27 Agosto 2015

L’OPINIONE
L’Italia: una colonia europea fondata sulla menzogna

Fabio Zangara

Tempo di lettura: 3 minuti

economia-italia-colonia

“Bellum cano perenne, between usura and the man who wants to do a good job” (Ezra Pound, Venezia e Rapallo, 1944)

Le potenti armi di distrazione di massa colpiscono ancora, e continuano a provocare danni estremamente gravi. Scandali, gossip politico e tafferugli di partito fanno sistematicamente cadere nell’oblio mediatico il tema da cui non si può prescindere, talmente importante da essere stato la causa e il fine di tutti conflitti dell’epoca moderna, compresi i più di un miliardo di morti delle due guerre mondiali. Sto parlando ovviamente del sistema economico e del suo principale mezzo, la moneta.
E’ irritante l’impunità con cui Matteo Renzi dichiara dal palco del meeting di Comunione e Liberazione che “La riduzione delle tasse non è uno strumento per aumentare il consenso di un premier. È uno strumento per aumentare la libertà e l’uguaglianza dei cittadini italiani” quando, stando ai dati ufficiali del ministero delle Finanze, il prelievo fiscale in Italia continua ad aumentare vertiginosamente, infatti nel primo semestre del 2015 le tasse locali e statali sono aumentate di ben 3,2 miliardi di euro (l’aumento dell’intero 2014 fu di 2,7 miliardi).
E’ però poi terrificante ricordarsi che il “rottamatore” fiorentino è il presidente del Consiglio e governa questo Paese e quindi le sue menzogne non sono parole al vento ma influiscono poi sull’economia reale, sugli stipendi e sul tessuto industriale italiano. Ma per carità, non voglio di certo accollare tutta la colpa a Renzi, che è solamente l’ultimo dei cortigiani dell’Unione europea che sono stati messi nella stanza dei bottoni di questo Paese, da Prodi a Monti, da Berlusconi a Letta.
E’ doveroso inoltre riconoscere che la storia si ripete. Essa è grande maestra ma ha purtroppo pessimi scolari. Prima, in nome del progetto velleitario e fallace dell’Unione europea, è stata decisa la cessione della sovranità monetaria (unico mezzo per sostenere la laboriosità di una comunità), una volta entrati nella gabbia dell’Eurozona, i tassi di interesse sui prestiti della Bce (il costo del denaro) venivano scelti arbitrariamente da tecnocrati mai eletti, questi tassi d’interesse mostruosi fanno crescere vertiginosamente i debiti dei Piigs, e quegli stessi debiti vengono usati come minaccia al fine di applicare politiche restrittive di austerità.
Le conseguenze sono ben visibili sulla pelle della maggior parte dei cittadini: deflazione, crollo dei salari, crollo dei consumi, collasso dello stato sociale, in poche parole, la spirale della recessione. Quello che è accaduto ai Paesi dell’Europa meridionale e sta cominciando ad accadere anche a qualcuno dei Paesi settentrionali (per esempio in Finlandia; ma gli stessi operai francesi e tedeschi non se la passano bene) è la trasposizione moderna del colonialismo settecentesco e dell’imperialismo di rapina.
L’Austerità della Banca centrale europea del conte Draghi non è altro che l’interpretazione in chiave moderna della decisione del 1750 di sopprimere la carta moneta in Pennsylvania da parte del Banco di Inghilterra per stroncare la nascente economia americana, che avrebbe minacciato il sistema economico della “Madre patria”.
Una Nazione che non vuole indebitarsi fa rabbia all’usurocrazia, ed è per questo che alla guida dei paesi “democratici” troviamo sempre fedelissimi del sistema finanziario.
La gerarchia finanziaria, attraverso l’organo di Bce e Fondo monetario internazionale, ha imposto agli Stati europei (chi più e chi meno) una contrazione violenta della circolazione monetaria e un indebitamento vertiginoso per costringere i debitori a rilasciare la loro proprietà.
Non bisogna stupirsi se la Grecia è costretta a vendere alla Germania 14 aeroporti strategici e non mi stupirò quando Renzi venderà, in periodo di saldi, gli Uffizi e il Colosseo ad un ‘herr’ Schmidt qualsiasi.
Attraverso l’arma del debito l’Italia sta diventando quello che l’India è stata per la Gran Bretagna, un serbatoio di manodopera a basso prezzo da esportare in Germania e in Francia.
Renzi e il Partito Democratico abbiano almeno l’accortezza di cambiare il primo articolo della Costituzione italiana coerentemente con la propria politica. Si leggerà, Articolo 1: “L’Italia è una colonia dell’Unione europea, fondata sulla menzogna”.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Fabio Zangara

Fabio Zangara

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013