Skip to main content

Elogio dell’edicola

Certamente
si può vivere
senza una edicola in città
Più necessario per la pancia
sono pane, vino, verdure
ogni tanto un bel filetto
sulla tavola
mentre per i vegetariani un insalata mista
e chi vuole una Festa d’Ottobre.
Evviva la pancia,
chi se ne frega la testa!

Ma
andare al mattino presto
ad una edicola vicino
scambiare le prime parole del giorno
con il giornalaio
lui o lei non importa
qualche battuta spiritosa
con un altro cliente
chi compra un giornale
che non mi piace
Evviva la libertà di stampa!
Il primo sfogo sul governo a Roma
e sul sindaco a Ferrara.
Pagare e poi andare sereno
verso il mondo sempre più grigio.

Difendiamo le edicole
finché esistono
temo non a lungo.
Sono farmacie
contro la stupidità della routine quotidiana
e contro la depressione continua sul mondo in degrado.

Certamente si può sopravvivere senza le edicole
Ma l’uomo non vive di solo pane.

In copertina: Edicola di via Maragno, a Ferrara gestita dalla coop. sociale Il Germoglio

Per leggere gli articoli di Carl Wilhelm Macke su Periscopio clicca sul nome dell’autore

tag:

Carl Wilhelm Macke

È nato nel 1950 a Cloppenburg in Bassa Sassonia nel nord-ovest della Germania. Oggi vive a Monaco di Baviera e il piu possibile anche a Ferrara. Lavora come scrittore e giornalista. E’ Segretario generale della rete globale “Giornalisti aiutano Giornalisti (www.journalistenhelfen.org) in zone di guerra e di crisi, e curatore dell’antologia “Bologna e l’Emilia Romagna”, Berlino, 2009. Amante della pianura.

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it