Skip to main content

Mussolini e il “Nero di Londra”: dalle ricerche d’archivio una storia che non conosciamo. L’ultimo libro di Giovanni Fasanella e Mario Josè Cereghino

I tanti avvenimenti, episodi ci sono stati rappresentati, mostrandoci scenari, giustificazioni, imprese sotto luci molto spesso falsate, parziali. Dietro ogni luce sono spuntate tante ombre. Ma, come amava spesso dire un amico, con queste cose non si mangia.
Sì, però…procediamo.
Giovanni Fasanella è un giornalista (ha scritto a lungo per l’Unità e Panorama) e ricercatore investigativo che ha pubblicato molti libri sul cosiddetto ‘indicibile’, cioè su quello che spesso non viene detto e, forse, nemmeno sfiorato nei libri scolastici ma soprattutto nella vulgata ufficiale.
Una ennesima conferma la si è potuta avere con la presentazione della sua ultima fatica, scritta assieme a Mario Josè Cereghino, saggista ed esperto di archivi anglosassoni. Stiamo parlando del volume “Nero di Londra“, Ed. Chiare Lettere, 2022, in due mesi già alla terza ristampa e  presentato a Ferrara alla libreria Libraccio nei giorni scorsi, davanti ad un folto pubblico attento e curioso di sapere.
L’incontro è stato organizzato da Riccardo Forni, giornalista e coordinatore locale di Rete Civica, una formazione politica presente in alcune province dell’Emilia Romagna tra cui Ferrara dove si occupa di temi ambientali e storici.

Ma veniamo a “Nero di Londra”. Non un libro di storia delle origini del fascismo  o su Mussolini- su cui si sono cimentati tantissimi studiosi come ad esempio Renzo De Felice o Emilio Gentile, né una controstoria. Fasanella e Cereghino si occupano delle relazioni tra Mussolini e i servizi d’intelligence britannici.
Nella premessa, gli autori scrivono che “il campo della nostra ricerca è molto più ristretto e riguarda il dietro le quinte di alcuni eventi accaduti tra Caporetto e la Marcia su Roma”. La trama descrittiva si dipana attraverso l’analisi di tanti documenti rinvenuti negli archivi inglesi.
In Inghilterra c’è una ‘strana’ consuetudine, proseguono gli autori, cioè “la possibilità di accedere anno dopo anno a nuove, straordinarie collezioni documentarie, archivi pubblici e privati desecretati da enti governativi e statali che consentono di rileggere il Novecento con cognizione di causa. Duole ammettere che è un privilegio di cui gli studiosi non godono ancora in Italia.”

Nel 2001, le carte dell’archivio personale (150 faldoni) di Sir Samuel Hoare, conservate nella biblioteca dell’Università di Cambridge, vengono declassificate e possono essere così consultate.

 

Sir Samuel Hoare (Encyclopedia Britannica)

Chi era Samuel Hoare? La biografia lo descrive come un protagonista di primissimo piano. Le sue simpatie politiche sono per le correnti più conservatrici e reazionarie della politica britannica. La sua è una famiglia di banchieri e all’inizio del ‘900 inizia la sua inarrestabile scalata politica che (sintetizziamo ma ne raccomandiamo la lettura del capitolo, dal titolo che non lascia adito a dubbi (Soldi inglesi al Fascio e a Mussolini: “Pompare questa gente”) lo porta da istruttore ad agente operativo del servizio segreto inglese, poi diventa Primo Lord  Ammiraglio.
In seguito, Ministro dell’Interno poi Ministro degli Esteri, Ambasciatore in Spagna e conserva per oltre trent’anni il suo seggio a Westminster.

Per restare nel ‘recinto’ di analisi di ‘Nero di Londra’, il racconto di questa intricata spy story descrive il sostegno economico a “The count” (Mussolini) fin dalla nascita del quotidiano “Il Popolo d’Italia” (1914) poi ai Fasci italiani di combattimento (fondati nel 1919) e i sostanziosi finanziamenti economici e logistici alla Marcia su Roma.
Tutti fondi che arrivano a Mussolini e soci attraverso finanziamenti ai giornali in modo che non emergesse per nessun motivo il coinvolgimento diretto degli inglesi.

Benito Mussolini (da www.studenti.it)

Già ne “Il golpe inglese” (Ed. Chiare Lettere, 2011), Fasanella e Cereghino scrivevano che “nella fase finale della prima guerra mondiale i servizi britannici foraggiano abbondantemente uomini di partito, direttori di giornali e giornalisti perché conducano una campagna di stampa a favore di Gran Bretagna e Francia, in funzione anti Germania ed Austria per evitare che il Governo italiano uscisse dalla guerra in corso e, come aveva fatto la Russia, firmasse un accordo separato con gli austrotedeschi, mettendo in grossa difficoltà l’Inghilterra che sarebbe rimasta da sola. E tra costoro c’è anche Benito Mussolini, ex esponente di punta del Partito Socialista, che percepisce 100 sterline alla settimana da Sir Hoare” (l’informazione viene riportata nella nota 28, a pag. 29 dello storico britannico Christopher Andrew nel suo libro The Defence of The Realm: The Authorized Official History of MI5, Alfred A. Knopf, New York, 2009).

Nella terza parte di “Nero di Londra” si approfondiscono gli aspetti successivi al rapimento e all’uccisione di Giacomo Matteotti. Si ricorda, in estrema sintesi, che Matteotti era venuto in possesso, grazie ad alcuni deputati laburisti inglesi, dei documenti che provavano la corruzione della famiglia Mussolini (a partire dai fratelli Arnaldo e Benito) ed altri gerarchi del Partito Nazionale Fascista.
Corruzione per opera della compagnia petrolifera americana Sinclair Oil.  Il parlamentare socialista aveva in animo di denunciare il sistema di corruzione che comprendeva anche la casa reale italiana. Sarebbe stata una vera bomba politica che probabilmente avrebbe cambiato il corso della storia in Italia, indebolendo verticalmente il potere d’influenza degli inglesi in Italia e nello scacchiere del Mediterraneo. Ma gli fu tappata la bocca e rubata la borsa che portava con se al momento del rapimento. “La borsa di Matteotti” è il titolo eloquente della sezione, e gli autori concludono con un’affermazione che non è una semplice ipotesi.“Al giorno d’oggi, è comunque innegabile che quelle carte siano ancora custodite negli archivi segreti della Naval Intelligence Division (Londra) e in quelli del Federal Bureau of Investigation e del dipartimento di Stato, a Washington.”

Il libro recensito:
Mario Josè Cereghino, Giovanni Fasanella – Nero di Londra, Ed. Chiare Lettere, 2022

Si consiglia la lettura:
Mario Josè Cereghino, Giovanni Fasanella – Il golpe inglese, Ed. Chiare Lettere, 2011
Mario Josè Cereghino, Giovanni Fasanella – Colonia Italia, Ed. Chiare Lettere, 2015

Cover: “Dio stramaledica gli inglesi”, una sorta di “spot” della propaganda fascista molto in voga nel periodo della Repubblica Sociale Italiana

tag:

Pierluigi Guerrini

Pier Luigi Guerrini è nato in una terra di confine e nel suo DNA ha molte affinità romagnole. Sperimenta percorsi poetici dalla metà degli anni ’70. Ha lavorato nelle professioni d’aiuto. La politica e l’impegno sono amori non ancora sopiti. E’ presidente della Associazione Culturale Ultimo Rosso. Dal 2020 cura su Periscopio la rubrica di poesia “Parole a capo”.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it