13 Febbraio 2014

Aldrovandi e Jarach, madri coraggio

Gian Pietro Testa

Tempo di lettura: 4 minuti

moretti-jarach

Ho qui davanti a me due madri coraggio di brechtiana memoria. Patrizia Moretti Aldrovandi è ben conosciuta in questa città abbastanza codarda, nella quale ha sparigliato le carte, sociali ma pure politiche, di una collettività omertosa, dai silenzi complici e acquiescenti con il potere, qualsiasi potere, purché sia potere: non è esagerazione letteraria, qui la famiglia insegna la cultura della birra condita con un poco di pusillanimità, tanto per fare le ossa dei pargoli e instradarli su una luminosa servile carriera. Patrizia ha difeso con i denti la memoria del suo ragazzo, Federico, poco più di un bambino, massacrato da quattro omicidi in divisa quasi sotto casa. Vera Vigevani Jarach, italo-argentina di 86 anni, sveglia come una ragazzina, è la madre di una studentessa di 19 anni desaparecida: far sparire la gente che non era d’accordo con la politica (e la società) del potere era il marchio di fabbrica dei golpisti argentini. Come si chiamava sua figlia? Vera Vigevani mi guarda quasi con aria d sfida: “come si chiama, non come si chiamava, si chiama Franca”.

Le due madri siedono una di fronte all’altra nella hall di un albergo cittadino, non hanno bisogno di spiegarsi, il loro è un dolore comune a tutte, o quasi tutte, le donne, a cui sia stato rubato un figlio, è un dolore che non si elabora (orribile termine ora di moda), non si elabora nulla, il dolore rimane dolore, sofferenza pesante, inconsolabile, i preti dicono tuo figlio è in cielo, intanto non c’è più quella carne della tua carne, quell’anima della tua anima, quella voce della tua voce che continua a chiamarti di notte, nel sonno, di giorno, quando mangi, perfino quando fai l’amore.

“Ho saputo della tua storia stamane – dice Vera rivolta a Patrizia – qui è stata la polizia, in Argentina è stato l’esercito. Fu pochi mesi dopo il golpe del 24 marzo del 1976. Franca è uscita di casa e non è più tornata. Certo, lei era contro il regime golpista, allora tutto il mondo era scosso da fremiti libertari. E’ cominciata così questa storia, che non è mai finita.”
“Ma è la storia – la interrompe Patrizia Moretti – che è stata d’esempio per noi, anzi per tutto il mondo”
“La giunta militare – riprende Vera Vigevani – combatteva le idee nate in una società in effervescenza. Ha tentato in ogni modo di fermarci, ma noi abbiamo chiesto aiuto a tutti, poi, dopo un anno, abbiamo deciso di scendere in piazza e siamo diventati un movimento di resistenza”.
“Si – dice Patrizia – l’esempio vostro mi ha sostenuto, anch’io, all’inizio, credevo che fosse inutile chiedere giustizia e non è vero che la gente non ci ascolta, abbiamo tante madri e sorelle che sono diventate la nostra forza”.

Ma la città, o, meglio, la società borghese di questa città non ha mosso un dito, anzi – dico rivolto a Patrizia – un silenzio vergognoso…
“Si – riprende la mamma di Federico – ma le donne che mi stanno vicino, quelle che hanno avuto un figlio nella pancia, sanno quanto vale una vita e il silenzio degli altri è la negazione della vita. Mi sono accorta, comunque, che c’è tanta brava gente, anche dentro le istituzioni”.
“ Noi – racconta Vera Vigevani – abbiamo formato un comitato e abbiamo cominciato a raccogliere le denunce per controbattere un potere che diceva basta processi, faceva leggi per ridurre la società al silenzio e diceva non ci sono colpevoli, tant’è che liberavano anche i militari che erano stati accusati. Ora, da due anni, sono in corso molti processi, ma noi non ci arrendiamo, abbiamo pazienza, dicono di perdonare: no, non perdoniamo”.

“Nemmeno io posso perdonare – sussurra Patrizia – non potete immaginare che cosa provi io quando esco per strada e vedo due dei quattro assassini liberi, li incontro e li vedo liberi, come se nulla fosse accaduto” . Poi si rivolge a me: chiedevi del silenzio mafioso della borghesia? Ci ha ferito molto e, purtroppo, la parrocchia è stato il luogo dove l’omertà è cresciuta”.
“Devo dire – afferma Vera – che in Argentina l’omertà è stata vinta…”
“Si, è vero – prosegue Patrizia – anche qui nelle istituzioni, come dicevo, c’è gente con una coscienza, ma io rimango abbastanza pessimista“.

Vera Vigevani ha una lunga storia di persecuzioni alle spalle, nel 1939, quando vennero approvate le leggi razziali, la sua famiglia – erano ebrei – dovette lasciare Milano e fuggire in Argentina, ma il nonno, Ettore Camerino, fu preso e deportato ad Auschwitz, dove morì: Vera aveva allora 11 anni. “Cosa vuoi – dice rivolte a Patrizia – è la storia del potere prevaricatore. Il genocidio è un’antica prassi, benedetta da uno strano dio, “el Dio de la casa”, lo chiamavano i conquistadores”
Eccolo qua il dio della violenza: “C’è una volontà nella società di fare il male – dice Patrizia – e per troppa gente questa volontà è la forza di chi sostiene la guerra contro la ragione e la solidarietà. Sì – afferma con forza Patrizia – questa guerra corrompe la pace…”.

Saluto queste due madri-coraggio, mi sembra che la voce loro sia quella di quei due figli che hanno portato nel ventre per poi uscire al mondo e diventare carne per i carnefici.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gian Pietro Testa

Gian Pietro Testa

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

  • Parole a capo /
    Mattia Cattaneo: “Tre poesie”

  • A ROMA IL TANGO SOLIDALE DALLE SCARPE ROSSE
    Giornata Internazionale per eliminazione violenza contro donne

  • Suole di vento /
    A Valencia con la Corale Veneziani

  • Vite di carta /
    Idda, una “vita di carta”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013