6 Ottobre 2017

Con il Festival Bonsai semi di teatro nel Quartiere Giardino

Federica Pezzoli

Tempo di lettura: 4 minuti

“Fin da quando siamo nati come Associazione, le mura e le quinte del teatro ci sono state un po’ strette, ma abbiamo piuttosto cercato di creare un flusso di persone che entrano ed escono dal teatro, interrogandoci anche su come si crea nuovo pubblico”, sottolinea Giulio Costa di Ferrara Off. Ed ecco allora sabato 7 e domenica 8 ottobre 2017, per le strade del Quartiere Giardino di Ferrara il Festival di microteatro Bonsai: un esperimento di teatro diffuso, un tentativo di fruizione non convenzionale per spazi, pubblico e durata.
Organizzato dall’associazione culturale Ferrara Off e Progetto Píndoles di Barcellona, patrocinato dal Comune di Ferrara e sostenuto dalla Regione Emilia Romagna, il Festival è parte del progetto ‘Giardino Creativo’ finanziato da Anci, che sostiene la creatività giovanile a favore della riqualificazione sociale, economica e culturale di questa zona della città.
Ne abbiamo parlato con Giulio Costa, responsabile produzione e distribuzione di Ferrara Off.

Come è nata la collaborazione con Progetto Píndoles e l’idea di portare il microteatro a Ferrara?
Abbiamo conosciuto Progetto Píndoles di Barcellona due o tre anni fa perché una dei suoi fondatori, Giulia Poltronieri, è ferrarese di origine. Ci ha sempre raccontato che il microteatro, nato in Argentina e diffuso in tutto il Sud America, genera molto interesse anche a Barcellona e in generale in Spagna.
Ci interessava portarlo a Ferrara perché il microteatro è nato dalla necessità di ridurre i costi, riducendo appunto durata, il numero di attori e il pubblico di una pièce, ma questo ha permesso di mantenere in un certo senso più vitale il linguaggio teatrale. Il nostro spazio in viale Alfonso però non ci convinceva del tutto e così abbiamo approfittato dell’occasione del progetto ‘Giardino creativo’ per portare il teatro in una zona della città che il teatro non ce l’ha. Non volevamo limitarci a prendere un format spagnolo portandolo qui da noi, ma adattarlo agli spazi del Quartiere Giardino.

Da dove deriva il titolo ‘Bonsai’?
Lo abbiamo scelto perché come i bonsai sono alberi sottoposti a un ridimensionamento che non ne altera la natura, così gli spettacoli di microteatro mantengono tutte le caratteristiche e la coerenza interna di un normale spettacolo, condensate però in quindici minuti e pensate per un numero ridotto di spettatori.

Perché fare teatro fuori dal teatro e perché farlo in forma ridotta?
Ci interessa andare verso gli spettatori, farli entrare ancora di più in contatto con le performance e gli attori. La durata ridotta a 15 minuti è uno strumento per far avvicinare chi non va a teatro, chi non conosce il teatro, per facilitare la fruizione.
Questo Festival è in tutto e per tutto un esperimento: perché è alla sua prima edizione, per gli spazi dove si svolgerà, per le modalità con la quale gli spettacoli andranno scena, in diverse repliche durante tutto il pomeriggio.

Come avete selezionato gli spettacoli di sabato e domenica pomeriggio?
In realtà sabato è una sorta di anteprima, con tre spettacoli peculiari per diversi motivi.
‘Lettere anonime per un camminatore’ è una creazione site-specific e anche se non rientra appieno nei canoni del microteatro non abbiamo voluto rinunciarvi perché ci è sembrato rispecchiasse bene l’obiettivo di riprendere a guardare il Quartiere Giardino con un altro sguardo. ‘Giro solo esterni con aneddoti’ è una nostra produzione che abbiamo ripreso e in questo modo mettiamo in scena cosa è per noi il microteatro. Con la ‘Venere nera’ de Il baule volante, invece, abbiamo voluto coinvolgere in questo esperimento un’altra compagnia cittadina.
I sei spettacoli selezionati dal bando nazionale che avevamo pubblicato andranno ‘in scena’ domenica pomeriggio. Sono arrivate più di 120 candidature, alcune anche dall’estero, Ferrara Off e Progetto Píndoles hanno fatto una prima scrematura e poi abbiamo chiesto a una giuria mista di esperti e nuove generazioni – composta dalla drammaturga Margherita Mauro, dal direttore artistico della Fondazione Teatro Comunale Claudio Abbado, Marino Pedroni, e dal direttivo della neonata webradio Giardino – di selezionare sei lavori anche tenendo conto della diversificazione dei linguaggi che volevamo fosse una caratteristica di questa rassegna. Per questo ci sono danza, videoteatro, teatro di narrazione, una performance sonora e un monologo: è un festival multidisciplinare.

Pensate già a una seconda edizione?
Sì, per questa prima edizione abbiamo cercato di non strafare, proprio per la natura sperimentale della rassegna. Stiamo però pensando a come poter aumentare gli spettacoli, ampliare il numero dei luoghi dove svolgerli e poi vorremmo che ci fossero anche inediti.

A fine ottobre come Ferrara Off avete in programma poi un altro appuntamento, di nuovo fuori dal teatro…
Sì, si tratta di ‘Monumenti aperti’: un progetto che punta sulla formazione delle nuove generazioni alla conoscenza e alla trasmissione del nostro patrimonio artistico e culturale cittadino. Stiamo svolgendo percorsi negli istituti di primo e secondo grado perché i bimbi diventino guide per gli adulti e li accompagnino a visitare monumenti già aperti al pubblico, ma anche alcuni di quelli solitamente non visitabili. È un’iniziativa nata in Sardegna oltre vent’anni fa con ‘Imago Mundi’: quei bimbi ormai sono cresciuti. Si svolgerà il 28 e 29 ottobre ed essendo in concomitanza con l’esposizione su Bononi a Palazzo Diamanti non poteva essere che sul Seicento e sul Barocco, solitamente poco frequentati dai ferraresi. Fra i monumenti chiusi, saranno visistabili San Carlo e San Giuliano, e poi Santa Maria in Vado, Palazzo Bonaccossi e tanti altri.

Tutte le info sul Festival Bonsai e la mappa del teatro diffuso sul sito www.bonsai.it


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Federica Pezzoli

Federica Pezzoli

Ti potrebbe interessare:

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013