Skip to main content

Da Università degli studi di Ferrara

3 maggio 2017 presso GIESSE S.p.A
Via Tubertini G., 1, 40054 Budrio BO

Mercoledì 3 Maggio p.v., dalle ore 16 alle ore 18.30 presso la Giesse SpA a Budrio si terrà il meeting conclusivo del progetto: “IL FENOMENO DELLA RILOCALIZZAZIONE PRODUTTIVA (RE-SHORING) IN EMILIA-ROMAGNA” sviluppato dall’Assessorato alle Attività Produttive in collaborazione con le Università di Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma.
Oggi il tema della rilocalizzazione produttiva (o “Reshoring”) suscita crescente interesse per i policy maker e gli studiosi in quanto è considerato uno strumento di sviluppo economico in grado di innescare un circolo virtuoso di attrattività di imprese all’interno del nostro territorio, con impatti importanti sull’aumento di posti di lavoro e sul rafforzamento del tessuto industriale.
Data l’importanza strategica di questo fenomeno, la Regione Emilia Romagna ha intrapreso una ricerca in rete con gli Atenei di Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma, allo scopo di indagare il fenomeno e di progettare azioni integrate a supporto di tale fenomeno.
E’ significativo che i Quattro Atenei facciano rete con la Regione per mettere a sistema le proprie competenze, coinvolgendo banche, sindacati e scuole superiori per progettare interventi e strumenti in grado di supportare le imprese nelle decisioni di rilocalizzazione produttiva.
“Questo progetto è nato con l’obiettivo di cominciare ad esplorare un fenomeno, il reshoring, potenzialmente molto rilevante in termini di ricadute occupazionali e di contributo alla innovazione e al rafforzamento delle nostre filiere oltre ad essere un segnale di competitività di un territorio.
Un progetto che, tra gli altri, si è caratterizzato con la collaborazione congiunta di Regione e dei 4 atenei del territorio. Un mix di competenze e saperi, uniti, per elaborare proposte concrete sviluppo per il futuro.” dice il Presidente Bonaccini.
L’indagine sullo stato dell’arte di un fenomeno così complesso e dalle diverse sfaccettature ha visto impegnati Professori e Ricercatori esperti di diverse discipline come Ingegneria Gestionale, Economia Industriale, Management e Sociologia.
Il Prof. Barbieri, dell’Università di Bologna, commenta: “L’integrazione delle competenze e la multidisciplinarietà sono la principale risorsa quando si affronta un problema complesso”
Il fenomeno, ancora poco conosciuto, alla luce della ricerca si è rivelato sorprendentemente più significativo di quanto si pensasse.
Il Prof. Prodi, dell’Università di Ferrara, rileva: “Anche altri paesi, come gli Stati Uniti, stanno creando policy per favorire il rientro. È fondamentale che le istituzioni e i soggetti economici lavorino insieme per favorire e permettere il reshoring”.

La portata del fenomeno è dimostrato anche dai dati emersi dalla ricerca condotta da Uni-CLUB MoRe Back-reshoring (un gruppo di ricerca interuniversitario che si occupa di monitorare il fenomeno di reshoring, cui afferiscono anche gli atenei di Bologna e Modena-Reggio Emilia) da cui è emerso che negli ultimi anni l’Emilia Romagna ha registrato 21 decisioni di reshoring, che rappresentano il 17,4% dei casi registrati in tutta Italia, posizionandosi al secondo posto tra le regioni italiane, seconda solo al Veneto.
Commenta l’Assessore Costi: “La Regione Emilia Romagna ha nell’attrattività e nello sviluppo e rilancio delle sue filiere uno degli asset fondamentali delle sue politiche. Il progetto ha portato a risultati innovativi ed interessanti che rappresentano un punto di partenza nell’elaborazione e nello sviluppo di politiche che possano incentivare e facilitare il rientro di investimenti produttivi che si possano tradurre in occupazione, sviluppo e quindi benessere per i cittadini.”
Tra le aziende emiliane che hanno già effettuato una decisione di Reshoring, Argo Tractors, Beghelli, Giesse e Wayel sono state oggetto della ricerca, e grazie alla loro disponibilità nel fornire informazioni e dati, hanno permesso di ripercorrere il processo che li ha condotti a riportare le attività produttive in Italia. La testimonianza di queste aziende sarà utile per dare al territorio indicazioni su come incentivare queste scelte.
“Come non partire dalle aziende che sono state pioniere per capire questo fenomeno?” riferisce il professor Mosconi, dell’Università di Parma, “il nostro territorio nel tempo ha appreso che per sviluppare queste decisioni è fondamentale un approccio corale che supporti l’impresa fin dai primi momenti. In quella fase, decidere tra la nostra Regione e qualche altra parte nel mondo è un attimo”.
Il progetto promosso dalla Regione ha coinvolto, inoltre, diversi stakeholder del territorio nella co-progettazione di tali azioni e policy di territorio con un workshop organizzato nel mese di Novembre. In tale circostanza sono stati organizzati tavoli di concertazione in cui Sindaci del territorio, Dirigenti d’azienda e Presidi, Banche e Sindacati hanno suggerito proposte su cui costruire policy a livello regionale, che possano favorire il processo di rientro degli investimenti produttivi in Emilia Romagna.
“Non ci possiamo più permettere di stare alla finestra e aspettare che gli altri facciano qualcosa” sottolinea il prof. Matteo Vignoli, dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, “se vogliamo affrontare i problemi del nostro territorio dobbiamo imparare a lavorare insieme, per fornire soluzioni concrete in cui tutti gli attori si sentano responsabili nel metterle in pratica”.
Tra le organizzazioni presenti al workshop oltre alle imprese oggetto della ricerca sono state presenti anche aziende del territorio come Ima, Dallara, Bonfiglioli Toyota LTE, Touring Sense, Marini-Fayat e Soitec, istituzioni finanziarie come Unicredit, Unipol e Intesa San Paolo, Comuni della Regione come Reggio Emilia, Fornovo, Città Metropolitana di Bologna, Ostellato, Associazioni e istituzioni come CNA, CGIL, CISL, CRIT, SIPRO ed enti di formazione e ricerca quali ITS Maker, ITIS di Fidenza, IIS Gadda e l’Università degli Studi dell’Aquila.
Nel corso dell’evento conclusivo saranno presentate e discusse anche le indicazioni più significative emerse durante il Workshop di Novembre. L’evento conclusivo che si terrà presso la Giesse SpA (un’azienda emiliana protagonista di diverse operazioni di rilocalizzazione produttiva) prevede un confronto attivo e trasparente sulle priorità strategiche volte a promuovere il rientro di attività produttive e l’attrattività economica del territorio regionale, alla luce di quanto emerso dalla ricerca.

“Siamo orgogliosi di ospitare questo incontro” dice Matteo Fini, Operations Manager di Giesse, “è significativo che la Regione decida di parlare di rientro della produzione nella speranza che l’esperienza sviluppata da alcune aziende del territorio possa essere messa a valore per tutti”.
Dopo l’introduzione ai lavori dell’Assessore Palma Costi, seguiranno gli interventi dei Professori Paolo Barbieri e Giorgio Prodi, rispettivamente dell’Università di Bologna e di Ferrara, che presenteranno il fenomeno del reshoring in Emilia Romagna, e del Professor Matteo Vignoli dell’Università di Modena-Reggio Emilia, che illustrerà delle proposte di azioni a supporto dei processi di reshoring scaturite della ricerca.
Dopo un dibattito sulle proposte da parte di tutti i partecipanti, seguirà una tavola rotonda moderata dal Professor Franco Mosconi dell’Università di Parma, in cui da diversi punti di vista in base all’esperienza specifica di ognuno si confronteranno Silvano Bertini, Responsabile Servizio Ricerca, Innovazione, Energia Ed Economia Sostenibile della Regione Emilia Romagna, il Sindaco di San Lazzaro di Savena Isabella Conti, Andrea Goldstein, Managing Director NOMISMA e Matteo Fini, Operations Manager di Giesse.
Chiuderà i lavori l’intervento del presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini che a partire dalle indicazioni più significative emerse dalla ricerca, traccerà delle potenziali linee di intervento per azioni di supporto all’attrattività del territorio.

tag:

UNIVERSITA’ DI FERRARA


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it