire: basta con il capitalismo finanziario selvaggio e via con un capitalismo dal volto umano a partecipazione statale (Giappone, Singapore, Corea del Sud oppure Stati Uniti, Svezia, Gran Bretagna fino a diverse decine di anni fa, Italia fino a Moro).
Quindi l’errore, e la perdita di tempo, sta nel fatto che non si può portare l’abaco in TV e fare i conti come li farebbe un ragazzino di terza media. Si sta parlando di uno Stato e di politica economica e “se non capisci la differenza tra uno Stato e la bottega sotto casa” (cit. Sen. prof. Alberto Bagnai) allora vuol dire che hai un problema. Ovviamente se sei un politico, uno che influenza le scelte, uno insomma importante … allora il problema è nostro.
Perché dovremmo dare per scontato che il pareggio di bilancio sia una cosa giusta e partire da quello? Il pareggio di bilancio è stata una scelta politica, cioè dei parlamentari hanno votato perché venisse inserito in Costituzione, ma questo non implica che sia una cosa giusta, e non lo è come dimostrato dai dati oltre che dalla logica. Obama nel 2012 rientrò dalle sue vacanze alle Hawai perché gli Stati Uniti stavano raggiungendo la soglia del “baratro fiscale” ovvero la soglia del debito pubblico che negli USA è fissata “per decreto” e che al tempo era a quota 16.400 miliardi di dollari. Ebbene? Con un decreto fu aumentato e oggi è a 20.456 miliardi. Insomma una dimostrazione che il tetto al debito è una questione politica, relativa magari alle capacità del Paese, e non strutturale. Sicuramente incide sul benessere ma non nel modo che viene propagandato visto che gli ultimi 10 anni hanno dimostrato che la nostra vita peggiora quando gli sforzi sono tutti tesi a diminuirlo a discapito anche della stessa crescita economica.
Per concludere, se il programma economico della Lega e dei M5S sia o meno sostenibile non dipende dai conti di Cottarelli ma da quanto sia forte la politica alla base del programma, la capacità di far aumentare il numero dei lavoratori, di far riprendere la produzione, di far rimanere le aziende aperte. Dalla capacità di creare un indotto alla creatività e alla voglia di fare degli italiani, di utilizzare le risorse finora lasciate a casa o nascoste dietro una saracinesca abbassata.
Una cosa credo sia necessario tengano sempre a mente i due partiti oggi sugli scudi, che il voto è stato dato dai cittadini italiani che pretendono di dettare un cambiamento che parta dalle loro esigenze e non da quelle delle istituzioni europee e dei poteri economici che difendono la contabilità da Talk Show.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013