12 Novembre 2018

Un volo leggero

Carlo Tassi

Tempo di lettura: 3 minuti

Black Man Ray (China Crisis, 1985)

Ricordo i passeri che affollavano il balcone della mia cameretta per raccogliere le briciole di pane. Ricordo che mi divertivo a spiarli dietro la tenda per non spaventarli.
Mi sembra di rivederli ancora bisticciare per la briciola più grossa e azzuffarsi gli uni sugli altri in un buffo batter d’ali e arruffar di piume, tanto confuso quanto innocuo.

Ricordo quella volta che ero tornato in licenza, era la primavera dell’ottantacinque e dopo qualche mese mi sarei congedato. L’inverno era stato uno dei più rigidi degli ultimi cent’anni e sentivo che il peggio era ormai alle spalle.

Avevo messo su qualche chilo… Colpa dei troppi grappini serali? Non direi, è che i pasti della mensa erano assai conditi e lo spaccio era un covo di invitanti merendine da fagocitare non per fame ma per noia. Poi, a dirla tutta, la vita di un furiere in una caserma di frontiera era abbastanza sedentaria. Io ero un mitragliere, voglio chiarirlo, e avevo imparato a sparare con ogni tipo d’arma leggera.
Ma la mia naia cambiò con l’ennesimo infortunio al ginocchio. Non potevo più partecipare agli addestramenti, agli assalti simulati, ai percorsi tattici, perciò m’avevano infilato in fureria, di fianco all’ufficio del capitano. Posto strategico quello lì, da imboscati, come dicevano i miei compagni di camerata per sfottermi… Salvo poi venire a lisciarmi il pelo quando dovevano chiedermi una licenza per il weekend.
Le licenze le chiamavamo ‘le quarantottore’ perché si consumavano giusto in un fine settimana. Si partiva il venerdì sera e si tornava entro la mezzanotte di domenica. Inutile dire che quei due giorni volavano e alla fine c’era sempre qualcosa che mancava, che non riuscivamo a fare: un posto da vedere, un amico da incontrare, qualche parola in più da dire.

Quella volta era un sabato di fine aprile e Claudia avrebbe compiuto diciotto anni. Stavamo insieme da circa un anno e quella sera doveva essere speciale, per me e per lei.
Aspettavo una sua telefonata, doveva dirmi quando passare a prenderla. Intanto osservavo il mondo circostante dalla finestra del soggiorno: le auto parcheggiate nel vialetto, le aiuole fiorite a fianco dei marciapiedi, i giardini oltre le cancellate. Tutto rigoglioso di nuova vegetazione dal verde intenso, dopo tanta neve e tanto gelo. Finalmente la vita, la gioia di ricominciare a pochi mesi dal mio definitivo ritorno a casa.
Fu in quel momento che vidi un passerotto fermo sul davanzale. Era lì da un po’ e, siccome non capivo perché se ne stesse immobile, rimasi in disparte a osservare…
Così compresi che era solo un pulcino caduto da un nido poco distante. Dove fosse il nido era assai difficile dirlo vista la quantità d’alberi tutt’attorno. Sentivo il frenetico cinguettare di quelli che dovevano essere i genitori. Li vedevo svolazzare da un ramo all’altro senza mai allontanarsi troppo. Restavano nei paraggi a controllarlo, forse a incitarlo, non saprei. Io stesso cominciavo a preoccuparmi per la sorte del piccolo, se fosse caduto sarebbe senz’altro diventato un invitante bocconcino per i numerosi gatti del quartiere, ne ero certo.
Poi avvenne l’inaspettato: improvvisamente il passerotto sbatté le ali lanciandosi nel vuoto, e invece di cadere giù spiccò il volo.
E fu un volo leggero, rapido e sicuro, diretto al nido e alla salvezza, seguito immediatamente dai due genitori.

Ovviamente di quel passero non seppi più nulla, ma a distanza di così tanto tempo mi è rimasto il ricordo di quel volo leggero. Come leggera era la vita di quei miei vent’anni.
Anni tribolati, annoiati, sognati, mangiati, respirati, amati, odiati, giocati, cantati, presi a pugni, inseguiti, strizzati, rimpianti, desiderati, maledetti, vissuti e volati via. Leggeri, impauriti e splendidi, come quel passerotto mai più rivisto.
Dopo volai da Claudia, passammo una delle serate più belle della nostra giovane storia d’amore. Il resto venne da sé…

Ora di Claudia non ho più notizie da tanti anni, e sono anni che non vedo più volare i passeri sopra Ferrara. Mi chiedo dove siano finiti, che fine avranno fatto. E mi chiedo se lei sia ancora bella come allora, che fine avrà fatto.

Dunque un po’ di leggerezza per ritrovare ciò che abbiam perduto. Apriamo le ali senza far troppo rumore. Chiudiamo gli occhi e stringiamoci forte: si torna a volare!



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Carlo Tassi

Architetto mancato, dopo vari mestieri si laurea a pieni voti in Scienze e Tecnologie della Comunicazione. Due passioni irrinunciabili come il disegno e la scrittura, poi tanti interessi e una grande curiosità verso le cose del mondo sono i motivi che l’hanno convinto a cimentarsi come autore satirico e illustratore freelance. Da anni collabora come autore e redattore nel quotidiano online Ferraraitalia. www.carlotassiautore.altervista.org
Carlo Tassi

Ti potrebbe interessare:

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

  • Accordi /
    Il breve sabato di Nick Drake

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013