26 Marzo 2017

Il suono della speranza: approdo brasiliano per Delef cantautore errante

Redazione

Tempo di lettura: 5 minuti

di Cristina Boccaccini

Suoni che evocano speranza, gioia, amore, temi che non bisogna mai smettere di cantare e di declinare, soprattutto ora, senza scadere nelle edulcorazioni semplicistiche, offrendo soluzioni per respirare, non effimere bolle di sapone. Rivoluzioni che fanno poco rumore ma con la forza di arsenali nucleari, in grado di abbracciare aree geograficamente e sentimentalmente vaste, imbracciando una chitarra.
E’ questo il progetto di “Delef”, alias Michele Cuccu, cantautore errante, con radici comacchiesi ma rami orientati verso l’America Latina. Per motivi di studio è approdato in Brasile, terra di contrasti e commistioni, dal panorama culturale vivace e variegato, che gli ha dato la possibilità di intraprendere un viaggio musicale tuttora in atto, ancora non impresso su disco, sospeso tra musica popolare brasiliana e canzone italiana, raccontando storie di ingenuità e speranza.

In cosa consiste il progetto Delef?
E’ un progetto in continuo divenire, che vede le proprie origini sonore in un altro gruppo musicale comacchiese, gli Swamp, fondato dieci anni fa, insieme ad altri amici musicisti, tra cui Alfredo Mangherini, che collabora tuttora con me. Nel 2014, arrivato in Brasile, componevo canzoni tra le quattro mura della camera da letto, col solo ausilio di una chitarra classica e della mia voce. Sono tornato in Italia un anno fa e ho registrato i brani grazie all’aiuto del producer di musica elettronica Andrea Ferroni. Da poco si è aggiunto al progetto anche Michele Baroni, che si occupa delle percussioni.

Come funziona per te il processo creativo?
Il processo creativo costituisce un bisogno di espressione a cui non posso sfuggire. La libertà è essenziale per la creatività. Di solito sviluppo prima la melodia, partendo da un accordo sulla chitarra, poi passo alla voce, infine ai testi, attingendo da poesie mie che cerco di adattare di volta in volta alla struttura musicale.
Nell’immaginario collettivo la musica popolare brasiliana (MPB) è associata all’idea di festa e celebrazione della gioia. Mi piace costruire canzoni in cui pulsi la varietà e l’energia dei ritmi tipici del Brasile, su cui inserire melodie di sapore allegro o malinconico. Il tutto con un’attenzione particolare alla contaminazione tra suoni e culture diverse, una sorta di cannibalismo culturale, tendenza insita nella stessa cultura brasiliana, la cui tradizione si ciba spesso e volentieri di influenze esterne da parte di popolazioni come quelle americane, africane ed indigene, per poi rielaborarle.

I testi di cosa parlano?
Ho scritto iniziato a scrivere testi in portoghese mentre ero in Brasile, ma quando per motivi burocratici sono stato costretto a tornare in Italia, ho adottato l’italiano. Le due lingue fanno parte di me, in un modo o nell’altro, e le ho utilizzate per veicolare un messaggio di speranza. Nella canzone Tempo dei sogni, ad esempio, dico che essi possono essere rincorsi e vissuti, la chiave sta nella nostra forza di volontà. In una società che può essere quella italiana, come quella brasiliana, in cui i media ci bombardano quotidianamente al suono della parola “crisi”, è necessario che i giovani come me trovino la forza per far sentire la propria voce e contrastare la stasi attuale, portando avanti una rivoluzione non violenta che passa prima di tutto dall’interiorità del singolo: spogliarsi delle paure e dei pregiudizi, per abbracciare l’altro da noi, lasciandoci andare tra le sue braccia, come canto in Nos Seus Braços.

A proposito di altro da noi, anche il tema della diversità ti è caro.
Sono affascinato dalla diversità, in tutte le sue forme. Ritengo che essa vada il più possibile rispettata e apprezzata, sia dal punto di vista politico, attraverso l’attuazione di un piano ben preciso che miri all’integrazione tra popoli differenti, sia dal punto di vista culturale, cercando nel nostro piccolo di aprire gli occhi e utilizzare colori e lenti diverse da quelle che utilizziamo di solito per guardare il mondo. Ne usciremmo arricchiti di nuove esperienze, come dopo aver visitato terre sconosciute.

Un altro tema che emerge dalle canzoni è quello del viaggio, nella sua accezione fisica e spirituale.
Da viaggiatore penso che bisognerebbe viaggiare soprattutto per la stessa ragione del viaggio, più che limitarsi a raggiungere una meta. Una volta arrivati a destinazione, il traguardo avrebbe un sapore neutro se non avessimo precedentemente percorso con occhi consapevoli il sentiero che ci ha portato a conoscere persone, acquisire abilità, ricevere stimoli e aprire nuovi orizzonti. E’ vero che il viaggio allontana da casa e dalla quotidianità, ma allo stesso tempo chiarisce quesiti che la riguardano. Quando in Boa viagem scrivo “buon viaggio”, mi riferisco a tutto questo.
Anche chi non ha mai varcato i confini del proprio paese natale può rispecchiarsi nelle mie canzoni, poiché ognuno di noi sta percorrendo quotidianamente la propria strada, costellata da più o meno ostacoli. A questo proposito, personalmente, alle sterili lamentele gratuite, preferisco le proposte costruttive, e le soluzioni supportate dalla volontà di mettersi in gioco giorno per giorno. Infatti dai miei studi universitari di design ho imparato che i problemi possono risolversi attraverso la ricerca di punti di vista alternativi, la collaborazione reciproca e l’intenzione di costruire opportunità che vanno al di là della nostra comfort zone, e che mirano al miglioramento. Questo vale sia all’interno del microcosmo aziendale, sia in quello cittadino, che personale.

Non ritieni che questo sia un punto di vista piuttosto ingenuo?
Al contrario, faccio dell’ingenuità la mia arma di difesa contro la complessità del mondo, pur avendo una percezione chiara di ciò che sta accadendo.
Cerco di reagire a esperienze apparentemente fallimentari, o cogliendone gli aspetti positivi o trasformando quelli negativi in terreno fertile per poesie e canzoni, in un esperimento musicale che fa vibrare sia le corde più giocose del bambino che quelle più mature del giovane adulto.
La coesistenza tra disincanto e meraviglia si ritrova anche nelle grafiche che ho creato per accompagnare il futuro disco: si tratta di disegni realizzati a carboncino raffiguranti personaggi stilizzati che si muovono su sfondo arancio e azzurro. Elemento centrale è una mongolfiera, su cui è disegnato un cuore, a rappresentare la natura romantica delle relazioni interpersonali, nonché quella in continuo movimento dell’esistenza stessa.

Suonerete mercoledì 29 marzo al Korova Milk Bar di Ferrara. A tal proposito cosa dobbiamo aspettarci?
Trattandosi di uno degli spettacoli cosiddetti “Impianto zero” organizzati dal Korova, per l’occasione assumeremo un assetto acustico e minimale, con me alla chitarra e alla voce, e Alfredo al mandolino, senza l’utilizzo di amplificazione o effetti elettronici, al fine di offrire al pubblico un’esperienza intima e autentica.

Prossimi progetti?
Passare dall’ essere un gruppo “del mercoledì sera” che si ascolta distrattamente durante l’aperitivo, all’essere un gruppo “del sabato sera”, le cui canzoni possano far ballare e gioire insieme.
In questo senso stiamo lavorando per sviluppare maggiormente la componente elettronica del progetto, nonché quella delle percussioni, per ottenere un risultato di dinamismo, senza soffocare l’alchimia e l’atmosfera create dal dialogo tra chitarra e mandolino. La priorità rimane portare alla luce il primo disco Delef.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013