Skip to main content

I bambini non sono tutti uguali

Gli occhi dei bambini sotto le bombe, nel terrore, nella fame, nella violenza sono tutti uguali. Perché in questo marcio mondo in cui la giustizia e la compassione fluttuano a seconda di chi le guarda, è tanto difficile pronunciare la parola uguaglianza? Le lacrime, le grida, la disperazione dei bambini in Ucraina, in Siria, in Palestina, nel Corno d’Africa, in Iran, in Afghanistan, in Kurdistan, sono le stesse.

Non esiste nessuna differenza.

I bambini che sniffano la colla in una favela di Rio de Janeiro, che vivono tra i rifiuti di Mombasa, che si nascondono nelle fogne di Bucarest o nei bordelli di Bangkok sono figli nostri, come si può non vederlo?

Quegli stessi bambini abbracciati ai genitori sui barconi, soli negli infiniti tragitti della speranza dal sud del mondo, ammassati come sardine in puzzolenti stive sature di gasolio, su camion dalle ruote lisce, o sugli aerei e i pullman messi a disposizione dall’Unione Europea, in cosa differiscono tra loro? Sognano una bambola e un pallone, ad ogni latitudine, un pranzo decente e dell’acqua fresca, magari uno smartphone, sì di quelli che si costruiscono col litio che loro stessi estraggono dalle miniere. Giocano in campi polverosi, senza scarpe, sognando Wembley e San Siro.

Perché agli occhi occidentali, dei bravi padri e madri di famiglia, che gridano ai quattro venti i dieci comandamenti, timorati di Dio, difensori dei loro valori, i bambini non sono tutti uguali?

Quali sono le caratteristiche che non piacciono? La religione dei genitori? La provenienza geografica? Il colore della pelle? Il colore dei capelli?

Meglio piangere sul ciglio di una fossa comune o sull’arenile battuto dalla risacca? Sotto quali macerie è più triste morire? Calpestato da quali cingoli di invasione l’infanzia è più triste? Quali postriboli ci indignano di più, quelli in Thailandia, in America Latina oppure in Europa?

Le spose bambine in medio oriente, la violenza tra le mura domestiche italiane, i figli nelle carceri del vecchio mondo, dove l’infanzia è più violata?

Le vostre lacrime di coccodrillo versate copiose in favore di telecamera, non nascondono la falsità delle vostre anime, il non capire che è il sistema mondo che ha generato povertà e disperazione, vi rende complici. Voi governanti che avete la responsabilità di quei bambini, perché sono le vostre scelte ad averli condotti al massacro, la geopolitica, gli opposti imperialismi, la crudeltà del denaro, la forza lavoro mal pagata accatastata sulla benna di una ruspa, nei campi, nelle fabbriche, nelle miniere, in ogni luogo di lavoro che trasforma la sofferenza in oro. In tutti quei luoghi l’infanzia si attesta sul gradino più basso dell’ultimo livello della scala sociale. Cibo per gli squali, carne da macello, bamboline di porcellana per i pedofili, briciole di pane alla mensa del grande capitale. Ecco l’ho detto, ci risiamo, questo nostro bel sistema, queste nostre meravigliose radici, il vincitore assoluto nella storia dell’economia globale è il vero leviatano. Un mostro che da est a ovest genera povertà e sfruttamento, miseria, guerre, ladrocini, furti su scala globale. Poche le differenze tra la sete di denaro degli americani e dei russi, degli europei e dei cinesi: i vincitori indossano la giacca e la cravatta e vanno ai meeting mondiali, gli sconfitti, sempre quelli, galleggiano laceri in un mare di merda.

Certo lo so, la democrazia e la dittatura non sono la stessa cosa, non sono così stupido da negarlo, ma chiedetelo ai bambini di tutte le periferie del mondo, scavate dove la miseria è più nera, mettetevi sulle coste da dove partono i migranti, oltre il muro che divide l’America dal Messico, laggiù in Palestina e lì, abbiate il coraggio di gridare, fermatevi! Lì decantate la supremazia dei valori occidentali, oppure in Africa, madre di tutti gli uomini, dove gli schiavi scavano con le mani nelle miniere di pietre preziose, nei mega giacimenti di petrolio e di gas naturale che i regimi democratici rubano da secoli al continente nero.

Ricordatemelo, dove, ditemi dove i bambini sono diversi, maledetti voi e i vostri se, infami nascosti dietro alla fortuna di essere nati dalla parte giusta del mondo, vergognatevi e pregate per loro.

Io non posso, sono ateo.

tag:

Cristiano Mazzoni

Cristiano Mazzoni è nato in una borgata di Ferrara, nell’autunno caldo del 1969. Ha scritto qualche libro ma non è scrittore, compone parole in colonna ma non è poeta, collabora con alcune testate ma non è giornalista. E’ impiegato metalmeccanico e tifoso della Spal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it