12 Marzo 2015

IL CASO
La rivoluzione Ipsia vista dai ragazzi: “Adesso c’è più rispetto e in classe si sta meglio”

Sara Cambioli

Tempo di lettura: 5 minuti

ipsia-terza-parte

Siamo alla terza e ultima parte di una storia molto importante per la nostra città e per il mondo della scuola in particolare: l’Ipsia è coinvolto da qualche tempo in un grande processo di trasformazione che ne sta cambiando la percezione sia all’interno, tra gli studenti, sia all’esterno, a livello di cittadinanza. Quest’anno è stato avviato un progetto sperimentale triennale ad hoc che mira a coinvolgere i ragazzi con strategie e con attività motivanti come la realizzazione di laboratori espressivo-creativi di teatro, musica rap e videomaker, mirato a migliorare il clima scolastico, aumentare l’autostima dei ragazzi e migliorare le relazioni all’interno dell’istituto. Nelle interviste precedenti abbiamo raccolto la testimonianza dei docenti [leggi] e del preside [leggi], ora la voce va agli studenti della classe I MC che frequentano il laboratorio di teatro, ai ragazzi tutor che fanno da supporto e al regista Massimiliano Piva del Teatro Cosquillas [vedi]. In fondo alle testimonianze una galleria fotografica del laboratorio.

I TUTOR PARLANO DELLA LORO ATTIVITA’

ipsia-prima-parte
La referente del progetto Monica Santoro e tre tutor, Federico Paone, Michela Canella e Cristina D’Agostino

Federico Paone (Teatro) – Io sono tutor da tre anni, la mia prof. aveva visto che sono un tipo capace di aggregare e socializzare e mi ha fatto entrare nel ‘mondo dei tutor’. Fare accoglienza significa parlare, fare gruppo, si cerca di integrare tutti, l’importante è che non si creino i gruppetti dei bulli, di quelli che si sentono più forti e che si isolano dagli altri.
Micaela Canella (Rap) – Fare il tutor è una cosa molto bella perché aiuta davvero i ragazzi ad aprirsi, io ho visto la differenza di alcuni ragazzini che lo scorso anno erano in prima e avevano problemi a relazionarsi e ora sono diventati persone diverse, sono dolcissimi, fantastici. Ci troviamo molto bene insieme, sia loro che noi.
Cristina D’Agostino (Teatro) – I ragazzi migliorano tantissimo da un anno all’altro e noi siamo contenti di questo.

ipsia-terza-parte
Massimiliano Piva e i ragazzi del laboratorio

MASSIMILIANO PIVA PARLA DELL’IMPORTANZA DEI TUROR
Loro sono un ponte tra il mondo dei ragazzi, il mondo scolastico e me  operatore esterno. Devo dire che sono veramente fantastici perché si mettono in gioco tantissimo; mi aspettavo di trovare in loro un supporto ma non credevo, devo essere sincero, di trovare così tanta serietà.

I RAGAZZI PARLANO DEL LABORATORIO TEATRALE (QUINTO INCONTRO CON METODO COSQUILLAS)
Marius Birsan – A me piace questo laboratorio perché ci siamo aperti l’uno verso l’altro e abbiamo condiviso delle cose che prima non potevamo condividere. Io adesso sto meglio in classe con i compagni. Poi Maci è molto simpatico, piace a tutti. Youssef Nourredine – A me il laboratorio piace, come a tutti. Andrea Rigobello – Mi piace molto il progetto, soprattutto perché Maci cerca di levare l’imbarazzo tra di noi. Melissa Zovota – Attraverso questo progetto ci siamo conosciuti meglio. Andrei Birsan – Mi piace perché ci siamo avvicinati di più, adesso ci rispettiamo. Mario Di Vaio – Questo laboratorio mi piace molto perché nonostante siamo tutti diversi, cerchiamo di creare un unico corpo. Ringrazio il grandissimo Maci, i miei tutor, i miei amici. [Scroscio di applausi] Sono fantastici, c’è un’energia enorme, ogni mattina mi sveglio perché voglio andare a scuola per incontrarli [Scroscio di applausi]. Sasha MirontseV – Questo lavoro mi piace molto, vorrei continuare anche nei prossimi anni e mi viene anche più voglia di studiare… il laboratorio è un motivo per impegnarmi di più a scuola. [Scroscio di applausi]. Giuseppe Siciliano – Mi piace perché riunisce tutti noi ragazzi, anche se non abbiamo rapporti di amicizia. E poi è un’esperienza nuova che non avevamo mai fatto prima. Francesca Matteucci – Ci siamo uniti molto di più rispetto all’inizio dell’anno. Karolina Cokaj – E’ vero, noi all’inizio nemmeno ci parlavamo e invece adesso siamo una classe molto unita e bella. Masarati Miriam – E’ un progetto interessante, che diverte. E poi sì, adesso ci parliamo e ci guardiamo anche negli occhi. Alessia Capoluongo – E’ divertente e abbiamo scoperto delle cose che prima non sapevamo di noi. Massimiliano mi è subito piaciuto perché fin dal primo giorno ci ha accolti come se già ci conoscesse, come se facessimo già parte di lui. [Scroscio di applausi]. E anche i tutor sono bravi. [Scroscio di applausi]. Giulia Calza – E’ un buon modo per conoscerci un po’ tutti. Sasha Mirontsev – All’inizio tutti noi pensavamo che questo progetto fosse come tutti gli altri, noioso, invece poi abbiamo capito che è una cosa molto bella. E Maci è fantastico. [Scroscio di applausi].

Galleria fotografica – Clicca le immagini per ingrandirle.

ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte
ipsia-terza-parte

Massimiliano Piva chiude la carrellata degli interventi
Sono ragazzi davvero molto bravi. La cosa che io mi sento di promettere loro, se le cose vanno avanti così, è di mostrare alla loro scuola che cosa sono in grado di fare. Loro lo sanno, io me ne sono accorto, ma il mondo scolastico non dà loro l’opportunità di questo riscatto. Il laboratorio teatrale è l’opportunità di dimostrare quanto valgono e di capire che ci si può affezionare ad un altro compagno che prima non veniva nemmeno considerato, nonostante si viva in classe insieme ore e ore al giorno, e che si può conoscere meglio anche se stessi. Loro sanno anche, però, che potranno continuare il laboratorio teatrale con me nei prossimi anni solo se saranno promossi, quindi, se ci tengono, devono studiare.

Le prof. sse Guglielmetti e Santoro raccontano di aver partecipato anche loro al laboratorio Cosquillas destinato ai docenti
Noi abbiamo partecipato al laboratorio per docenti del Teatro Cosquillas alla Città del Ragazzo (da ottobre 2014 a gennaio 2015) nell’ambito del progetto europeo Leonardo Theatre [vedi], ed è stato utilissimo perché con il metodo Cosquillas abbiamo sperimentato un linguaggio al quale noi adulti non siamo più abituati, ossia fatto di spontaneità e di fiducia, abbiamo discusso insieme e ci siamo confrontati sulle varie metodologie e tecniche che sperimentiamo quotidianamente con i nostri ragazzi. Insomma abbiamo fatto anche noi il percorso che i nostri ragazzi stanno facendo ora: ci siamo messe a nudo, prima dubbiose e incerte, e poi ci siamo sentite unite nel gruppo perché abbiamo capito che non eravamo sole, che la nostra è una delle tante realtà e che insieme si possono cambiare le cose. E’ stato così che ci siamo persuase a realizzarlo anche con i nostri ragazzi e vediamo che sta andando benissimo. Il Cosquillas è un metodo molto coinvolgente che funziona con tutti, sia con gli insegnanti che con gli studenti.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sara Cambioli

È tecnico d’editoria. Laureata in Storia contemporanea all’Università di Bologna, dal 2002 al 2010 ha lavorato presso i Servizi educativi del Comune di Ferrara come documentalista e supporto editoriale, ha ideato e implementato siti di varia natura, redige manuali tecnici.
Sara Cambioli

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013