28 Marzo 2018

Il reporter di guerra Cristiano Tinazzi: “La Siria è un paese ormai senza futuro”

Jonatas Di Sabato

Tempo di lettura: 4 minuti

Il 15 marzo 2011 in Siria partirono le prime proteste di quella che poi è stata chiamata ‘Primavera araba’. Erano le prime avvisaglie: un anno dopo si trasformò in una guerra civile. Conflitto, purtroppo, ancora in atto e che ogni giorno scorre davanti ai nostri occhi con immagini che ci parlano di bombardamenti, civili uccisi, e tanti, troppi attori a contendersi il ruolo principale in questo teatro di distruzione. Proprio per fare un po’ di chiarezza in questo scenario ingarbugliato, ho chiesto a Cristiano Tinazzi, reporter freelance e collaboratore di Rsi radiotelevisione svizzera, Tv2000 e del quotidiano ‘il Messaggero’. Lui in Siria c’è stato più volte e questa breve intervista serve, più che altro, a vedere più da vicino un panorama molto complicato.

Quali sono state le tue esperienze in Siria?
Nel Paese sono stato quattro volte, una precedentemente alla guerra, nel 2006, e tre durante la guerra civile nel 2012. Per quanto riguarda le esperienze del 2012: una volta sono entrato con visto per Damasco, dove ho seguito gli osservatori Onu nelle loro missioni fuori dalla capitale e i soldati governativi, e due volte sono stato ad Aleppo con le formazioni ribelli, anche qui sono stato spesso con gli osservatori Onu che si dirigevano ogni mattina in zone differenti del paese. Sono stato a Homs e Zabadani. Ho visto due attentati con autobomba a Damasco e sono stato oggetto di un attacco, credo ‘roadside bomb’, che ha colpito un mezzo militare dell’esercito dietro di noi sulla strada che portava da Damasco a Zabadani. Quando sono entrato con le formazioni ribelli ad Aleppo ho passato due settimane sotto continui bombardamenti governativi che colpivano indistintamente ospedali, scuole, mercati, edifici. E’ stato un incubo. Un massacro di civili mai visto in altri conflitti.

Come si è evoluta la situazione dall’inizio del conflitto a oggi?
Paragono spesso la questione siriana a un grande scacchiere, dove giocatori multipli muovono i loro pezzi. I pedoni sono i civili, sacrificabili senza grossi danni dai vari giocatori che a turno fanno le loro mosse. La Siria è una vergogna che contraddistinguerà per i decenni a venire questo secolo, il simbolo dell’incapacità delle Nazioni Unite di porre un freno alla violenze e ai crimini di un dittatore. Una violenza governativa che ha portato alla radicalizzazione delle posizioni, alla distruzione della società civile e all’entrata in campo anche di gruppi legati al terrorismo internazionale.

La percezione che si ha è di un grande caos, aumentato da notizie contrastanti, puoi farci chiarezza sulla situazione attuale?
In poche righe è impossibile spiegare in maniera approfondita la situazione sul terreno. I ‘player’ interni (curdi, sunnit, sciiti, etc) si muovono supportati ognuno da supporter esterni (russi, iraniani, Hezbollah, turchi, americani, Emirati, etc). E il caos informativo è dovuto a diversi fattori, uno dei quali è la mancanza di giornalisti sul campo e la presenza, al contrario, di mediattivisti e ‘giornalisti’ militanti politici che riportano notizie distorte. Fortunatamente esistono diverse fonti affidabili, Osint [Open Source INTelligencee] e Humint [HUMan INTelligence], e analisti capaci di leggere e filtrare le informazioni. Questo ovviamente dipende anche dalla capacità del giornalista stesso, che riceve il flusso di informazione, di utilizzare strumenti appropriati e avere conoscenza approfondita delle tematiche.

Si è molto parlato di Afrin e dei Curdi sotto attacco di Erdogan, qual è la reale situazione?
Erdogan, come tutti, gioca le sue carte (prima parlavamo appunto di ‘player’ esterni) in funzione anti-curda per mettere in sicurezza i confini turchi contro gruppi militari alleati del Pkk. Il suo scopo è anche quello di ‘depressurizzare’ la questione rifugiati siriani (oltre tre milioni e mezzo) in Turchia favorendo il loro rientro in Siria nei territori sotto il suo controllo.

Si può parlare di un esodo di 700.000 persone come hanno fatto alcune agenzie oppure va ridimensionato questo numero?
I dati forniti erano completamente sballati. Afrin, nel 2004, anno dell’ultimo censimento disponibile, aveva 36mila abitanti, numero che si è quasi triplicato durante la guerra a causa dell’arrivo di numerosi sfollati interni. L’intero cantone di Afrin, secondo fonti Unhcr [United Nations High Commissioner for Refugees] aveva circa dai 200 ai 300mila abitanti. Le ultime notizie in merito ad Afrin parlano di un ritorno alla normalità e di decine di migliaia di civili che stanno rientrando dopo che l’esercito turco e i gruppi dei ‘Free Syrian Army‘ a lui alleati hanno preso il controllo della città sostanzialmente senza combattimento in area urbana.

Quali sono le differenze tra ciò che è successo ad Afrin e quello che succede nella Ghouta?
La differenza credo sia sotto gli occhi di tutti. La Ghouta è un territorio ad alta densità di popolazione, chiuso da un assedio che dura da più di cinque anni e costantemente sottoposto a bombardamenti aerei. Decine di migliaia di persone sono rimaste ferite o uccise in questi anni e decine di migliaia quelle sfollate. Sia per numero di vittime che per tipologia di conflitto, durata, distruzione del tessuto urbano e armamenti utilizzati i due casi non sono assolutamente paragonabili tra loro.

Come vedi il futuro della Siria?
Quale futuro? Buona parte degli oltre sei milioni di siriani sfollati non rientrerà mai più nel Paese, fino a quando non sparirà il clan degli Assad e i suoi sodali, cosa che, per come sta andando il conflitto, non è una previsione che potrà avverarsi a breve termine.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Jonatas Di Sabato

Giornalista, Anarchico, Essere Umano
Jonatas Di Sabato

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

  • Storie in pellicola /
    Al via il set della nuova serie tv La Lunga Notte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013