18 Marzo 2016

Con “I am beautiful” la bellezza della danza riesce a far ballare la pietra

Federica Pezzoli

Tempo di lettura: 5 minuti

zappalà danza copertina

Occorre avere un corpo per trovare un’anima (Ian Twardowski)

Un manifesto sulla bellezza della danza e del corpo che danza “a partire dalla cosa più immobile che esista, il marmo”. È “I am beautiful”, la nuova creazione del coreografo Roberto Zappalà e della sua compagnia Zappalà Danza, che debutterà in prima nazionale questa sera al Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara. Ispirato a “Je suis belle” dello scultore Auguste Rodin, a sua volta è ispirata al primo verso di una poesia di Baudelaire “La Beauté”: “Je suis belle, ô mortels! comme un rêve de pierre”. Con la compagnia Zappalà Danza il sogno di pietra non è più immobile, si trasfigura nel movimento e la danza prende la parola in prima persona, afferma se stessa, la propria autonomia. “I am beautiful” è il quarto step del progetto Transiti Humanitatis, nel quale il coreografo siciliano studia il corpo che diventa così la mappa per decrittare la società perché è attraverso la corporeità che l’uomo si rivela e rivela il suo posto nella società. I gesti e il corpo, la loro storia, la loro trasformazione nel tempo e nello spazio, o al contrario la loro permanenza immutabile, l’intenzione è provare con la danza a raccontare la corporeità e l’identità umana, e cosi la sua bellezza. L’umanità che Zappalà vuole mettere in scena è al contempo quella di ogni giorno e quella universale, parlando “di tutte le difficoltà dell’umanità”. Lo abbiamo intervistato alla vigilia della prima nazionale di Ferrara.

zappalà danza

Partiamo dal titolo: “I am beautiful”…
Sì, precisiamo subito: non sono io che lo dico a me stesso – scherza Zappalà – è una suggestione che ho avuto durante una tournée della compagnia visitando la villa dello scultore Auguste Rodin, dove sono custodite alcune sue opere: ho rivisto questo capolavoro, “Je suis belle”, piccolo di dimensioni, ma meraviglioso. La cosa che mi ha affascinato è stato ideare un lavoro sulla danza a partire dalla cosa più immobile che esista: la pietra. E poi c’è il titolo stesso che lascia aperte molte porte. In questo lavoro c’è molta scultura in generale: c’è Gormley, uno scultore contemporaneo che ha ispirato alcune immagini, mentre altri quadri sono ispirati a Giacometti.

Come lei e la sua compagnia avete animato questo sogno di pietra con il movimento?
Questa è una delle cose più affascinanti, ma bisogna dire che Rodin è uno degli scultori più ‘in movimento’, le sue opere hanno già una propria plasticità.

Al centro della creazione ci sono il corpo e la danza…
Sì la mia intenzione era di fare un lavoro che, all’interno del progetto Transiti Humanitatis, parlasse della bellezza dei corpi e della vita, del piacere nel senso della possibilità di poter piacere agli altri in quanto forma scultorea in movimento, quale è il corpo.
Dopo tanto lavoro drammaturgico e attenzione al sociale, ho voluto concentrarmi sulla danza, dedicare un momento della mia riflessione coreografica alla danza nella sua purezza, farla emergere sopra ogni altra cosa, e il risultato è che la danza dice ad alta voce: “Io sono bella così come sono, non ho bisogno di orpelli”. E a eseguire la danza è un corpo, quindi anche questo doveva essere protagonista, anche lui può e deve dire “I am beautiful”.

Lei parla di quattro direttrici principali per la sua scrittura coreografica: rigore, incertezza, visceralità, semplicità, può spiegarci meglio?
Queste parole, scelte da colui che potremmo chiamare il mio alter ego drammaturgico, Nello Calabrò, sono le parole chiave del mio linguaggio coreografico che abbiamo chiamato modem, movimento democratico, perché la costruzione dello spettacolo avviene in modo democratico, coinvolgendo tutti gli interpreti. Queste parole accompagnano tutte le coreografie e in tutto l’ambito creativo della compagnia c’è l’idea dell’istinto, dell’ancestralità, della visceralità. La nostra danza proviene dalle viscere della terra e si esprime nel corpo: attraverso i piedi la visceralità della terra arriva alla carne, alle ossa e determina la qualità del movimento, la sua forza, a tratti anche violenta.

La coreografia si svolge su musiche originali eseguite dal vivo dai Lautari, anche loro catanesi come voi…
Sì il 90% dei miei lavori si servono di musiche dal vivo perché, anche in questo caso, si crea un legame viscerale. In realtà, non c’è una separazione rigida o una gerarchia fra danza e musica: quest’ultima è una colonna sonora per le mie coreografie e proprio come una colonna è un supporto fondamentale. Uno spettacolo è bello anche perché è stata scelta, o ideata, quella particolare musica: è bello, è unico nella sua interezza. I Lautari sono un gruppo popolare folk-rock, molto famosi nella nostra Sicilia. Per “I am beautiful” hanno ideato musiche molto accattivanti e trascinanti, musicalmente parlando sono molto innamorato di questo lavoro.

“I am beautiful” è il quarto stadio del progetto Transiti Humanitatis – i precedenti sono stati “Invenzioni a tre voci”, “Oratorio per Eva” e la “Nona”, ndr – è l’episodio finale o la sua ricerca coreografica andrà avanti?
All’inizio avevamo pensato che sarebbe finita qui, invece poi con Nello Calabrò abbiamo pensato che non è possibile perchè parlando dell’umanità è impossibile non avere più nulla da dire. Abbiamo in cantiere già altri due progetti: uno più piccolo, più intimo, più di ricerca, che probabilmente verrà fatto già nel 2017, è una sorta di proseguimento del discorso sulla bellezza del corpo; l’altro più ampio, di largo respiro, una vera e propria opera-balletto, che potrebbe prendere esso stesso il nome di “Transiti Humanitatis”.

zappalà danza
Roberto Zappalà

L’ultima domanda riguarda il pubblico delle sue creazioni, qual è il tipo di pubblico a cui si rivolge?
Non ho un pubblico che preferisco a un altro, certo ci piace dedicare molto spazio agli amatori, anche facendo lezioni e dimostrazioni, mettendo in pratica con loro la conoscenza del proprio corpo e il nostro linguaggio, che anche per questo è movimento democratico. In un certo senso vorrei quindi che il mio pubblico fosse un pubblico ‘normale’, non per forza esperto di danza, ma interessato all’arte in senso ampio. Quando qualcuno mi dice “non vengo perché non capisco niente di danza”, io gli chiedo se vanno in museo e poi domando “quando sei davanti a un’opera, per esempio di Rodin, ti chiedi cosa vuol dire o godi di quell’immagine?”. Quasi tutti pensano di dover capire, ma se si ascolta una sinfonia, l’importante non è tanto capire come l’autore l’ha costruita, ma si ascolta e si gode della bellezza di quella musica. Il nodo è la bellezza che deve arrivare al cuore e al sistema nervoso, che ha lo scopo di rendere lo spirito più organico al corpo, non di dare una spiegazione a tutto. Insomma vorrei che il mio pubblico fosse il più vasto possibile e non venisse a vedere lo spettacolo per cercare di capire a tutti i costi, ma perché ha bisogno di provare qualcosa, possibilmente piacere.

Foto Compagnia Zappalà Danza. © Serena Nicoletti



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Federica Pezzoli

Federica Pezzoli

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013