Skip to main content

In memoria dell’Avvocato Paolo Ravenna dieci anni dopo la sua morte

“Assenza, più acuta presenza”; quella famosa sentenza poetica di Attilio Bertolucci vale anche in occasione della memoria di Paolo Ravenna, dieci anni dopo la sua morte. L’avvocato di Via Palestro ci manca, oggi, per orientarci in un mondo che è molto cambiato negli anni della sua assenza.

Cosa avrebbe detto, lui, su un Sindaco Leghista a Ferrara o sul successo enorme di un Partito come ‘Fratelli d’Italia’ (forse fascista, quasi-fascista, un pò fascista ma sicuramente rappresentante di una Destra nell’epoca digitale), in una città come Ferrara per decenni colorata di rosso, quasi rosso, ma decisamente sempre antifascista. 

Per chi ha avuto la sua formazione culturale e politica negli oggi leggendari e molto discussi anni Sessanta, non è poi cosi difficile trovare un modello di cultura in grado di dare un orientamento alla propria vita e di maturare la visione di una città colta, vivace, civile.

Ci sono, per dare solo qualche esempio, nel mondo culturale, sia dell’Italia che della Germania, uomini come Benedetto Croce, Thomas Mann, i fratelli Scholl, Piero Gobetti, Bertoldt Brecht, Rita Levi Montalcini o Norberto Bobbio.

Ma, ricordando Paolo Ravenna, si può nominare come un modello anche Fritz Bauer, in Italia quasi sconosciuto, un giurista ebreo molto importante per la cultura democratica della Germania del dopo guerra. Odiava come l’avvocato Ravenna l’antifascismo retorico e preferiva un lavoro concreto e sobrio contro i responsabili della Shoa, per difendere lo Stato democratico fondato sui valori antifascisti.

Ma non sono certo che questi orientamenti, questi fari intellettuali abbiano ancora qualche peso culturale per i discendenti del passato. Speriamo di si, ma per essere realistici, bisogna ammettere che il mondo di quei grandi vecchi non trova più un eco clamorosa fra i viventi attuali.  Il loro mondo non c’e più. 

“Basta la lamentazione del passato!” avrebbe detto l’Avvocato secco e sobrio a modo suo.
Viviamo oggi  e dobbiamo fare oggi le nostre battaglie per un mondo più giusto e per una città più umana e vivibile per tutti. Come architetto, artista, avvocato o giornalista, per parlare della mia categoria, si deve continuare con il lavoro di ogni giorno, ma in un modo ‘kantiano’, come ci hanno insegnato sia Fritz Bauer sia Paolo Ravenna.

Ci si deve aspettare dagli altri (professori, artisti, giornalisti ecc.) un lavoro serio, competente, pieno di coscienza ed anche di fantasia e curiosità; reciprocamente siamo anche noi responsabili per il nostro lavoro, per la nostra vita come cittadini d’Europa: un’appartenenza questa che era per l’Avvocato un titolo d’onore e non di vergogna, come urlano oggi sempre di più i bulli del populismo più sciocco. 

Resistere, resistere, resistere” come slogan contro il degrado della vita pubblica e della responsabilità per la “res pubblica”: ecco la spinta per “fare una battaglia civile”, sopratutto per salvare la famosa mura di Ferrara.
Purtroppo, finora, uno dei grandi sogni dell’Avvocato giace dimenticato nella città di Giorgio Bassani, maestro ed amico di Paolo Ravenna: si tratta del monumento di Karavan in memoria del ‘Giardino dei Finzi Contini’, il romanzo che ha portato il nome della città di Micol in tutto il mondo. 

Paolo Ravenna ha avuto sempre in mente la biografia molto contraddittoria del suo padre Renzo, rappresentante di una vecchia famiglia ebrea e contemporaneamente e per tanti anni amico stretto di Italo Balbo. Non voleva rompere il rapporto personale con suo padre ma, sapendo della grande colpa dei fascisti, voleva decisamente rompere con la cultura fascista ferrarese dopo la guerra.

Mai come oggi abbiamo bisogno di una “Vita attiva” (Hannah Arendt), di una creatività umana, di un senso profondo per l’urgenza di un nuovo ‘Impulso civile’. Oggi non si può parlare o scrivere solo sulla cultura dentro le mura di Ferrara nemmeno d’Europa.

Dobbiamo aprire le finestre delle nostre case per ravvivare l’aria, talvolta soffocante e piena di polvere culturale, ma anche piena di una storia civile, umana e di grandi valori per i quali si deve lavorare e confrontarsi con quelli passatisti conservativi dei fratelli populisti d’oggi. Non dobbiamo solo difendere il nostro gran tesoro di cultura, d’arte, di valori democratici, dobbiamo anche aprire le nostre finestre per nuovi orizzonti culturali.  

In questi giorni di cash & carry e dell‘elogio della irresponsabilità come virtù ci mancano uomini che rappresentano altri valori di vita. Ci servono, come ha scritto una volta lo scrittore triestino Claudio Magris, “valori freddi, i quali stabiliscono condizioni di partenza uguali per tutti, che permettono a ognuno di coltivare valori caldi, di inseguire la propria passione.  

Anche oggi la città di Ferrara ha un grande bisogno dei cittadini che difendono con “valori freddi”, ma con una “passione calda” l’identità urbana di una città come Ferrara. 

Ecco perché, oggi, l’assenza di un uomo civile come Paolo Ravenna è la più acuta presenza.

tag:

Carl Wilhelm Macke

È nato nel 1950 a Cloppenburg in Bassa Sassonia nel nord-ovest della Germania. Oggi vive a Monaco di Baviera e il piu possibile anche a Ferrara. Lavora come scrittore e giornalista. E’ Segretario generale della rete globale “Giornalisti aiutano Giornalisti (www.journalistenhelfen.org) in zone di guerra e di crisi, e curatore dell’antologia “Bologna e l’Emilia Romagna”, Berlino, 2009. Amante della pianura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it