7 Maggio 2015

“Il diritto di scegliere e vivere per i propri valori”. Quel professore che ci ha aiutato a crescere

Andrea Cirelli

Tempo di lettura: 6 minuti

studenti-università

Si sta modificando l’approccio degli studenti all’università. E’ cambiata l’offerta, è cambiata la società, è cambiata la scuola. Molti indirizzi nuovi, classici e scientifici, poche garanzie di lavoro per il futuro. Anzi molti master che promettono grandi specializzazioni, ma che a elevato prezzo sembrano soddisfare più le richieste di mercato che non quelle di lavoro.
Li vedo in aula questi ragazzi: non hanno le idee chiare, non hanno un sogno da inseguire, non hanno progetti. Ascoltano e prendono appunti, sì perché nonostante siano nativi digitali usano i block notes e le penne a molti colori. Sanno tutto di informatica e di telefonini, ma in aula sono tradizionali. Se a loro viene proposto di leggere dei libri cercano i più sottili, meglio se in fotocopia. Leggono per dovere, non per piacere. Considerano il tirocinio un atto dovuto e non un’occasione per imparare. Non sanno cosa scegliere per le loro tesi, non hanno una impostazione logica di analisi e di sintesi; forse però non è colpa loro.

Eppure ho incontrato molti bravi professori che non solo conoscono la materia che insegnano, ma spesso sanno anche trasmettere il valore di ciò che spiegano. I ragazzi frequentano, ascoltano in silenzio, non dibattono; sono timidi? Non credo. Eppure si vede nei loro occhi la voglia di sapere, hanno dentro di sé grandi valori per una vita migliore. Io spero che siano dei portatori sani di miglioramento.

maurizio-rompani
Il professor Maurizio Rompani

Ritengo che il pensiero del professor Maurizio Rompani, scomparso prematuramente poco più di due anni fa, possa rappresentare il migliore spunto di riflessione:

“Canto notturno di uno neolaureato in comunicazione errante d’Italia. 25 marzo 2011 alle ore 14.23.
Ok ragazzi adesso è andata, vi siete laureati. E’ sempre un po’ triste quando si finisce una pagina della propria vita e bisogna voltarne un’altra, tutta ancora da scrivere ma questa è la vera vita, un insieme di pagine da sfogliare e su cui riflettere prima di affrontare le successive. Avete tutti preso dei voti, belli e meno belli, certo il risultato finale è stato diverso per ciascuno di voi ma questo è un anticipo di ciò che vi capiterà nella vita: raccogliere ciò che si è seminato. No, non parlo della meritocrazia: quella è solo una utopia di cui vi parleranno spesso, ma che si rivelerà presto per quella che è: una illusione. Il motivo? Semplice, molti di quelli che ve ne parleranno, soprattutto se ai piani alti, anche se non tutti per fortuna, non devono certo la loro posizione ai propri meriti. Certo vi siete laureati in un corso di laurea inerente la Comunicazione e qualcuna (molto in alto) ha detto che la vostra laurea non vale niente. Non fateci caso, imparate ad essere superiori a certe persone, anche perché ne incontrerete tante nella vostra vita. Una carica gran parte delle volte non è risultato di una cultura ma di una tessera, di esempi ne avete sotto gli occhi quotidianamente.
Comunque la verità è che una laurea vale solo in base al valore di chi l’ha ottenuta: si può non valere niente pur essendo medico, avvocato, ingegnere, commercialista. L’unica vostra colpa (sic!) è quella di aver ottenuto, con i vostri sacrifici e quelli dei vostri genitori, una laurea nuova, senza un retroterra culturale alle spalle. Bene, cominciate a costruirlo voi e automaticamente sarete superiori a chi questo retroterra l’ha solo trovato, sfruttato e, in molti casi, rovinato facendone il giardino di casa sua. Adesso dottori tocca a voi: qualcosa spero abbiate imparato. Cosa? Di vivere e combattere sempre per i vostri valori. Cercate di vincere, piuttosto perdete ma non pareggiate mai. Il pareggio è la culla di quella ipocrisia che permette a tanti mediocri di sentirsi importanti. L’Italia moderna, non quella dei padri fondatori e costituenti, ha sempre considerato il pareggio il risultato più bello e tutti abbiamo sotto gli occhi cosa siamo diventati: la patta dei furbi.
Siate diversi, costruitevi voi la vostra vita, createvi le definizioni che saranno alla base della vostra vita, non fatevele mai costruire da chi usa le definizioni per i propri scopi, vivete i vostri i sentimenti, gli amori, le amicizie, i lavori e anche i dolori ma non perdete mai la vostra dignità e urlate in faccia a tutti il vostro diritto a scegliere. Non fatevi mai costruire dagli altri la vostra vita.
Avete fatto un percorso assieme ai vostri professori, i migliori di questi vi avranno detto, salutandovi, che hanno imparato molto da voi come da ogni studente che hanno incrociato, si augureranno non di avervi insegnato qualcosa ma di avervi fatto capire quanto valete. Insomma vi saranno stati utili, non indispensabili.
Una studentessa, Silvia, ha scritto queste bellissime parole ad un suo docente ‘Una persona che per noi studenti ha dimostrato di ESSERCI, con le sue critiche costruttive, i suoi interrogativi posti per scuoterci e all’occorrenza con i suoi consigli amichevoli; che ci ha dato la possibilità di esprimerci secondo le nostre attitudini, sorvolando le nostre carenze spesso colmate con il dono della sua esperienza, che ha creduto in NOI mostrandoci come la profondità sia in tutte le cose, basta che qualcuno ti prenda per mano e a volte ti insegni a vederla. Grazie per averci fatto scegliere di essere noi stessi’. Certo quel docente in Italia non diventerà mai ministro, ma sicuramente riceve molto di più.
Ragazzi tocca a voi cambiare, non è questione di età. Fatelo assieme a tutti coloro che, giovani e vecchi, credono che il futuro sia uno scenario tutto da costruire e non una proprietà da difendere. Non fatevi irretire da chi vi spinge verso il conflitto generazionale, ricordatevi che tutte le grandi civiltà sono cresciute grazie alla collaborazione fra le generazioni. Solo questa partecipazione è sinonimo di progresso e cultura. La nostra generazione ci ha provato e ha fallito. Non è vero che non ci sia riuscita, ha fallito perché non ha voluto vincere. Si è accontentata del pareggio, affidandosi a coloro che il cambiamento lo volevano solo a parole mentre in realtà cercavano solo il proprio interesse e guadagno. Ha fallito perché ha pensato che il cambiamento fosse più facile ottenerlo stando seduti sul divano della casa di Cortina o Capalbio.
Non fate il nostro errore: qualunque sia il vostro ruolo state in mezzo alla gente e ascoltate i loro problemi, partecipate con loro, vivete con loro e soprattutto vivete i loro problemi, diventate esempio e solo così diventerete dei capi, dei leader. Autorità è il modo di guidare degli incapaci, autorevolezza quello dei grandi.
Adesso incontrerete tante persone che, credendosi intelligenti, useranno solo il pronome io, mai il tu o il noi. Tocca a voi rifiutarli e, se potete e volete, diventare il granello di sabbia nell’ingranaggio dell’apparire e del nulla in cui vogliono farci vivere. Un granello di sabbia è poco, tanti sono una tempesta di sabbia e quella fa male e paura. Auguri, ne avrete bisogno ma per favore cercate di farcela. Fatelo per quelli che come me non sopportano più il mondo che li ha avvolti e da cui non riescono più ad uscire.” [Maurizio Rompani]

Vorrei essere stato io a scrivere questi pensieri, vorrei essere più giovane per potere prendere parte a questo progetto di miglioramento, ma conosco professori più giovani che hanno le competenze e le sensibilità per fare crescere questi ragazzi.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Andrea Cirelli

È ingegnere ed economista ambientale, per dieci anni Autorità vigilanza servizi ambientali della Regione Emilia Romagna, in precedenza direttore di Federambiente, da poco anche dottore in Scienze e tecnologie della comunicazione (Dipartimento di Studi Umanistici di Ferrara).
Andrea Cirelli

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013