Skip to main content

Da: Comune di Ferrara

GIORNO MEMORIA 2017 – Il 27 gennaio alle 16 conferenza al Museo del Risorgimento e Resistenza
Ricordando un naufragio del ’43 con oltre quattromila militari italiani caduti

Sarà dedicata a una delle tante tragedie poco note della Seconda Guerra mondiale, la conferenza dell’architetto Michele Ghirardelli in programma venerdì 27 gennaio alle 16 al Museo civico del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara (corso Ercole I D’Este, 19). Tema della conversazione sarà infatti il naufragio nel ’43, nel mar Egeo, del piroscafo Oria con a bordo oltre quattromila militari italiani, che vi persero la vita, prigionieri dei tedeschi per non aver voluto, dopo l’8 settembre, aderire alla RSI e continuare la guerra al fianco dell’alleato nazista. Quattromila giovani che, se giunti a destinazione, sarebbero andati ad accrescere il numero degli Imi (Internati Militari Italiani) che sono tra quanti si intende commemorare durante il Giorno della Memoria.
L’incontro, che ha per titolo ‘L’altra Resistenza: dal naufragio dimenticato a un monumento sulle coste greche’, sarà aperto liberamente a tutti gli interessati e sarà introdotto dalla responsabile del Museo Antonella Guarnieri.
L’iniziativa rientra nel programma delle manifestazioni cittadine organizzate dal ‘Comitato provinciale 27 gennaio’ in occasione del ‘Giorno della Memoria’ 2017, a ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici nei campi nazisti (v. programma completo su CronacaComune del 20 gennaio 2017).

La drammatica vicenda del naufragio del piroscafo Oria ebbe un seguito nel dopoguerra: il Ministero aveva “scordato” di informare i familiari di ciò che era accaduto, mantenendo i parenti e i cari di quei giovani per tanti anni in una condizione di attesa e di angoscia. Fu solo il ritrovamento di una gavetta, nel tratto di mare in cui avvenne il naufragio, che cominciarono le ricerche sia subacquee sia archivistiche.
La nave affondò presso capo Sunion nel mar Egeo e si trattò quasi di una drammatica similitudine con la leggenda di Egeo che, per mancanza di comunicazione, attese il ritorno del figlio Teseo da Creta e, credendolo morto perché il figlio non aveva srotolato come da accordi la vela bianca, si uccise.
Nel naufragio furono coinvolti anche alcuni ferraresi e grazie anche al contributo del ricercatore estense Gian Paolo Bertelli ci sono già alcuni nomi accertati.
Michele Ghirardelli intende ringraziare per questo i rappresentanti dei tanti Comuni del Ferrarese che, a differenza dei funzionari di altre province contattate durante la ricerca, hanno mostrato grande sensibilità nei confronti del lavoro di ricerca, cercando di offrire tutte le informazioni in loro possesso al fine di rintracciare i parenti dei giovani periti nella drammatica vicenda.

Per approfondimenti sul naufragio del piroscafo Oria: www.piroscafooria.it

CONCITTADINA CENTENARIA – La consegna della targa sabato 28 gennaio alle 10
Gli omaggi dell’Amministrazione comunale a Clara Vallieri

In occasione del suo centesimo compleanno, il prossimo sabato 28 gennaio, la concittadina Clara Vallieri riceverà la tradizionale targa di benemerenza dell’Amministrazione comunale, accompagnata da una lettera di auguri del Sindaco. A effettuare la consegna, alle 10, nell’abitazione della concittadina (in via Umberto Fogagnolo 11 int.11 a Barco, Ferrara) sarà l’assessore comunale Simone Merli.

CENTRO DI MEDIAZIONE – Lunedì 20 febbraio 2017 scadono i termini per presentare i filmati
“F(ilm)a la cosa giusta”: un concorso video per i ragazzi delle scuole superiori

C’è tempo ancora fino a lunedì 20 febbraio 2017 per partecipare al concorso video “F(ilm)a la cosa giusta” aperto alle scuole secondarie di secondo grado della Regione Emilia Romagna.

“F(ilm)a la cosa giusta” intende contribuire a sensibilizzare i ragazzi a queste tematiche attraverso lo strumento comunicativo del video.
E’ aperta la partecipazione per le scuole secondarie di II° grado della Regione Emilia-Romagna, che hanno prodotto materiali audiovisivi a partire dall’anno scolastico 2014/15 su temi di educazione alla legalità come: inclusione, rispetto dell’ambiente, lotta alle mafie, impegno civile e cittadinanza, pace, intercultura.

Per partecipare: bandi e modalità di partecipazione nei pdf in allefgato in fondo alla pagina con modulo di iscrizione da compilare
Scadenza del bando: 20/02/2017 per la categoria Scuole

Premio per il miglior video categoria Scuole: strumentazione audio/video del valore di 500 euro

bandoconcorso_f(ilm)alacosagiusta .pdf
moduloiscrizione_f(ilm)alacosagiusta .pdf
promo concorso video legalita.pdf

Presentazione: le opere dei giovani autori saranno presentate pubblicamente durante l’appuntamento inserito nel programma della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, il 21 marzo 2017.

Il progetto “Ferrara Città Solidale e Sicura” si occupa di tutti i temi legati alla sicurezza urbana e al benessere dei cittadini, attraverso la promozione di politiche di riqualifica, partecipazione e integrazione.

Il gruppo di lavoro si avvale di una stretta collaborazione con il Corpo della Polizia Municipale ed è finanziato dalle Regione Emilia Romagna, Servizio Politiche per la Sicurezza e la Polizia locale.

Per info: tel. 0532 770504, email centro.mediazione@comune.fe.it

CITTA’ DEL RAGAZZO – Sabato 28 gennaio alle 10.15 il dibattito in viale Don Calabria 13
Minori stranieri non accompagnati, conferenza su arrivi e percorsi d’integrazione

“Dall’Africa all’Italia per mari e deserti. Il viaggio degli adolescenti stranieri e loro percorsi d’integrazione”. Sarà una riflessione sul viaggio e sui possibili percorsi di integrazione dei minori stranieri non accompagnati presenti nel nostro territorio il tema attorno al quale ruoteranno gli interventi in programma per l’iniziativa organizzata alla Città del Ragazzo (viale Don Calabria 13, Ferrara) sabato 28 gennaio dalle 10.15 alle 12.30. Ad aprire gli interventi sarà l’assessora comunale alle Politiche sociali Chiara Sapigni insieme con il direttore della Città del ragazzo Giuseppe Sarti. Coordinamento degli interventi di Federico Zullo, presidente dell’associazione Agevolando.

L’evento vuole facilitare, a partire dalle sollecitazioni dirette dei ragazzi stessi, e favorire lo scambio virtuoso tra i soggetti coinvolti nella rete di accoglienza. Dopo l’intervento esperienziale di Jerreh Jaiteh, che racconterà la sua storia riportata in un volumetto da lui scritto, ci sarà una tavola rotonda sul tema “Lavorare in rete per garantire futuro”, durante la quale i relatori risponderanno ad alcune domande di stimolo preparate preventivamente dai ragazzi.
Concluderà gli interventi Elisa Ravaglia, coordinatrice dello Sportello del Neomaggiorenne di Ferrara.

In allegato la locandina con il programma dettagliato.

SALUTE E RICERCA – Giovedì 26 e venerdì 27 gennaio all’istituto Copernico-Carpeggiani e sabato 28 gennaio in via Mazzini
Arrivano “Le arance per la salute” e altre iniziative Airc

AIRC, l’Associazione italiana ricerca sul cancro, ha promosso una serie di iniziative nella nostra città, rivolte sia ai ragazzi delle scuole sia a tutti i cittadini.
“Cancro io ti boccio” è il progetto che AIRC ha studiato per le scuole e che si affianca all’iniziativa “Le Arance della Salute”®, da oltre 25 anni organizzata in oltre 2.700 piazze con la collaborazione di 20mila volontari. In questa giornata vengono distribuite reticelle di arance rosse italiane confezionate senza conservanti, a fronte di un contributo associativo di 9 euro. Il ricavato viene utilizzato per finanziare i progetti di ricerca più innovativi svolti nelle principali istituzioni italiane e per assegnare borse di studio a giovani laureati che si vogliono specializzare in oncologia.

Attraverso il lavoro degli insegnanti di ogni ordine e grado, “Cancro io ti boccio” è un’occasione per diffondere in classe le conoscenze sugli stili di vita salutari e il significato della ricerca scientifica. Un bagaglio culturale da acquisire fin da piccoli e da arricchire nell’adolescenza quando si coltivano interessi e vocazioni. E proprio bambini e ragazzi diventano, a loro volta, ambasciatori presso le famiglie.

Giovedì 26 e venerdì 27 gennaio 2017, l’iniziativa “Cancro io ti boccio” si terrà si terrà all’Istituto di istruzione superiore Copernico-Carpeggiani di Ferrara dove sarà possibile anche acquistare le arance in entrambe le date tra le 12 e 14.

Sul sito di AIRC è possibile prendere visione dei progetti avviati in collaborazione con l’Università di Ferrara. Al momento AIRC finanzia due borse di studio e sei gruppi di ricerca con un finanziamento totale di 667.000 euro per l’anno 2017. I dati sono pubblici e reperibili al seguente link http://www.airc.it/finanziamenti/ricerca

Infine sabato 28 gennaio, in via Mazzini (angolo via Vignatagliata), negli orari 9-12.30, 15-18, ci sarà il banchetto AIRC per la distribuzione delle arance della salute, rivolta a tutti i cittadini che vogliono aderire, al costo di 9 euro.

ACCESSIBILITA’ – Nuovi impianti elevatori in tre edifici scolastici e asse Cavour-Giovecca più sicuro per i non vedenti
A Ferrara nuove soluzioni per rendere scuole e strade più accessibili a tutti

Il Comune di Ferrara compie nuovi passi in avanti in tema di accessibilità. E lo fa sia sul fronte della mobilità urbana sia su quello dell’edilizia scolastica. Presto, infatti, l’intero asse viale Cavour-corso Giovecca sarà percorribile in sicurezza dai non vedenti grazie all’installazione, a cura del Servizio comunale Infrastrutture e Mobilità, di dispositivi di chiamata con apparati acustici in tutti gli attraversamenti pedonali semaforizzati che ancora non ne sono dotati. Mentre in due scuole del territorio, la ‘Tasso’ di viale Cavour e la ‘De Pisis’ di Porotto, si sono di recente conclusi gli interventi curati dal Servizio Edilizia del Comune per il miglioramento dell’accessibilità da parte delle persone con disabilità, con l’installazione, tra l’altro, di piattaforme elevatrici. Per una terza scuola, la ‘Mosti’ di via Bologna, i lavori sono invece in programma per la prossima estate, con il montaggio di un impianto elevatore esterno, a corredo di altri interventi per il restauro degli infissi esterni e la manutenzione dell’impianto fognario e dell’area esterna, da realizzare con contributi ministeriali legati al D.L. 104/2013.
Il complesso degli interventi è stato illustrato stamani in conferenza stampa dall’assessore comunale ai Lavori Pubblici e Mobilità Aldo Modonesi, dal dirigente del Servizio Edilizia Ferruccio Lanzoni, dalla responsabile del Servizio Mobilità Monica Zanarini e da Fausto Bertoncelli dell’Ufficio Benessere ambientale del Comune di Ferrara, assieme a Carlos Dana portavoce del Comitato ferrarese Area disabili e a Renzo Rimessi della sezione provinciale di Ferrara dell’Unione Italiana Ciechi.
“Gli interventi per il miglioramento dell’accessibilità di recente conclusi o in partenza – ha sottolineato l’assessore Modonesi – sono il frutto di un percorso che negli ultimi mesi ha visto il coinvolgimento, assieme agli uffici tecnici comunali del Settore Opere pubbliche e mobilità, anche dell’Ufficio comunale Benessere ambientale guidato da Fausto Bertoncelli e delle associazioni cittadine dell’area della disabilità. Dopo la conclusione degli interventi che hanno risolto i problemi di accessibilità alle scuole Tasso e De Pisis, siamo in attesa dell’arrivo dei finanziamenti ministeriali per l’abbattimento delle barriere architettoniche alla Mosti. Mentre dalla metà di febbraio prenderanno il via gli interventi lungo l’asse Cavour-Giovecca pianificati assieme all’Unione italiani ciechi di Ferrara e destinatari di un finanziamento del Ministero delle Infrastrutture e trasporti per 60mila euro, cui si aggiungerà una quota comunale di 27mila euro”. “L’operazione – ha precisato Monica Zanarini – sarà conclusa in circa tre mesi e mezzo e consentirà di mettere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali dalla Stazione ferroviaria fino alla Prospettiva, con l’installazione di dispositivi di chiamata acustici ai semafori e l’applicazione di percorsi tattili plantari per facilitare il raggiungimento dei pulsanti di chiamata e la posizione degli attraversamenti”.
Sia da Carlos Dana che da Renzo Rimessi sono giunti apprezzamenti per gli interventi voluti e progettati dall’Amministrazione comunale e in particolare per l’attività dell’Ufficio Benessere ambientale che, come precisato da Fausto Bertoncelli “si occupa di accessibilità in senso ampio, offrendo supporto a progettisti sia interni al Comune sia esterni, con l’intento di trovare le soluzioni ottimali in ambito di edilizia e urbanizzazioni”.

Questi in sintesi i nuovi interventi del Comune di Ferrara per l’accessibilità, già eseguiti o in programma:

>> Abbattimento barriere architettoniche nelle scuole secondarie di primo grado ‘T. Tasso’ (viale Cavour 75, Ferrara) e ‘F. De Pisis’ di Porotto (via Ladino 19) – Interventi CONCLUSI il 12 dicembre 2016:
– Scuola “T. Tasso”: installazione esterna di rampa in metallo e piano di calpestio in doghe di legno riciclato impermeabile per rendere accessibile l’edificio scolastico, installazione interna di piattaforma elevatrice a struttura metallica e rivestimento in vetro per rendere accessibili i piani primo e secondo e ultimo, adeguamento servizio igienico al primo piano;
– Scuola “F. De Pisis” di Porotto: installazione interna di piattaforma elevatrice a struttura e rivestimento metallico per rendere accessibile il primo e ultimo piano.
Importo complessivo delle opere nelle due scuole: 180.000 euro, finanziato per 150.000 euro con proventi della vendita di aree PEEP e per 30.000 euro con proventi delle concessioni edilizie

>> Abbattimento barriere architettoniche e altri interventi alla scuola primaria ‘Ercole Mosti’ (via Bologna 152, Ferrara) – Interventi IN PROGRAMMA PER L’ESTATE 2017:
abbattimento barriere architettoniche mediante fornitura e posa in opera d’impianto elevatore esterno alla sagoma dell’edificio da realizzare con struttura metallica e tamponamento in vetro stratificato di sicurezza; restauro e risanamento conservativo degli infissi esterni in legno; manutenzione straordinaria all’impianto fognario e all’area esterna.
Importo complessivo dell’opera 200.000 euro, da finanziare per 150.000 euro con contributo Regionale di cui al D.L. 104/2013 art. 10 e al Piano di Edilizia Scolastica della Regione Emilia Romagna, e per 50.000 euro con entrate patrimoniali del Comune di Ferrara.

>>Realizzazione di attraversamenti semaforizzati adeguati alle esigenze dei non vedenti in viale Cavour e corso Giovecca – interventi IN PROGRAMMA DA META’ FEBBRAIO 2017:
Le opere hanno lo scopo di facilitare e rendere più sicura la mobilità pedonale dei non vedenti ed ipovedenti sull’asse viario costituito da viale Cavour e da corso della Giovecca, secondo un progetto concordato tra il Comune di Ferrara (Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico e Ufficio Benessere Ambientale) e la Sezione Provinciale di Ferrara dell’Unione Italiana Ciechi, che prevede:
– adeguamento degli impianti semaforizzati che consiste nell’installazione di specifici dispositivi di chiamata con relativi apparati acustici da applicare sui pali semaforici esistenti o dove necessario su nuovi pali; tali dispositivi serviranno 18 attraversamenti pedonali che con i 6 già esistenti porteranno a 24 il numero totale di attraversamenti disponibili. In tal modo i non vedenti potranno percorrere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali semaforizzati presenti su entrambi i lati dell’asse Cavour-Giovecca e potranno attraversare in sicurezza lo stesso asse ad ogni incrocio semaforizzato.
– adeguamento degli attraversamenti pedonali mediante l’applicazione dei percorsi tattili plantari che in prossimità degli impianti semaforizzati segnaleranno sia la posizione dei pulsanti di chiamata che la posizione degli attraversamenti pedonali. Tali percorsi serviranno 17 attraversamenti pedonali e saranno realizzati in materiale termoplastico (a garanzia di una maggior durata) di colore bianco (per agevolare anche gli ipovedenti). IN ALLEGATO LA PLANIMETRIA DEL PERCORSO

Immagini:
1 e 2 – rampa e impianto elevatore alla scuola Tasso
3 – impianto elevatore alla scuola De Pisis di Porotto
4 – progetto impianto elevatore per la scuola Mosti
5 – conferenza stampa del 26 gennaio 2017

CONSIGLIO COMUNALE – Le modalità definite dalla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari. Diretta audio-video su ConsiglioWeb
Il Consiglio comunale di Ferrara si riunirà lunedì 30 gennaio alle 15.15

Il Consiglio comunale di Ferrara si riunirà lunedì 30 gennaio alle 15.15 nella residenza municipale. La seduta – con modalità definite dalla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari convocata dal presidente del Consiglio comunale Girolamo Calò – sarà dedicata alla trattazione di quattro delibere (assessori Massimo Maisto, Roberto Serra, Aldo Modonesi) e al confronto sulla “Mozione per il reinserimento lavorativo degli ex dipendenti CARIFE” (presentata dai consiglieri del gruppo FI Anselmi e Zardi anche a nome dei gruppi PD, SI, Lega Nord).

I lavori saranno aperti con la surroga del consigliere dimissionario Paolo Spath-FdI/AN.

>> Come di consueto prevista la diretta audio video dell’intera seduta di Consiglio comunale sulla pagina internet del servizio ConsiglioWeb all’indirizzo http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=472

Questo l’ordine del giorno dei lavori:

DELIBERE

Assessore alla Cultura/Turismo Massimo Maisto

>> PG 3445/17 – Adesione all’istituenda “Destinazione Turistica Romagna”. Approvazione proposta di Statuto

>> PG 4795/17 – Approvazione convenzione fra l’Amministrazione Comunale di Ferrara e il Comune di Lagosanto per la gestione delle funzioni dell’Ufficio Procedimenti Disciplinari in forma associata

Assessore al Commercio Roberto Serra
>> PG 143298/16 – Approvazione del Piano delle Alienazioni e del Piano delle Valorizzazioni per il triennio 2017-2019, ai sensi e per gli effetti dell’art. 58 della Legge 133/2008 di conversione del D.L. 112/2008, successivamente integrato dall’art. 3, comma 6, del D.L. n. 98/2011, convertito nella Legge 111/2011, a sua volta modificato dall’art. 27 della Legge 214/2011

Assessore alla Mobilità/Lavori pubblici Aldo Modonesi
>> PG 1002/2017 – Approvazione del “Regolamento di Video Sorveglianza” per la sicurezza di alcuni edifici comunali

ORDINI DEL GIORNO/MOZIONI
>> PG 6671 – 18/01/2017 – Capo Gruppo FI Vittorio Anselmi e Consigliere Comunale FI Gian Paolo Zardi – Gruppo PD – Gruppo SI – Gruppo Lega Nord – Mozione per il reinserimento lavorativo degli ex dipendenti CARIFE (iscritta ai sensi dell’art. 55 – comma 4 – del regolamento del C.C.)

SALA NEMESIO ORSATTI – Venerdì 27 gennaio alle 21 a Pontelagoscuro. Iniziativa di “Appunti di Ponte” a cura della Pro Loco
Presentazione del volume “La Giarina: i Caraibi dei ferraresi e altri racconti”

Venerdì 27 gennaio alle 21 terzo appuntamento con la cultura del salotto letterario ‘Appunti di Ponte’ alla Sala Nemesio Orsatti di via del Risorgimento, 4 a Pontelagoscuro.
Maria Giovanna Bonsetti dialogherà con Gabriele Botti sulle pagine de “La Giarina: i Caraibi dei ferraresi e altri racconti”, gustoso compendio di racconti scritti a otto mani e quattro tempi da Carla, Maria Giovanna e Rosanna Bonsetti e Letizia Paramucchi, edito da Faust Edizioni, dinamica casa editrice di Barco,
E’ molto curiosa la struttura di questo volume ad alto contenuto e passione territoriale, condito da fotografie d’epoca: Maria Giovanna, oltre ad essere autrice di alcuni racconti, ha curato la raccolta delle novelle scritte dalla nonna Letizia e dalle zie Carla e Rosanna.
Storie curiose e didascaliche di una Ferrara di altri tempi, con protagonisti della quotidianità ferrarese alle prese con vicende anche surrealmente banali, oppure vip di gran fama in incognito tra le sabbie e le acque nostrane. Una raccolta che scivola nel tempo e nelle vicende umane che scivolano alla svelta per quanto sono gradevolmente raccontate e illustrate.
La presentazione del volume sarà accompagnata dalla proiezione di fotografie d’epoca della Giarina, del Po e di Pontelagoscuro a cura di Walter Ferrari, appassionato cultore della storia di Pontelagoscuro.
Saranno presenti allì’iniziativa l’editore Fausto Bassini e lo scrittore Paolo Maietti.
L’iniziativa è organizzata dalla Pro Loco di Pontelagoscuro con il patrocinio del Comune di Ferrara. L’ingresso è libero per tutti.

INFORMAGIOVANI – Mercoledì 1 febbraio dalle 10.30 alle 12.30, sala del Consiglio comunale di Ferrara
Le opportunità lavorative per la stagione estiva 2017 in un incontro pubblico e gratuito con Informagiovani

Sono in partenza in questo periodo le selezioni di personale per la prossima stagione estiva 2017; moltissime le opportunità di lavoro nei settori dell’accoglienza, della ricreazione e della ristorazione.

Mercoledì 1 febbraio dalle 10.30 alle 12.30, nella sala del Consiglio comunale di Ferrara (piazza Municipale 2), Informagiovani del Comune di Ferrara organizza un incontro pubblico e gratuito in cui verranno fornite informazioni dettagliate sui settori lavorativi e i profili professionali maggiormente richiesti, le banche dati da utilizzare per la ricerca di offerte di lavoro, l’invio delle candidature e la stesura del curriculum efficace. Attenzione particolare sarà rivolta alle offerte di lavoro ai Lidi ferraresi, che verranno illustrate da Candida Cinti dell’Informagiovani di Comacchio.

Programma e iscrizione: http://www.informagiovani.fe.ithttp://www.cronacacomune.it/p/311/lavoro-stagionale.html

Per Info: Agenzia Informagiovani – piazza Municipale, 23 – 44121 Ferrara
tel. 0532.419590 / fax. 0532.419490

SCUOLA DI MUSICA MUSIJAM – Sabato 28 gennaio alle ore 18.30 in viale Alfonso I° d’Este
Spettacolo concerto “Le musica interrotte..ricordando la Shoah” con l’Orchestra del Baluardo

Sabato 28 gennaio 2017 alle ore 18.30 presso l’Associazione Culturale e Scuola di Musica MusiJam Ferrara (viale Alfonso d’Este 13) verrà presentato lo spettacolo concerto “Le musica interrotte..ricordando la Shoah”, con l’Orchestra del Baluardo diretta da Elio Pugliese. Un viaggio sonoro attraverso le diverse musiche che compongono l’universo klezmer e quello della canzone yiddish. In una ricorrenza tradizionalmente improntata alla cupezza, alla ricostruzione dolorosa degli eventi della shoah, al lutto, la nostra proposta mette invece l’accento sul riportare in vita un pezzo di mondo del nostro inizio Novecento. Ci interessa raccontare come si viveva negli shtetl, mostrando anche la somiglianza (anche sul piano musicale) dello stile di vita delle comunità contadine nostrane.
Il pensiero di Etty Illesum narrato dalla voce di Giuliana Berengan porterà per mano lo spettatore attraverso squarci di vita vissuta dentro i campi di concentramento, con lo spirito di speranza per un’umanità futura migliore.
La pittrice Marta Besantini entra nell’immaginario emozionale dello spettacolo, attraverso una performance pittorica.

L’Orchestra del Baluardo è un progetto della Associazione Culturale e Scuola di Musica MusiJam Ferrara. Composta da allievi e docenti della Scuola. Alla base di questo progetto vi è la concezione della musica come componente fondamentale dell’esperienza e dell’intelligenza umana. La ricerca e l’attenzione sono rivolte alle tradizioni della musica popolare e alle storie da cui prende vita. Anche il ballo diventa un elemento indispensabile per cui l’associazione sta sviluppando un nucleo stabile di danze che possa accompagnare l’Orchestra.

CASTELLO ESTENSE – Disponibile al pubblico una selezione di opere del patrimonio del museo di Palazzo Massari
Prorogata fino al 27 dicembre 2017 la mostra in Castello “L’Arte per l’arte – da Previati a Mentessi, da Boldini a De Pisis”

L’esposizione “L’Arte per l’arte – da Previati a Mentessi, da Boldini a De Pisis” nel Castello Estense di Ferrara è prorogata fino al 27 dicembre 2017.

Pertanto, per tutto l’anno in corso, i visitatori potranno apprezzare, al piano nobile del Castello, un breve viaggio tra alcuni dei diversi orientamenti che fecero a gara per rinnovare i convenzionali linguaggi dell’arte sul finire dell’Ottocento: dalle poetiche del vero all’arte di idee, dalla pittura di macchia al divisionismo, dalla rappresentazione della vita moderna alle suggestioni decorative del Liberty, così come una selezione di capolavori di Filippo de Pisis nel percorso dei Camerini di Alfonso I°.
Nonostante la chiusura della sede delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Palazzo Massari per la realizzazione dei lavori post-sisma continuerà, quindi, ad essere disponibile al pubblico una selezione di opere del patrimonio del museo.

Per informazioni e prenotazioni:
Biglietteria Castello Estense
Largo Castello – Ferrara
tel. 0532 299233 – castelloestense@comune.fe.it – www.castelloestense.it

tag:

COMUNE DI FERRARA


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it