Skip to main content

Intervista a Karl Marx

«Ciao Ka!»

«Ciao Cri!»

«Eh quindi? Cioè volevo dire, anzi non sono bene cosa volevo dire, sarebbero tante, troppissime le domande che vorrei farti, vorrei chiederti soluzioni, opinioni, vorrei che mi, anzi ci, indicassi la via, ci dessi una mano a trovare il bandolo della matassa, ma ancor di più vorrei chiederti perché?»

«Beh intanto io sarei morto da una cento quarantina d’anni, le tue perplessità e domande mi sembrano assai poco chiare, altresì dovrei essere io a chiedere a te e a voi perché? Si certo io sono stato veggente, ho visto lo sviluppo della vostra misera società con un secolo d’anticipo, ho visto nascere e morire poeti, economisti, scrittori, politici, donne e uomini del popolo che hanno creduto in me, le masse, il famoso proletariato, vedeva in noi una speranza, l’unica. Il quarto stato come dal bel dipinto di Pellizza marciava verso la propria autodeterminazione. Poi, cos’è successo?»

«Ok Ka, ma non è che puoi farmi il verso, sei tu l’economista, filosofo, poeta e il libero pensatore, il traino delle masse, se lo sapessi di sicuro non sarei un alienato all’interno di una fabbrica»

«Vabbè, intanto noto che hai utilizzato un termine a me caro e che è in un certo qual senso uno dei perni del mio pensiero, che ti ricordo non essere marxista, mi spiego meglio, io KM ero Comunista, il mio pensiero era marxista in quanto nasceva da me medesimi. Vabbè non è troppo chiaro, ma non è questo il punto.»

«Esatto, qual è il punto, dove si è fermato il nostro cammino, dov’è che i posteri hanno sbagliato, come è stato che ti hanno messo da parte?»

«E ridaje con queste domande. Secondo me bisogna partire da lontano, molto lontano. In vita le nostre teorie, le mie e quelle di Federico, ma pure di altri compagni, anarchici, socialisti, non riuscirono ad attecchire come avremmo voluto. Ti ricordo che noi inventammo o almeno cercammo di perseguire la democrazia (con buona pace degli antichi greci), che all’epoca non esisteva come concetto. Oppure era solo e esclusivamente appannaggio delle classi dominanti, la borghesia stava plasmando i propri partiti, pure qualcuno progressista, altrettanto vero che la Rivoluzione Francese già da cinquanta anni prima della mia nascita aveva abbozzato l’idea di raggruppamenti di persone che perseguivano una stessa idea o ideale, parola che nei vostri tempi ha assunto una accezione negativa, non ho mai capito il perché. Questo era il nostro punto di partenza. Il proletariato industriale stava nascendo in Inghilterra ed è lì dove io pensavo ci sarebbe stata la scintilla rivoluzionaria, certamente non in Russia, dove era da poco stata superata la servitù della gleba e il popolo non aveva la benché minima coscienza di classe. Chiaro questo, sì?»

«No»

«Vabbè, non è che sei poi tanto sveglio»

«Mai detto questo, sono solo diplomato con il minimo dei voti»

«Va bene, riprendiamo il concetto, la Russia era l’ultima delle nazioni europee che aveva le potenzialità per far vincere la rivoluzione, semplicemente perché non esisteva una classe, in grado di emanciparsi. Ma lì avvenne, grazie a Vladimiro e ai Bolscevichi. La rivoluzione fu cruenta, come tutte le rivoluzioni, è un concetto mutuato dalla fisica. Vlad, pur con errori fece un gran lavoro, lui, la Russia e i comunisti divennero una speranza per i derelitti e per i bisognosi, i mezzi di produzione divennero dello stato, e in estrema sintesi la dittatura del proletariato fu messa in pratica. Chiaro sì, cosa intendevo per dittatura del proletariato? No, credo proprio di no, i posteri, gli studiosi, gli elaboratori del mio pensiero, su questo concetto non ce  l’hanno mai fatta a fare chiarezza, a rendere ineccepibile il concetto. Dittatura del proletariato è un ossimoro, il comunismo non può essere dittatura, perché è il popolo che decide per se stesso, per il proprio bene, per la propria dignità. Ho sempre apprezzato George Horwell, dai tempi in cui combatteva con le Brigate internazionali in Spagna e lui nel suo simpatico romanzo lo spiega bene, uguali vuol dire uguali, non come i maiali che divennero più uguali degli altri e ricondussero la fattoria alla schiavitù e al culto della personalità impersonato da quel famoso Giuseppe che mai ha rappresentato il mio pensiero e la mia visione? Chiaro questo concetto?»

«Si questo a me è chiaro, credo di ripeterlo a pappagallo dai tempi delle elementari, ma a tutt’oggi esiste gente che si ritiene dei compagni che sta storia non l’ha ancora digerita.»

«Proseguiamo perché la storia è ancora lunga, dalla presa del Palazzo d’inverno a oggi è passato davvero tanto tempo e io benché l’avessi vista lunga mai mi sarei immaginato un mondo con queste fattezze. Anche se il concetto di fondo lo avevo capito. Ma andiamo con ordine. Nel secolo breve, quel famoso novecento dove noi e le nostre idee acquisimmo dignità, grazia alle speranza (disattese) della Russia, ma soprattutto per merito di pensatori che fecero progredire il mio pensiero, nella politica ma anche nelle arti. Ora i nomi li conosci, in Italia vi furono ragazzi che ebbero davvero a comprendere ciò che io volevo dire, Antonio, Giuseppe, Enrico, Pietro, Lucio, Luciana, Nilde e tante altre donne e uomini del partito, ma pure nella poesia, Pier Paolo, Jan Paul, Pablo, Vladimir, Nazim e tanti, tantissimi altri dopo e prima di loro. In quel ‘900 il quarto stato davvero camminò e trainò le messe. Insegnò ai proletari a leggere e a scrivere, insegnò ai cafoni a non togliersi il cappello davanti al padrone, insegnò a lottare per i diritti di tutti, questo facemmo noi comunisti. Questo fu il percorso e il lungo cammino di autodeterminazione. Gli anni sessanta e settanta, pur nella violenza furono anni di grande fermento, dove la reazione pareva sconfitta. Ma così non fu.

Il capitale il nostro grande nemico, si sviluppò e diventò all’apparenza umano, anzi, vi furono davvero casi in cui il capitalista aveva a cuore l’operaio, ma furono casi e pure quelli ora sono morti. Il superfluo, l’inutile divenne religione, gli anni ’80 del famoso edonismo sancirono l’inizio della fine. Da lì in poi cominciaste a vergognarvi di essere comunisti mentre altri vollero essere più comunisti di me, dando spazio alla moderazione, alla reazione, al trionfo del capitale. Produci, consuma e muori, questo è il vostro percorso di vita.»

«E quindi? Il capitalismo ha vinto?»

«No ragazzo mio, siamo noi ad avere perso. Il capitale continua, anzi amplifica ciò che ha sempre fatto, aumenta le disuguaglianze, crea sfruttati e sfruttatori, definisce confini e frontiere, cataloga i popoli in vincenti e sconfitti, accende focolai di guerra sempre e solo per gli stessi motivi, potere, imperialismo, religione (ricordi l’oppio dei popoli?). Un manipolo di oligarchi che detiene la ricchezza di tutto il mondo, i pochi contro i tanti, gli ultimi che combattono e si uccidono fra loro arricchendo i potenti pancioni che nascondono i soldi sporchi di sangue, olio e petrolio nelle stesse banche di un secolo fa. Con una grande differenza rispetto ad allora, non c’è più nessuno che prende per mano i miserabili e li conduca nella speranza di un avvenire migliore. Il sole dell’avvenire si sta spegnendo nel trionfo del capitale che continua a mettere gli ultimi contro i penultimi, gli umili contro i derelitti, gli operai contro gli operai, mandando al macello generazioni di giovani, inquinando e desertificando l’unico pianeta che avete, andando a passi da gigante incontro all’ignoto.»

«Quindi Ka, l’inevitabile è oramai raggiunto?»

«Sì in effetti l’avevo vista lunga, ma non sono mai stato un mago. Se posso darvi un consiglio, rileggetemi e e soprattutto capite ciò che ho scritto, magari una nuova speranza esiste e che non sia ancora una volta ciò che scrisse un tizio … “proletari di tutto il mondo unitevi”»

«Ciao Ka, e grazie di tutto»

tag:

Cristiano Mazzoni

Cristiano Mazzoni è nato in una borgata di Ferrara, nell’autunno caldo del 1969. Ha scritto qualche libro ma non è scrittore, compone parole in colonna ma non è poeta, collabora con alcune testate ma non è giornalista. E’ impiegato metalmeccanico e tifoso della Spal.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it