13 Luglio 2018

BORDO PAGINA
Instagram salva la vita? Il romanzo di Francesca Monfardini

Roby Guerra

Tempo di lettura: 4 minuti

‘Ciò che un sorriso non può dire’ (Sovera Edizioni, 2018)
Così Google Libri (Google Books) segnala (sinossi) questo lavoro narrativo “giovanile”:
“Considera la vita come una rampa di scale, ogni gradino ti insegna qualcosa; più sali e più diventa faticoso, ma tu continua a salire.” Ciò che un sorriso non può dire coinvolge il lettore per l’attualità dei temi tipici degli adolescenti. Jessica, la protagonista, ne rappresenta il prototipo, che pur tra tormenti e disillusioni, trova nell’amore di Alberto una ragione per voltare pagina. Il linguaggio è genuino e scorrevole, adatto non solo a coetanei, ma a ogni tipo di lettore.
Oppure dal libro, tra numerosi picchi quasi aforistici, estraiamo un paio di citazioni almeno virtuali:
Non riusciamo più a capirci o a interpretarci, qual è quell’io che porta l’uomo ad avere autostima? Io non lo so proprio, non riesco a trovarlo dentro di me. Quell’autostima che ti fa sentire re e regina di te stesso.” (‘Heroes’, David Bowie)
Le lacrime possono essere definite come le sfumature di colore dell’anima.” (la fortunatissima scrittrice del bestseller ’50 sfumature di grigio’, E.L.James).
Personalmente privilegiamo lo stile guerriero più bowiano (paradossale come si vedrà) che caratterizza questo romanzo breve generazionale 2.0 dell’autrice e la protagonista Jessica: una sorta peraltro di diario, a metà tra exposition autobiografica o più probabilmente virtuale e romanzata, anche se via via leggendo, praticamente da subito, la Percezione è sia biografica sia appunto in certo senso generazionale, proprio l’ultima post Web e il gelo che caratterizza le più giovani, fin dall’infanzia e la prima adolescenza.
Rispetto a James, inoltre e ovviamente, l’età post-bambina circoscrive l’Io narrante in dinamiche per forza ben diverse, tra romanticismo ingenuo dei primi amori e impatto con il mondo degli adulti secondo logiche per forza tipo “Come giocare da grandi”.
Ma attenzione, questo quadretto incipit quasi alla De Amicis o da precocissimo Tempo delle Mele, è tutt’altro, tra perdite precoci ancora nell’infanzia (la madre), un padre assente anche per la perdita mai risolta, un fisico ad handicap, con dinamiche fin dalle prime pagine di rara acutezza psicologica attraverso un linguaggio si tipo diario, peraltro di non frequente vera spontaneità e profonda superficie ma – come accennato – di tanto in tanto illuminato da witz poetici e da tre – se non erriamo – citazioni più esplicite che rimandano ai nomi di Dante (passi iniziali dell’Inferno), un certo Nietzsche e persino Marinetti.
Non ultimo, la protagonista è fin dall’infanzia oggetto di bullismo a scuola, confinata alla solitudine solo relativa con le scuole medie e le superiori, riscattata e sempre come una funambola quasi condannata a sport estremi sia dalle maschere che via via riesce a imparare sia da brecce di autenticità interpersonale e “sentimentale” (anche se a volte o spesso mediata dal web): nonostante un suo grande segreto ricorrente (una lametta costante come perversa coperta di Linus e cicatrici scientemente celate) e sempre liminare o borderline, non solo sofferenza psichica ma rischi concreti di fatale autolesionismo fisico) spesso più grandicella diventa l’amica confidente di coetanei o – per sottrarsi alla realtà commovente e disperata. Eccelle in matematica o nella Boxe al femminile (con anche finalmente complimenti paterni).
Il linguaggio apparentemente solo diaristico, come accennato, scava alla Nietzsche come un martello digitale nel pensiero fatto parola e a volte azione: priva di salutari rimozioni e difese d’infanzia, la protagonista, riassumendo, gioca nelle sensazioni alla giovane donna, assai più matura (e naturalmente troppo) dei coetanei.
Il finale è a lieto fine, grazie a un giovanissimo Principe Azzurro, uno dei pochi che quasi sempre per quasi magia incontra vivendo dapprima “un giorno felice su 7 tristi e disperati”, rinnovando con la scomparsa prematurissima di uno di essi (per suicidio e un segreto simile al suo) la perdita della madre in ospedale, lo stessa clinica e reparto, quasi come una maledizione destinale kafkiana.
Il tutto, concludendo, sembra un canto verso l’infinito (altra metafora che istiga il libro leggendolo, quasi trasformando la sua voce narrante in una canzone musicale),
Nel romanzo, l’autoterapia come piccola grande “bellezza” funziona per l’istinto creativo della protagonista, una guerriera e capace di provvisorie maschere paradossalmente antivirus,: in questo caso come ben illustra l’autrice, Instagram (!) decisivo per una nuova rete di esperienze anonime dapprima gratificanti e poi appunto concretizzate off line. Ma altrove e in generale generazionale (e nel mondo reale?). Psicologi e esperti forse tempo di dimenticare i vecchi arnesi di analisi pre web anche dei giovanissmi e di decifrare, pur all’interno di un oceano potenzialmente anche a rischio, quelle- per così dire affinità elettroniche possibili negli stessi SN, probabilmente più complesse e anche positive, declinando quindi nuovi ponti 2.0 di comprensione del Reale (in e nonostante il Web stesso).

Info
https://www.ibs.it/cio-che-sorriso-non-puo-libro-francesca-monfardini/e/9788866524229?inventoryId=101249885



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roby Guerra

Roby Guerra

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013