29 Gennaio 2017

La passeggiata della tigre

Carlo Tassi

Tempo di lettura: 3 minuti

“Ho trovato l’uscita e me ne sono andato, voi che avreste fatto?
Non si può rinchiudere tutta la vita qualcuno in tre metri per tre e pretendere che questo ti dica pure grazie!
La cosa che mi ha dato più fastidio era il rumore di tutte quelle sirene. Mi trapanavano il cervello, – Se non la smettono, finisce che sbrano il primo che mi capita a tiro! – mi dicevo.
Il posto non era neanche granché: pochi alberi, poca erba, tanto cemento e tante scatole di ferro e vetro, puzzolenti e chiassose che rotolavano e mi inseguivano, e dentro queste scatole le solite scimmie nude coperte di stracci che mi stuzzicavano coi loro versi strani.
– Siete fortunati che ho appena mangiato – mi son detto – Sennò vi farei fare la fine delle vostre bistecche… e senza passare dal macellaio! –”

Libero pensiero (tradotto) di una tigre bianca a passeggio a Monreale, nei pressi di Palermo, la mattina di sabato 28 gennaio.

Io sarò sempre con la tigre bianca, con la mangiatrice di uomini, spietata e implacabile assassina… Paroloni… che paroloni! Semplicemente una tigre: splendida creatura che non chiede nulla, non teme e non supplica nessuno.
Da sempre pronta a lottare, a uccidere o a essere uccisa. Fiera e sincera fino alla morte. È la sua natura, da sempre!
E finché ci sarà una tigre al mondo, quell’ultima tigre avrà lo sguardo freddo e spietato di un nobile re furente, pronto a vendere cara la pelle nell’imminenza della fine, affilando le sue lame per l’ultima battaglia.
Ci sono cose che noi ometti non potremo mai capire e mai controllare, esattamente come i terremoti, le inondazioni, gli uragani, le eruzioni, il gelo, il vento, la pioggia, la siccità… Come le sette piaghe d’Egitto, come ogni cosa che piove dal cielo (aerei esclusi), lo spirito della tigre non si può domare.
Si può rinchiudere in una gabbia un animale di trecento chili, una perfetta macchina da guerra vivente fatta di muscoli, zanne e artigli progettati per ghermire, dilaniare, squartare e divorare?
Certamente! La si può umiliare, una tigre, rendendola un’attrazione da baraccone; si può pure ucciderla trasformandola in un trofeo da salotto.
Ma il suo spirito no, rimarrà sempre irraggiungibile e incontrollabile.
Fin dall’inizio, per noi sapiens, è sempre risultato a dir poco irritante non avere il completo controllo di qualcosa. E quando succede preferiamo risolvere il problema agendo alla radice, come? Semplice: se una cosa non riesci a controllarla la elimini! È di questi giorni la notizia dell’autorizzazione all’abbattimento di una quota “ragionevole” (ragionevole per chi?) dei lupi nostrani… abbattimento selettivo lo chiamano. Qualcuno del Ministero dell’Ambiente ha cercato di giustificare questa scelta dicendo che così si tutela il lupo dalle azioni illegali e cruente del bracconaggio, che ultimamente si stanno intensificando a macchia d’olio in tutto il territorio, dall’Appennino alle Alpi. Come dire che, siccome non si riescono ad arginare gli omicidi, lo Stato si fa carico di eliminare una quota ragionevole di cittadini per impedire ai killer di continuare a esercitare le loro pratiche illegali e cruente!
Il fatto è che i lupi vivono da sempre nelle nostre montagne, ancor prima che arrivassero i pastori e le loro pecore, e pure tutti gli altri compari al seguito. Ma si sa, il progresso esige i suoi sacrifici (progresso e pastorizia?).
In bocca al lupo allora!
E la tigre? La tigre è tornata sana e salva nella sua gabbietta. Per una volta non c’è stato bisogno né di mitragliarla né di addormentarla con siringoni di narcotico. Una breve passeggiata e poi a casa, tra i confortevoli carrozzoni della premurosa famiglia circense che distrattamente l’aveva persa per strada. Non prima di aver allertato vigili del fuoco, guardie forestali, carabinieri, polizia municipale…
Caro homo faber, padrone del mondo, spogliato dei tuoi gingilli rimani soltanto tu e il tuo dannato, meschino e incontrollabile senso d’inferiorità.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Carlo Tassi

Architetto mancato, dopo vari mestieri si laurea a pieni voti in Scienze e Tecnologie della Comunicazione. Due passioni irrinunciabili come il disegno e la scrittura, poi tanti interessi e una grande curiosità verso le cose del mondo sono i motivi che l’hanno convinto a cimentarsi come autore satirico e illustratore freelance. Da anni collabora come autore e redattore nel quotidiano online Ferraraitalia. www.carlotassiautore.altervista.org
Carlo Tassi

Ti potrebbe interessare:

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013