12 Settembre 2014

L’INTERVISTA
Camilla Ghedini:
“La giornata dell’amante?
21 giugno o 13 luglio…”

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 4 minuti

camilla-ghedini1

Giornalista, abile comunicatrice, scrittrice. Il mondo della parola è la casa di Camilla Ghedini. Ma le sue parole hanno sempre un senso e un peso, alleggerito – quando serve – da quel pizzico di ironia che è, secondo le circostanze, lo zucchero o il sale delle relazioni. Rigorosa, indipendente, è capace di grandi sì e di grandi no. Scrive, fra gli altri, per il Resto del Carlino, Noi donne e ha collaborato con il Sole 24 ore. Cura uffici stampa in ambito pubblico, aziendale e politico. Si occupa in particolare di cultura, economia, costume e, appunto, politica. A seguito del terremoto 2012, ha ideato e si è fatta letteralmente carico di una straordinaria iniziativa di solidarietà, culminata con la distribuzione di oltre 25mila volumi donati da varie case editrici, transitati prima per le tendopoli e successivamente assegnati a biblioteche pubbliche.

Di recente, in copia di Brunella Benea, ha dato alle stampa il suo nuovo romanzo, ‘Amo te… starò con lei per sempre”, attraverso il quale lancia una provocatoria proposta.

Ma allora, questa giornata dell’amante la istituiamo o no?
Ah sì, per me potrebbe essere istituita davvero. Con Brunella abbiamo lanciato la provocazione sulla pagina Facebook ‘Amo te, starò con lei per sempre’, che già conta oltre 1500 iscritti, non solo donne, sia chiaro, e non solo amanti, sia altrettanto chiaro… Hanno risposto in tantissimi, anche privatamente. Pubblicamente, la giornalista e scrittrice Isa Grassano ha ipotizzato il 21 giugno, primo giorno d’estate, ‘il giorno più lungo dell’anno, con luce fino a sera, perché l’amante è la luce che ti fa sentire tremendamente viva… almeno finché dura’. ‘ Marilù Oliva, scrittrice, il 13 luglio, ‘data di nascita di Giulio Cesare, il più potente degli amanti della storia. A Roma si diceva che fosse il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti’. Quindi, anche simbolicamente, si potrebbe procedere. Di sicuro farebbe bene ai consumi per l’attitudine allo svilimento e all’acquisto compulsivo di chi vive questa condizione. Nel libro, che si apre con la richiesta al ministro dell’Economia e si chiude con un disegno di legge, si elencano tutte le attività che potrebbero beneficiarne. Insomma, ‘l’Amante’ potrebbe essere la ‘risorsa’ di ogni Governo. In fondo il tradimento è bipartisan e democratico.

Che donne sono Anita e Florinda, le protagonista del romanzo? E che uomini sono i loro partner?
Anita e Florinda sono due amanti monogame, due donne sentimentalmente imbranate. Attratte dalla politica come dall’oroscopo. Legate da un forte senso dell’amicizia, che temono di tradire perché costrette al ‘silenzio’ che le storie clandestine impongono. Loro, come le altre protagoniste, possono essere chiunque di noi, la compagna di classe, la dirimpettaia, il nostro medico. Amanti possiamo essere tutte. Il libro vuole proprio sdoganare l’idea che l’Altra sia la rovina famiglie. Più semplicemente è una sciocca o sognatrice che spera di vivere parte della sua vita con la persona che ama. Poi, sia chiaro, non c’è alcun vittimismo e nessuna esaltazione del ruolo. Va detto infatti che ci sono amanti felici! Beate loro!!! Gli uomini? Che dire? Quelli del libro sono gli eterni indecisi, che spendono belle parole e promesse – e bugie – sapendo che non le manterranno. La novità infatti non è l’uomo, sempre uguale a se stesso, ma l’amante che a un certo punto, dopo una parabola di sofferenze e insicurezze, sa dire basta e ridere di se stessa e della propria ingenuità.

L’atmosfera del romanzo fa un po’ ‘Sex and the City’, scelta intenzionale o casualità?
Direi che Sex And The City, che io personalmente adoro, è stata una serie anticipatoria su tanti fronti. Forse per questo ci sono suggestioni. Ma non ispirazioni. Le protagoniste di ‘Amo te’ sono disarmanti più che disinibite. In comune c’è sicuramente l’importanza data all’amicizia, sentimento cui sia io che Brunella diamo grande valore.

Nella vita privata i beninformati sostengono tu sia meno disinvolta di come ti mostri dalle pagine del libro. Cos’è, forse un tentativo di trovare nuovi equilibri attraverso un alter-ego?
Ah ah ah!!! Ma chi ha detto che io sono una delle protagoniste del libro? In effetti io conduco una vita piuttosto ritirata e non certo disinvolta. Detesto l’ambiguità e la promiscuità, troppo spesso ammantate di intellettualismi che trovo ridondanti e banali. Io, come Florinda, sono monogama e nessuno mi convincerà mai che essere ‘aperte’ ed ‘emancipate’ migliora la qualità della vita e, magari, della coppia. Io amo l’esclusività. E non accetto compromessi.

Firmi questo romanzo con Brunella Benea. Come nasce il sodalizio e quali sono le difficoltà di scrivere a quattro mani?
Con Brunella siamo amiche da vent’anni. Il libro è nato così, scherzando sulle reciproche disavventure. Io e lei condividiamo la stessa capacità di sapere ridere delle nostre ‘disgrazie’, di non piangerci mai addosso. Anzi di ricamarci su, esasperandole, per divertimento. Un giorno, bevendo il caffè, a casa sua, in cucina, l’ho buttata lì, ‘Scriviamo un libro… Amo te… starò con lei per sempre’. E’ cominciata così. Difficoltà non ce ne sono state, abbiamo diviso i ruoli, pensando insieme i personaggi. Certo abbiamo caratteri diversi, io sono più rigida lei meno, e su alcune figure abbiamo mediato. Per una anche discusso, ma il risultato è valso il nervosismo!

Dopo le “Giustificazioni di un marpione per bene” ecco quest’altro campionario di maschile vigliaccheria sentimentale. Vuoi narrativamente alimentare un filone sui ‘filoni’?
Ho avuto la fortuna di incontrare maschi che mi hanno ispirato! Di recente però, mi sono imbattuta in noiosi che non meritano neppure una parola tanta è la loro pesantezza. Quindi per un po’ direi che su questo genere basta.

Ormai accanto alla tua produzione giornalistica e alla intensa e gratificante attività di comunicazione anche la narrativa sta diventando un tuo impegno costante, prossimi progetti?
Ho da poco firmato un altro contratto per un libro cui tengo moltissimo, di tutt’altro genere e di taglio giornalistico. Non posso rivelare altro, tranne che uscirà a fine primavera 2015.

E a noi allora non resta che attendere.

 

La scheda del romanzo [clic per leggere]
La presentazione del romanzo [clic per leggere]



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013