Skip to main content

da ufficio stampa Comune di Ferrara

La newsletter del 21 aprile 2017

CRONACACOMUNE

SPORT E BENEFICENZA – Sabato 20 maggio dalle 10 alle 12 al Palapalestre Caneparo a cura di Csr Ju Jitsu Italia

Uno stage di arti marziali con i maestri italiani, polacchi e spagnoli in favore di Ado Ferrara

21-04-2017

Sabato 20 maggio 2017 dalle 10 alle 12, nella sede del palapalestre “John Caneparo” di via Tumiati 5 (angolo Porta Catena), l’Asd Csr Ju Jitsu Italia organizza uno stage internazionale di beneficenza in favore dell’ADO Onlus.
La quota di partecipazione è ad offerta libera e verrà consegnata direttamente dai partecipanti al banchetto dell’ADO Onlus che sarà presente all’entrata del palapalestre.
Lo stage sarà a cura del soke Piero Rovigatti e del M° Davide Conti dall’Italia, insieme al soke Miroslaw Kuswik dalla Polonia e ai maestri Alberto Blanco Dieguez e Vicente Alarcon Recas dalla Spagna
L’appuntamento è patrocinato dal Comune di Ferrara, dal Coni Comitato Regionale Emilia Romagna, dall’Anaoai Sezione di Ferrara, dal Panathlon club di Ferrara, dall’ADO Onlus e dalla UISP Comitato provinciale di Ferrara.

Lo stage è aperto a tutti senza distinzione di stili, federazioni e associazioni.
(Per info: M° D.Conti cell. 347.8933688)

 

 

VIABILITA’ – Martedì 25 aprile dalle 10 alle 13 sospensione della circolazione

Provvedimenti di viabilità in occasione di raduno e cavalcata per le vie cittadine a cura di S.D. Natura a Cavallo

21-04-2017

In occasione del raduno nazionale dell’associazione S.D. Natura a Cavallo di circa 200 cavalli e della cavalcata su un percorso cittadino, considerata l’affluenza di pubblico martedì 25 aprile dalle 10 alle 13 e comunque fino al termine dell’iniziativa,  per ragioni di sicurezza stradale e pubblica saranno adottati provvedimenti di viabilità.

>> In particolare sarà sospesa la circolazione a tutti i veicoli sul percorso della cavalcata: (partenza) Ippodromo, via ippodromo, via Bologna, entrata nel sottomura fino a Via Azzo Novello, immissione nel Fornice di Azzo Novello, Viale Orlando Furioso, corso Ercole I d’Este, attraversamento L.go Castello, piazza Castello, (sosta per saluto alle autorità), piazza Savonarola, corso Martiri della Libertà, corso Porta Reno, via Kennedy, via Bologna, via Ippodromo con arrivo all’Ippodromo Comunale.

Ammessi al transito, compatibilmente con le esigenze della circolazione, i veicoli dei residenti e dei fornitori delle attività artigianali e commerciali della zona.

CONFERENZA STAMPA – Mercoledì 26 aprile alle 11.30 nella sala Zanotti della residenza municipale

Presentazione della “Fiera del riuso e del riciclo”

21-04-2017

Mercoledì 26 aprile 2017 alle 11.30 nella sala Zanotti della residenza municipale si terrà la conferenza stampa di presentazione della Fiera del riuso e del riciclo, in programma da domenica 30 aprile con cadenza mensile nei giardini del Grattacielo.

All’incontro con i giornalisti intereverranno l’assessore al Commercio Roberto Serra e il direttore responsabile de “Il Fe” Giambaldo Perugini.

BIBLIOTECA ARIOSTEA – ‘Letture furiose’ mercoledì 26 aprile alle 17 nella sala Agnelli

Viaggio ‘slow’ nell’immaginario di Ariosto

21-04-2017

E’ in programma per mercoledì 26 aprile alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara) il nuovo appuntamento con il ciclo di ‘Letture furiose’ a cura di Ruben Garbellini e Cinzia Vaccari. Prosegue infatti la serie di incontri, in programma fino a giugno, con le letture all’insegna dello ‘slow reading’ tratte dall”Orlando furioso’, tra innamoramenti e disincanti, duelli e magie. Gli incontri saranno introdotti e coordinati da Francesca Mariotti, presidente dell’Associazione culturale Olimpia Morata, promotrice della rassegna di slow reading. Il ciclo ha il patrocinio del Comitato Nazionale V Centenario dell’Orlando furioso – Mibact.

ASSESSORATO ALLA SANITA’ – La pubblicazione sarà spedita in 50mila copie alle famiglie della città

Pronto alla diffusione “Ferrara Obiettivo sanità 2017” vademecum con informazioni sulla sanità ferrarese

21-04-2017

Si è svolta in mattinata (venerdì 21 aprile) nella residenza municipale la presentazione dell’opuscolo “Ferrara Obiettivo sanità 2017” vademecum sulla sanità ferrarese realizzato dalla casa editrice ferrarese EDISAI S.r.l. in collaborazione con l’assessorato alla Sanità e Servizi alla Persona del Comune di Ferrara, l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara e il Servizio Sanitario Regionale e con il contributo di diversi sponsor. La pubblicazione, che sarà spedita con Poste Italiane in 50mila copie alle famiglie della città, riporta le informazioni base del rapporto cittadino Sanità: dalle modalità per le prenotazioni di esami e visite all’uso dei servizi sanitari di emergenza, dall’accesso al pronto soccorso alla prevenzione attraverso le vaccinazioni e così via.

All’incontro con i giornalisti erano presenti l’assessora comunale alla Sanità/Servizi alla persona Chiara Sapigni, la portavoce del sindaco di Ferrara Anna Rosa Fava, Paolo Saini della casa editrice Edisai, la dirigente del distretto Centro nord AUSL Ferrara Chiara Benvenuti, Sara Castellari dell’URP dell’Ausl Ferrara e Agostina Aimola dell’Azienda Ospedaliero Universitaria. Alla presentazione dell’opuscolo in Municipio hanno partecipato anche diversi sponsor, sostenitori del progetto.

(Comunicazione a cura della casa editrice Edisai srl)

PRESTO IN DISTRIBUZIONE ALLE FAMIGLIE DEL COMUNE  “FERRARA OBIETTIVO SANITÁ, 2017” – VADEMECUM SULLA SANITÁ FERRARESE

Con spedizione di 50.000 copie alle famiglie della città l’opuscolo riporta le informazioni base del rapporto cittadino Sanità, dalle modalità per le prenotazioni di esami e visite, all’uso dei servizi sanitari di emergenza, dall’accesso al pronto soccorso alla prevenzione attraverso le vaccinazioni e i programmi di screening oncologici.

La casa editrice ferrarese EDISAI in stretta collaborazione con l’Assessorato alla Sanità e Servizi alla Persona del Comune di Ferrara, l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara e il Servizio Sanitario Regionale, ha creato uno strumento informativo di base sul mondo della sanità ferrarese. Il vademecum intitolato: “Ferrara-Obiettivo Sanità 2017” illustra al comune cittadino tutte le modalità per prenotare (o disdire) gli esami o le visite o altre prestazioni sanitarie, per come usare correttamente i servizi sanitari di emergenza e urgenza e quando, come e dove accedere al pronto soccorso, come muoversi all’ospedale di Cona e alla Casa della Salute Cittadella di San Rocco. Infine spiega cos’è e come opera il servizio di prevenzione svolto sul territorio ferrarese, sia per quanto concerne le vaccinazioni in età pediatrica che per quanto concerne i programmi di screening oncologici. L’opuscolo verrà veicolato a ogni famiglia della città direttamente in buchetta attraverso il servizio postale nazionale tra la fine di Aprile e i primi di Maggio prossimi. L’intento è quello di offrire al cittadino informazioni di base sulla sanità ferrarese chiare e utili, un vademecum da non buttare dopo l’uso, ma anzi da conservare per poterlo consultare all’occorrenza. L’auspicio dell’editore inoltre è quello di dare continuità a questa fattiva collaborazione tra Comune, Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara e il Servizio Sanitario Regionale nell’ottica di un progetto di informazione annuale al cittadino sui temi della sanità.

Edisai, casa editrice di Ferrara dal 1997, si caratterizza per un’offerta a tutto tondo per la realizzazione di progetti editoriali soprattutto nel campo dell’arte, dell’architettura, della saggistica. Si è distinta sul mercato per la consolidata esperienza nella riproduzione delle immagini, peculiarità che le ha valso la collaborazione con importanti musei e gallerie italiani e stranieri. Particolare rilevanza ha la produzione di proprie iniziative editoriali nell’ambito del turismo e della promozione delle Città d’arte. In questo settore pubblica annualmente e distribuisce la guida “Benvenuti a Ferrara/Welcome to Ferrara” (presente dal 2010 nelle camere delle strutture ricettive cittadine) e la City Map, strumenti progettati per agevolare e rendere più funzionale e organizzata la visita della città. EDI SAI e Copertina di Ferrara Obiettivo Sanità 2017 COMUNICATO STAMPA Ferrara, 21 aprile 2017 EDISAI S.r.l. – Via C. Goretti, 88 – 44123 Ferrara – Tel. 0532.765646 – info@edisai.it – www.edisai.it

L’editore ringrazia per l’adesione all’iniziativa: UNICREDIT BANCA AESTHE MEDICA – POLIAMBULATORIO MEDICO CHIRURGICO ALLIANZ AGENZIA DI FERRARA DEL DR.MICHELE DE CARLI ARTE ORTOPEDICA DI BUDRIO ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO GIULIA ONLUS AVIS – ASSOCIAZIONE VOLONTARI SANGUE CENTRO MEDICO POLISPECIALISTICO VENERE COOPERATIVA INFERMIERI FERRARA COOP SERENA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ED EDUCATIVI DOTT.SAVERIO MASCELLANI, ODONTOIATRA E PROTESISTA DENTALE ESERCIZIO VITA – CENTRO ATTIVITÁ MOTORIA ADATTATA IDROKINETIK – CENTRO DI RIABILITAZIONE E IDROCHINESITERAPIA OSPEDALE PRIVATO SALUS OTTICA LA LENTE PROF.PIERO ROSATI, CHIRURGO ESTETICO QUISISANA OSPEDALE PRIVATO ACCREDITATO

CONFERENZA STAMPA – Giovedì 27 aprile alle 11.30 nella sala dell’Arengo della residenza municipale

Presentazione del 45° Giro podistico delle Mura

21-04-2017

Giovedì 27 aprile 2017 alle 11.30 nella sala dell’Arengo della residenza municipale si terrà la presentazione del 45° Giro podistico delle Mura, in programma per lunedì 1 maggio.

All’incontro con i giornalisti interverranno l’assessore comunale allo Sport Simone Merli, il presidente della associazione sportiva dilettantistica Doro Luciano Mazzanti, il responsabile dell’unità organizzativa Sport e Tempo libero del Comune Fausto Molinari, Giovanni Grazzi del Centro Studi Biomedici applicati allo sport, il responsabile zona soci Ferrara di Alleanza Coop 3.0 Andrea Vicentini.

CELEBRAZIONI LIBERAZIONE – Le molte iniziative in calendario a Ferrara da sabato 22 a mercoledì 26 aprile promosse dal ‘Comitato 25 aprile’

Sfilata di veicoli storici, cerimonie commemorative, eventi culturali e mostre per celebrare il 72° anniversario della Liberazione

21-04-2017

Entrerà nel vivo dei prossimi giorni il calendario degli appuntamenti proposti dal Comitato ferrarese per le Celebrazioni (*) per ricordare il 72° anniversario della Liberazione (vedi calendario completo allegato a fondo pagina).

>> Si comincerà sabato 22 aprile (e martedì 25 aprile) a Porotto, dove si terranno le iniziative per commemorare il 72° Anniversario degli Eccidi di Porotto (vedi dettagli su Cronacacomune).

>> Lunedì 24 aprile giungerà a Ferrara da Cento la “Colonna della libertà”, sfilata in città con veicoli storici militari, corazzati e figuranti in uniforme delle truppe anglo – americane che hanno partecipato alla Liberazione.

>> Martedì 25 aprile, dopo i consueti momenti istituzionali della mattinata in piazza Cattedrale e in piazza Municipale alla presenza delle autorità civili e militari, saranno realizzate iniziative di carattere culturale e azioni teatrali.

>> Mercoledì 26 aprile alla sala mostre del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara, in collaborazione con l’ANPI provinciale, prenderà il via la la mostra “Garibaldini del Novecento. Gli antifascisti ferraresi e la guerra di Spagna”.

Altre iniziative culturali proposti dal Comitato ferrarese per le Celebrazioni* per ricordare il 72° anniversario della Liberazione sono poi previste fino al prossimo 2 maggio.

(*) – Il Comitato per le Celebrazioni è composto, oltre che da Comune, Provincia e Prefettura di Ferrara, anche da Anpi, Associazione Partigiani cristiani, associazioni combattentistiche e patriottiche, associazioni culturali e no profit, autorità religiose, Comunità Ebraica, Istituto di Storia contemporanea, istituzioni scolastiche, movimenti femminili, Museo civico del Risorgimento e della Resistenza, rappresentanze delle Forze dell’ordine e militari e Ufficio scolastico provinciale.

 

LE SCHEDE DETTAGLIATE E GLI INTERVENTI sui prossimi appuntamenti.

>> Lunedì 24 aprile

La “Colonna della Libertà” attraversa a Ferrara – Oltre cento corazzati militari risaliranno inparata le vie del centro sino al Castello

 

La “Colonna della Libertà” è un evento rievocativo che dal 2008 commemora il momento della Liberazione ogni anno in un luogo diverso. Lunedì 24 aprile, dalle 11 alle 17, più di cento veicoli storici militari con relativi equipaggi in uniforme, molti dei quali dall’estero, attraverseranno le strade di Ferrara fino ad arrivare in piazza. Entrando da via Porta Romana, mezzi corazzati con a bordo figuranti vestiti da truppe anglo-americane sfileranno di fronte al Duomo, al Palazzo Ducale e al Castello Estense per uscire poi da viale Cavour. Il convoglio che è un vero è proprio museo itinerante, che offre al pubblico un suggestivo quanto inconsueto spunto di riflessione sui sacrifici che portarono il Paese alla libertà e sul suo significato.

«È la speranza a muovere e guidare questa imponente rievocazione storica – afferma il vicesindaco Massimo Maisto – Sono convinto che una colonna di mezzi militari, a riposo, possa simboleggiare quello che il nostro Paese ha sopportato e superato. Una pace pagata cara, dopo il ventennio fascista e mezzo secolo di guerre che hanno coinvolto i cittadini di tutto il mondo e di tutte le estrazioni sociali. La “Colonna della Libertà” testimonia anche quello che non dovrebbe più essere prodotto a livello industriale per ferirci a vicenda. Da sempre le armi sottraggono risorse utili al sostentamento delle comunità. Una serie di cimeli funzionanti, dei mezzi pesanti che trattengono un passato da non ripetere. Il culto della memoria si fa monito, passando il testimone a chi è venuto dopo e assisterà al suo passaggio».

Iscritto nel registro delle manifestazioni di rievocazione storica della Regione Toscana, l’evento è organizzato da Gotica Toscana Onlus (www.goticatoscana.it), in collaborazione col Museo della Seconda Guerra Mondiale del Fiume Po (www.museofelonica.it), che sono tra i fondatori del North Apennines Po Valley Park (www.napv.it), un parco tematico dedicato alla storia dell’ultima fase della Campagna d’Italia.

«Per ciò che rappresenta la “Colonna della Libertà” è lontana da qualsiasi ideologia politica – concludono gli organizzatori – e si conferma un libro di storia in tre dimensioni. Mai dimenticheremo i valori che hanno motivato la sua nascita: pace, democrazia, famiglia e lavoro, spesso minacciati, che si accompagnano a una passione radicata in ognuno di noi per i veicoli storici, il loro restauro, il funzionamento e la conservazione. L’evento, oramai conosciuto in quasi tutto il mondo, passerà per una città mai toccata prima, la bella Ferrara. Anche quest’anno, per niente scontato, è ora di mettersi in moto».

Giunta ormai alla sua 9° edizione, la “Colonna della Libertà” ha collaborato con numerose amministrazioni civili e militari, con associazioni locali e internazionali, ottenendo svariati riconoscimenti. Tra questi, per la meritoria opera di Conservazione della Memoria Storica, spicca l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. In ordine di parata, hanno patrocinato la manifestazione che, una volta avviata la mattina del 22 culminerà il pomeriggio del 25 aprile, i Comuni di Cento, San Benedetto Po, Ferrara, Sermide e Felonica.

Percorso della “Colonna per la Libertà”: Via Bologna – Via Wagner – Via Ravenna – Via Comacchio – Via Ponte Caldirolo – Via Colombarola – Via Maurelio – Via Porta Romana – Via XX Settembre – Via Porta San Pietro – Via Carlo Mayr – Corso Porta Reno – Corso Martiri della Libertà – Viale Cavour – Largo Castello / Piazza Castello.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a Luca Bambagiotti Alberti (cell. 3384576040, email info@napv.it)

(A cura dell’assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Ferrara)

—————————————————————————————————————–

>> Martedì 25 aprile 
In piazza a Ferrara le celebrazioni del giorno della Liberazione

Le celebrazioni del 72° anniversario della Liberazione nazionale culmineranno nella giornata di martedì 25 aprile, quando la piazza di Ferrara si riempirà di garofani rossi, bandiere al vento e uniformi per festeggiare una pace che dura da oltre settant’anni. La Prefettura e il Comune di Ferrara hanno istituito un Comitato che si prenda cura e divulghi ogni anno i valori che hanno sorretto la nostra democrazia, la vitalità della Repubblica italiana. A riprova di ciò, l’Istituto di Storia Contemporanea allestirà la mostra all’apertoPer non dimenticare”, dalle 10 alle 19, intorno al muretto del Castello Estense dove la tragica notte del ’43 furono fucilati undici ferraresi, tra ebrei e dissidenti politici del Fascismo.
«Non possiamo dimenticare – esordisce il sindaco Tiziano Tagliani – che la nostra indipendenza è merito di quanti hanno saputo in momenti drammatici essere degli eroi. Ora che il Ventesimo secolo, nel suo indissolubile intreccio di pace e oppressione ci è alle spalle, resta da chiedersi se il cammino della libertà, il suo accidentato e tortuoso itinerario attraverso la storia degli uomini sia finalmente arrivato a compimento oppure, come è più legittimo pensare, non abbia un termine. Karl Popper, il grande filosofo, sosteneva che il prezzo della libertà è l’eterna vigilanza; dobbiamo quindi continuare a vigilare affinché niente e nessuno offuschi la nostra libertà. Occorre resistere contro la tentazione di chiudersi dentro i propri confini intellettuali e culturali, contro il tentativo di incrinare e scardinare i meccanismi della democrazia, contro qualsiasi forma di sopruso dei più deboli, contro l’accentuazione dello squilibrio tra diseredati e privilegiati».

Alle 10, l’alzabandiera con gli onori militari inaugurerà la mattina, seguito dalla deposizione dellecorone d’alloro da parte delle autorità locali, delle associazioni partigiane e dall’arma dei Carabinieri al Sacrario dei Caduti per la Libertà, ai piedi della Torre della Vittoria. Dopo i saluti istituzionali del vicesindaco Massimo Maisto in piazza Duomo, la cerimonia ufficiale ospiterà gli interventi di Emiliano Sandri (Consulta Provinciale degli studenti), Paolo Sturla Avogadri (Associazioni combattentistiche), Marco Ascanelli (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). In caso di maltempo, la manifestazione si terrà al riparo della Galleria Matteotti.

Alle 11, avrà inizio la funzione religiosa in Cattedrale, con la deposizione di una mazzo di fiori sulla tomba del monsignor Ruggero Bovelli. Fu definito “pastor et defensor” di Ferrara per la strenua difesa di tanti cittadini perseguitati. Una sua lettera del 21 aprile 1945 al comando militare alleato impedì che l’esercito dei liberatori facesse uso di armi pesanti sulla città, da tre giorni evacuata dalle truppe tedesche.
«Lavoriamo tutto l’anno per mantenere vivi i valori della Liberazione – aggiunge il vicesindaco Massimo Maisto – La memoria di un avvenimento che ha salvato le sorti della democrazia, le basi del pensiero libero e plurale, non può esaurirsi in un giorno soltanto, ma deve accompagnarci sempre. Il 25 aprile rappresenta il lascito delle generazioni che hanno preceduto la nostra, uno sforzo disumano, tanto intenso da schierare gli uni contro gli altri, uomini contro altri uomini. Se oggi possiamo uscire e dimostrare le nostre idee in totale indipendenza, lo dobbiamo a chi ha vissuto la guerra e ha sacrificato il proprio presente per il futuro altrui, chi si è abbassato a odiare, a sparare per un domani più pulito. E dobbiamo essere in grado di tradurlo in azioni quotidiane, che coinvolgano più ragazzi possibili perché non vada perduto».
Al termine della cerimonia, il vicesindaco Maisto si sposterà in piazza Castello per dare il benvenuto della città ai duecento cavalieri dell’Associazione “Natura a cavallo”, che quest’anno hanno scelto Ferrara come meta per il loro XVI raduno nazionale (vedi allegato a fondo pagina).

Il pomeriggio, dalle 15 alle 18, in sala Estense comincerà un ciclo di proiezioni a ciclo continuo, a cura dell’Istituto di Storia Contemporanea, tra cui “Ferrara, aprile 1945”, dal Reno al Po, il documentario di Carlo Magri. Nel frattempo, dalle 16.15, la Banda Filarmonica “Ludovico Ariosto” si esibirà in piazza municipale.

L’ammainabandiera, alle 17.15, precederà in piazza Duomo l’arrivo di LiberAzione, lo spettacolo itinerante a cura di Anpi, Teatro Comunitario di Pontelagoscuro e Museo del Risorgimento e della Resistenza che occuperà con entusiasmo, alle 18, piazza Trento e Trieste. Infine, alle 21, ancora in Sala Estense, i riflettori saranno tutti per il Teatro Ferrara OFF, che metterà in scena Immobili, scritto e diretto da Giulio Costa, con la partecipazione di Elsa Bossi.

(A cura dell’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Ferrara)

———————————————————————————————————————-

>> Mercoledì 26 aprile

– Sala mostre del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara

In occasione delle celebrazioni del 72° anniversario della Liberazione il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara (corso Ercole I° d’Este 19), ripropone, in collaborazione con l’ANPI provinciale, la mostra “Garibaldini del Novecento. Gli antifascisti ferraresi e la guerra di Spagna” a cura della storica Delfina Tromboni con la collaborazione di Elena Ferraresi e Dante Giordano. L’esposizione – che verrà aperta mercoledì 26 aprile alle 11 e sarà visitabile sino al 21 maggio compreso – venne presentata nello stesso Museo durante le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia: documenti, testimonianze, storie, ricerche che raccontano la storia degli antifascisti che, dal 1936, partirono per andare a combattere la guerra civile spagnola, o restando in Italia o nei luoghi nei quali erano stati costretti ad esiliarsi, costruirono reti di sostegno ai combattenti. Si trattò del primo epocale scontro tra la democrazia e la dittatura ed infatti, ai sostenitori della Repubblica, si opposero il regime fascista italiano e quello nazista tedesco. Anche se, con la discesa in campo dell’URSS, divenne pure uno scontro tra fascismo e comunismo. La dittatura fascista inviò i propri “volontari” che Mussolini arruolò rivolgendosi alle camicie nere, ai reduci dell’Africa Orientale. La mostra racconta lo sguardo ferrarese di coloro che si arruolarono, combatterono, restarono feriti, morirono al fronte, schierati a sostegno della Repubblica spagnola: una quarantina di uomini e donne di cui si espongono immagini, documenti, storie.

L’allestimento è visitabile gratuitamente negli orari di apertura del museo dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18, dal martedì alla domenica. 

 

 

BIBLIOTECA BASSANI – Mercoledì 26 aprile alle 17 nella sala di via Grosoli 42

Avventure di animali e premiazione del “Lettore dell’anno”

21-04-2017

Ultimo appuntamento con “L’Ora del racconto – Amici di zampa” quello in programma per mercoledì 26 aprile 2017 alle 17 alla Biblioteca Giorgio Bassani, via Grosoli 42, a Barco di Ferrara.

Sarà Roberto Gamberoni a raccontare ai bambini dai 4 ai 10 anni la storia di “Che cosa fa il coccodrillo di notte?”, scritta da Kathrin Kiss e illustrata da Emilio Urberuaga (Arka edizioni) e quella di “Dodo” scritta da Josè Moran e Paz Rodero e illustrata da Emilio Urberuaga (Bohem Press Italia).

A seguire avrà luogo la proclamazione dei vincitori del premio “Lettore dell’anno”. Il riconoscimento verrà dato ai giovani lettori della biblioteca che si sono distinti per assiduità nella frequenza e nei prestiti durante l’anno appena trascorso. Ad ogni vincitore verrà consegnato un libro, dono dell’associazione Amici della Biblioteca Ariostea. La partecipazione è gratuita e non è richiesta la prenotazione.

Per info: Biblioteca Giorgio Bassani, via Grosoli 42, Ferrara, info.bassani@comune.fe.it, tel. 0532 797414.

 

BANDO DI GARA – Tutta la documentazione consultabile sul sito del Comune di Ferrara

Procedura aperta per “Affidamento del servizio di riparazione e manutenzione dei veicoli in uso all’amministrazione”

21-04-2017

Scadrà lunedì 29 maggio 2017 alle 13 il bando per partecipare alla procedura aperta per l’“Affidamento del servizio di riparazione, manutenzione e revisione dei veicoli a motore in uso all’amministrazione comunale di Ferrara per il periodo di anni 2”.

L’apertura dei plichi avverrà il 31 maggio 2017 alle 10 nella residenza municipale di Ferrara.

L’avviso, pubblicato il 21 aprile, è consltabile con la relativa documentazione sul sito www.comune.fe.it alla voce ‘Bandi di gara’ all’indirizzo http://servizi.comune.fe.it/index.php?id=222

A cura del Servizio Appalti, Provveditorato e Contratti del Comune di Ferrara

LAVORI PUBBLICI – Al via da maggio la riqualificazione di parchi e cortili scolastici

Nuovi giochi e arredi in arrivo in una ventina di aree verdi comunali

21-04-2017

Scivoli, altalene e giochi per l’arrampicata dei più piccoli, ma anche fontanelle, tavoli da pic nic e porte da calcetto. Sono poco meno di una ventina le aree verdi comunali, tra parchi e cortili scolastici attrezzati (v. elenco in allegato a fondo pagina), che presto si arricchiranno di nuovi arredi grazie al programma di riqualificazione al via dall’inizio del prossimo mese di maggio, a cura del Servizio Infrastrutture, e in particolare dell’Ufficio Verde pubblico, del Comune di Ferrara.
Oltre alla posa di nuovi arredi, giochi per i bambini e sottofondi ‘smorzacadute’, il piano dei lavori prevede anche la manutenzione delle attrezzature esistenti.
I dettagli del programma di interventi sono stati illustrati stamani in conferenza stampa dall’assessore comunale ai Lavori Pubblici Aldo Modonesi, assieme al dirigente del Servizio comunale Infrastrutture Enrico Pocaterra e a Marco Lorenzetti dell’Ufficio Verde pubblico.
“Il patrimonio verde del Comune di Ferrara è enorme – ha precisato l’assessore Modonesi – comprende 132 aree attrezzate, una ogni 70 bambini circa. Con questo primo pacchetto di interventi andremo a riqualificare 17 di queste aree per una spesa complessiva di 200mila euro e di pari importo è la somma che abbiamo già inserito anche nel bilancio 2017 per altri interventi di questo genere in aree simili”.
Alcuni dei lavori in partenza nelle prossime settimane, come precisato dai tecnici, sono stati programmati sulla base delle sollecitazioni giunte da cittadini e comitati, anche nell’ambito dei percorsi di partecipazione del progetto ‘Ferrara mia’. Mentre gli interventi previsti nei cortili della scuola materna Gobetti e della scuola Alda Costa sono stati concordati con i comitati dei genitori e quello nella piazza di Quartesana con il Comitato della Sagra paesana.
Nel frattempo prosegue da parte dell’Ufficio verde del Comune, in collaborazione con Ferrara Tua srl, la società incaricata della manutenzione del verde pubblico, la campagna di verifica della stabilità degli alberi nel territorio comunale, che ha già portato alla programmazione dell’abbattimento, previsto nelle prossime settimane, di sei platani in piazza Ariostea. “Si tratta – ha puntualizzato ancora Modonesi – di esemplari ammalati o con problemi di stabilità, che saranno sostituiti nell’ambito del futuro progetto di riqualificazione complessiva di piazza Ariostea che sarà finanziato con i fondi per il Ducato Estense”.
Proseguono, inoltre, sempre in tema di verde pubblico, anche gli interventi di sfalcio dell’erba nelle aree comunali, partiti a inizio aprile ad opera sempre di Ferrara Tua srl.

In allegato l’elenco delle aree verdi interessate dal programma di riqualificazione al via da maggio 2017 (cui va aggiunta la piazza di Quartesana)

In allegato anche la mappa con l’indicazione delle aree e alcuni esempi di giochi per bambini che saranno installati

LAVORI PUBBLICI E VIABILITA’ – I principali cantieri attivi dal 24 al 30 aprile 2017

Ultimati i nuovi impianti di illuminazione delle vie De Pisis, Mentessi e Boldini; proseguono in città gli interventi su strade, edifici storici e verde pubblico

21-04-2017

Questo l’elenco dei principali interventi e cantieri operativi o in fase di attivazione nel territorio comunale di Ferrara nel periodo dal 24 al 30 aprile 2017, condotti sotto la supervisione dei tecnici e degli operatori del Settore Opere pubbliche e Mobilità del Comune di Ferrara. Maggiori informazioni sugli interventi più significativi sono disponibili sul sito http://mappaopere.comune.fe.it

 

>> NUOVI LAVORI

VIABILITA’

– Modifiche al traffico in via Porta San Pietro dal 26 al 28 aprile
Per consentire l’esecuzione dei lavori di asfaltatura in via Porta San Pietro all’intersezione tra via Saraceno e via Fondobanchetto, previsti nell’ambito del progetto di riqualificazione di via Saraceno, da mercoledì 26 a venerdì 28 aprile 2017 saranno in vigore modifiche alla viabilità

  • via Porta San Pietro: divieto di transito “eccetto gli autorizzati” in corrispondenza dell’intersezione con le vie Fondobanchetto – Saraceno – Borgo di Sotto. Revoca del “senso unico di marcia” – ripristino del “doppio senso di circolazione” in tutto il tratto compreso tra via Carlo Mayr e via Fondobanchetto;
  • rimane interdetto al traffico il tratto di via Saraceno da via Cavedone verso via Porta San Pietro;
  • via Borgo di Sotto: revoca del senso unico di marcia con direzione da via Salinguerra verso via Porta San Pietro e istituzione del senso unico con direzione contraria nel tratto compreso tra via della Paglia e via Praisolo;
  • via della Paglia: per chi proviene da via Paglia all’intersezione con via Borgo di Sotto direzione obbligatoria a sinistra
  • via Fondobanchetto: revoca del senso unico di marcia e ripristino del doppio senso di circolazione nel tratto compreso tra via Salinguerra e via Porta San Pietro.
  • I residenti delle vie Fondobanchetto e Fossato dei Buoi dovranno accedere dalla via Salinguerra

Sul posto sarà presente cartellonistica di avviso.

– Chiuso al transito per lavori un tratto di via dei Gelsomini
Per consentire l’esecuzione di lavori per conto di Hera Spa, da lunedì 24 a sabato 29 aprile 2017 è prevista la chiusura al transito di via dei Gelsomini, tra via Conca e il parcheggio 186, a Malborghetto di Boara, con divieto di sosta su entrambi i lati. E’ prevista la deviazione del traffico per via dei Roseti – via Agrifoglio, con cartellonistica di avviso posizionata nell’area. E’ inoltre prevista la deviazione della linea urbana Tper con accesso da e per via Conca con percorso: via Agrifoglio – via Formia, con spostamento provvisorio delle fermate Bus Tper in via Agrifoglio nei pressi del numero civico 12 e in via Formia (parcheggio all’intersezione con via dei Gelsomini).

————

 

>> AGGIORNAMENTI DAI CANTIERI
ILLUMINAZIONE PUBBLICA

AGGIORNAMENTO del 21 aprile 2017

(Tutti gli interventi sono realizzati da Hera Luce, nell’ambito dei lavori di manutenzione straordinaria previsti nel contratto di servizi con il Comune di Ferrara):
– Conclusi i lavori di rifacimento della pubblica illuminazione nelle vie De Pisis, Mentessi e Boldini (.v FOTO in allegato)
Il 20 aprile sono stati ultimati i nuovi impianti di pubblica illuminazione delle vie De Pisis, Mentessi e Boldini. I lavori hanno consentito il completo rifacimento di 19 punti luce, con il passaggio dal tipo di alimentazione “in serie” a quello “in derivazione”.
L’illuminazione delle vie De Pisis e Mentessi è stata realizzata apparecchi per arredo urbano, installati a centro strada su tesata, dotati di lampade a ioduri metallici da 70W, ad alta efficienza luminosa e con proiettori installati sotto gronda per l’illuminazione della zona parcheggio/ingresso Museo.
Per la via Boldini è stato previsto il recupero delle mensole storiche decorative esistenti, con restauro in opera dei pastorali e installazione di nuovi corpi illuminanti, dotati di lampade a joduri metallici da 40W.
Tutti gli apparecchi illuminanti sono dotati di lampade ad alogenuri metallici con temperatura di colore pari a 3000°K, particolarmente adatta per le zone di aggregazione e per i centri storici. Gli apparecchi sono conformi a quanto prescritto dalla Legge Regionale in materia di risparmio energetico ed inquinamento luminoso, sono inoltre dotati di sistema di dimmerazione per la riduzione dell’intensità luminosa nelle ore centrali della notte.
I lavori hanno inoltre previsto il totale rifacimento dei quadri elettrici di alimentazione, delle linee di alimentazione, delle tesate, l’esecuzione di tutte le opere civili quali scavi, plinti e pozzetti, nonché la rimozione di tutta l’impiantistica esistente.

– Lavori di adeguamento ed efficientamento energetico degli impianti di pubblica illuminazione di via Corazza e via Pasini
Sono in corso i lavori per l’adeguamento impiantistico e l’efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica di via Corazza e via Pasini a San Martino, finalizzati al collaudo e alla presa in carico degli impianti da parte dell’Amministrazione Comunale. I lavori prevedono l’adeguamento dell’impianto esistente con l’installazione di nuovo quadro elettrico, con adeguate apparecchiature di protezione e comando, la rimozione delle parti di impianto non adeguate, e la sostituzione degli apparecchi illuminanti con nuovi apparecchi a Led, ad alta efficienza.

————

INTERVENTI STRADALI
– In corso l’ultima parte dei lavori di riqualificazione di via Saraceno

Sono in corso dal 10 aprile i lavori di ripavimentazione di via Saraceno necessari a  completare le opere di riqualificazione avviate lo scorso anno. In programma la realizzazione dello strato finale di pavimentazione a partire dall’incrocio con via Scienze fino a via Porta San Pietro. Le opere (e le relative chiusure al transito) saranno suddivise in tre fasi successive, in modo da ridurre quanto più possibile i disagi alla circolazione.
Fino a conclusione dei lavori è prevista la chiusura di via Saraceno
al traffico veicolare nel tratto da via Cavedone a via Porta San Pietro (v. dettagli modifiche alla viabilità in alto) : potranno transitare solo i pedoni percorrendo i marciapiedi.

– Nuovi tratti ciclabili in Rampari di San Paolo e corso Isonzo
Sono in corso i lavori per la realizzazione di un nuovo percorso ciclabile in corso Isonzo, con conclusione prevista entro il 12 maggio prossimo. Al momento (AGGIORNAMENTO del 14 aprile) l’area interessata dagli interventi è quella adiacente al terminal autocorriere in via Rampari di San Paolo.
L’intervento mira a collegare la pista ciclabile esistente in Rampari di San Paolo con la zona di via Darsena. Per questo si procederà al rifacimento di un tratto del marciapiede in asfalto esistente in Rampari di San Paolo, fino all’incrocio con corso Isonzo, allargandone la sezione fino a 2,5 metri. Il percorso sarà quindi completato da un tratto di pista ciclabile in corso Isonzo che verrà realizzato all’interno dell’area verde esistente, con l’impiego di pavimentazione in calcestruzzo architettonico.
Per l’esecuzione dei lavori non sono al momento previste modifiche alla viabilità.
Il progetto rientra nel programma di interventi previsti dall’Amministrazione Comunale per migliorare e potenziare la mobilità sostenibile nel territorio cittadino, programma che comprende anche i lavori attualmente in fase di ultimazione in via Maragno e via Plebiscito.

– Interventi di completamento di percorsi ciclabili in via Maragno e via Plebiscito
Sono in via di ultimazione, con la posa della segnaletica, sia i lavori per la realizzazione di un percorso ciclabile in via Maragno, a Barco, a ricucitura dei percorsi ciclabili esistenti di via Bentivoglio e di via Padova, sia i lavori in via Plebiscito, per la realizzazione di un attraversamento stradale a continuità del percorso ciclabile esistente.
LA SCHEDA
: L’intervento in via Maragno prevede la ricostruzione di un tratto del marciapiede in asfalto esistente e il suo allargamento fino a 2,5 metri. Mentre in un altro tratto di circa 40 m di lunghezza è prevista la costruzione ex-novo del percorso a bordo strada, per il raggiungimento della pista ciclabile di via Padova. Lo sviluppo complessivo del nuovo percorso sarà di circa 230 metri di lunghezza ed è previsto il posizionamento di nuove caditoie stradali per lo smaltimento delle acque meteoriche, oltre alle opere di segnaletica stradale necessarie. Il cantiere potrebbe causare rallentamenti al traffico stradale nella zona.
Il progetto rientra fra quelli previsti dall’Amministrazione Comunale per migliorare e potenziare la mobilità sostenibile nel territorio cittadino e comprende anche un intervento in via Plebiscito, per la realizzazione di un attraversamento stradale a continuità del percorso ciclabile esistente parallelo a via Padova. Qui saranno compiute alcune opere edili per l’apertura di appositi varchi nelle aiuole esistenti a lato della sede stradale ed opere di segnaletica orizzontale e verticale.

– Un nuovo tratto ciclabile in via Bologna, tra le vie Caselli e Malagù
Proseguono i lavori (iniziati il 21 novembre scorso) per la realizzazione del nuovo percorso ciclo-pedonale nel tratto di via Bologna compreso tra via G. Caselli e via G.U. Malagù
AGGIORNAMENTO
del 14 aprile 2017: E’ stato ultimato e messo in funzione il nuovo impianto di pubblica illuminazione a led lungo tutto il percorso tra via Caselli e via Malagù e sono ripresi i lavori edili per il completamento dell’opera sulla sede stradale che potranno comportare restringimenti della carreggiata e conseguenti rallentamenti al traffico della zona.
LA SCHEDA
: Il percorso avrà una lunghezza di circa 500 metri, sarà destinato a cicli e pedoni, e si svilupperà, sul lato destro della strada con direzione centro città, andando a costituire un ulteriore tassello del  percorso realizzato, in più fasi, in questi ultimi anni, dall’Amministrazione comunale, nel segmento di via Bologna da via Malagù sino a piazza Travaglio. Il nuovo percorso avrà una larghezza di 2,5 metri, con pavimentazione in conglomerato bituminoso, e a separazione dalla sede stradale sarà realizzato un bauletto di 50 cm di larghezza. E’ previsto anche il rifacimento dell’impianto di pubblica illuminazione.
L’intervento sarà eseguito dalla ditta Asfalti Zaniboni di Finale Emilia per conto della Società Sara Costruzioni srl, sulla base di una convenzione sottoscritta con il Comune di Ferrara nell’ambito dell’attuazione del comparto Poc ‘5ANS-03’. Nel periodo di esecuzione dell’intervento la viabilità potrebbe subire variazioni (restringimenti di carreggiata, modifiche agli attraversamenti pedonali esistenti, eventuale modifica di una fermata bus,…), che saranno indicate sul posto da segnaletica provvisoria, per consentire all’impresa di lavorare in sicurezza. Il costo totale dell’opera è di 274.044 euro (a carico della Società Sara Costruzioni srl).

– In corso sull’asse viale Cavour-corso Giovecca i lavori di adeguamento dei semafori alle esigenze dei non vedenti
Sono in corso i lavori per la realizzazione dei percorsi tattili plantari in prossimità degli impianti semaforici esistenti sull’asse viale Cavour-corso Giovecca (v. anche CronacaComune del 13 aprile 2017). Le opere hanno lo scopo di facilitare e rendere più sicura la mobilità pedonale dei non vedenti ed ipovedenti sul principale asse viario cittadino, dalla Stazione ferroviaria alla Prospettiva, secondo un progetto concordato tra il Comune di Ferrara (Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico e Ufficio Benessere Ambientale) e la Sezione Provinciale di Ferrara dell’Unione Italiana Ciechi. I lavori interesseranno tutte le intersezioni dell’asse viario, ossia: viale Cavour-corso Isonzo/via Cittadella; viale Cavour-via Ariosto/via Aldighieri; viale Cavour- via Armari/via Spadari; largo Castello (solo adeguamento semafori); corso Giovecca-via Palestro/via Bersaglieri; corso Giovecca-via Montebello/via Terranuova; corso Giovecca-via Mortara/via U. Bassi.
Durante il periodo di esecuzione degli interventi saranno possibili rallentamenti sulle strade interessate, ma sarà garantito comunque il transito veicolare; non sono previste deviazioni nè chiusure.
LA SCHEDA a cura del Servizio Mobilità
L’intervento prevede:
– adeguamento degli impianti semaforizzati
consiste nell’installazione di specifici dispositivi di chiamata con relativi apparati acustici da applicare sui pali semaforici esistenti o dove necessario su nuovi pali; tali dispositivi serviranno 18 attraversamenti pedonali che con i 6 già esistenti porteranno a 24 il numero totale di attraversamenti disponibili. In tal modo i non vedenti potranno percorrere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali semaforizzati presenti su entrambi i lati dell’asse Cavour-Giovecca e potranno attraversare in sicurezza lo stesso asse ad ogni incrocio semaforizzato.
– adeguamento degli attraversamenti pedonali mediante l’applicazione dei percorsi tattili plantari che in prossimità degli impianti semaforizzati segnaleranno sia la posizione dei pulsanti di chiamata che la posizione degli attraversamenti pedonali. Tali percorsi serviranno 17 attraversamenti pedonali e saranno realizzati in materiale termoplastico (a garanzia di una maggior durata) di colore bianco (per agevolare anche gli ipovedenti).
v. anche CronacaComune del 26 gennaio 2017

————

LAVORI A CURA DI HERA

– Interventi di manutenzione di reti gas, idrica e fognaria e teleriscaldamento
Prenderanno il via lunedì 24 aprile i lavori a cura di Hera per la manutenzione di condotte idriche in via Conca angolo via Gelsomini, a Malborghetto di Boara, con chiusura al transito di via Gelsomini da via Conca al parcheggio 186 (v. dettagli su modifiche alla viabilità in alto).

Sono inoltre in corso lavori a cura di Hera per la posa di condotte idriche in via Kallethea (località Malborghetto di Boara – intervento su area verde) e in via Virgili (località Boara).

Nelle vie interessate dagli interventi sono possibili modifiche al traffico indicate con segnalazioni sul posto.

————

EDIFICI STORICI E MONUMENTALI
– Restauro post sisma della Certosa monumentale di Ferrara

Sono iniziati il 26 settembre scorso i lavori programmati dall’Amministrazione comunale per il restauro e il miglioramento strutturale post sisma della Certosa monumentale di Ferrara.
Il progetto è stato impostato dopo una attenta analisi del quadro fessurativo e dopo avere individuato i principali meccanismi che lo hanno determinato. Gli interventi saranno realizzati per cantieri distinti e successivi, tutti all’interno dell’area cimiteriale.
Saranno eseguiti interventi sulle strutture in elevazione, sugli archi, sulle volte in muratura, e sulle coperture lignee e in laterizio.
Durata prevista dei lavori 510 giorni (conclusione al 17/02/2018)

AGGIORNAMENTO del 14 aprile 2017: Attualmente l’impresa sta lavorando nel Primo Gran Claustro della Certosa di Ferrara. Sono state eseguite le lavorazioni relative al consolidamento e rifacimento del coperto del Famedio del Borso, le opere di rinforzo strutturale dei deambulatori della zona sud-est e di rinforzo dei coperti della Cella Ragazzi e della Cella Pareschi.

L’impresa proseguirà nei prossimi giorni con i lavori di restauro dei cotti del Famedio del Borso, la ricollocazione dei coppi sui deambulatori consolidati e inizierà il consolidamento strutturale del Colombario Bonaccioli.
Per tutti i dettagli del progetto v. CronacaComune del 26 settembre 2016

– Intervento di restauro e rinnovamento di Palazzo dei Diamanti
Ha preso il via all’inizio di marzo, per concludersi a settembre 2018, la radicale opera di restyling destinata a restituire alla città lo spazio museale del Palazzo dei Diamanti completamente rinnovato e valorizzato, con spazi più ampi dedicati in particolare ai servizi, in linea con le più moderne prospettive turistiche. Grazie ad un’attenta pianificazione l’intervento non interferirà in nessun momento con la continuità dell’attività museale.
AGGIORNAMENTO del 14 aprile 2017: Sono stati installati i ponteggi nell’ala Biagio Rossetti finalizzati alle lavorazioni di consolidamento del coperto e del sottotetto. Avviate le lavorazioni di demolizione negli ambienti del piano terra e del piano ammezzato dell’area a sud-est (su Corso Ercole I d’Este), da destinarsi ad uffici della Galleria d’Arte Moderna.

LA SCHEDA: In sintesi, gli interventi prevedono:
– restauro, risanamento e messa in sicurezza degli ambienti al piano terra e ammezzato dell’area a sud-est, su corso Ercole I d’Este, da destinarsi ad uffici della Galleria d’Arte Moderna, compresa la realizzazione del nuovo gruppo di servizi igienici;
– rifacimento della scala interna di servizio, situata nell’area sud-ovest del complesso, danneggiata e inagibile;
– riparazione e consolidamento dell’intera copertura del complesso, mediante specifici interventi previsti in corrispondenza piano di falda e della linea di gronda, e del piano di calpestio degli ambienti sottotetto;
– restauro, risanamento e messa in sicurezza degli ambienti al piano terra e ammezzato in corrispondenza del portico sud del cortile, previa demolizione delle superfetazioni esistenti;
– realizzazione di un nuovo gruppo di servizi igienici, negli ambienti a nord del giardino, a servizio degli utenti della Galleria d’Arte Moderna;
– realizzazione di localizzati interventi di riparazione a carico delle strutture verticali ed orizzontali.
Importo complessivo dell’opera: 2.516.466, finanziato con contributi Regionali assegnati con finanziamento concesso dal Commissario Delegato per la somma di 1.953.466 euro e con fondi comunali (assicurazione) per la somma di 563.000 euro. Per tutti i dettagli del progetto v. CronacaComune del 10 marzo 2017

– Intervento di restauro e valorizzazione dei locali ex Bazzi di piazza del Municipio

Sono partiti il 13 febbraio scorso i lavori a cura del Comune di Ferrara per il restauro e la valorizzazione dei locali comunali ex Bazzi di piazza del Municipio, in vista dell’affidamento in gestione dell’immobile tramite bando di gara. La conclusione è prevista per il dicembre 2017.

LA SCHEDA:

Per l’edificio Ex Bazzi sono state individuate soluzioni progettuali, ispirate da principi di tutela e conservazione, volte a sanare sia le vulnerabilità in ambito sismico che le deficienze statiche. In particolare si interverrà sui solai aumentando la rigidezza di piano e creando dei collegamenti mutui fra le strutture verticali e orizzontali. Gli interventi di restauro riguarderanno i dipinti murari e un raffinato solaio ligneo a cassettoni della seconda metà del quattrocento, che seppur manomesso e degradato può essere in gran parte recuperato nei suoi preziosi dettagli decorativi.
Parte dei locali saranno posti in concessione e parte rimarranno in diretta gestione comunale. A tal proposito la progettazione dei locali da porre a concessione, non conoscendo l’attività che ivi si potrà insediare, non entrerà in dettagli funzionali, ma dovrà comunque valutare e individuare sistemi impiantistici compatibili e prevedere le predisposizioni realizzabili.

Importo complessivo dell’opera € 650.000. Tipologia di finanziamento: € 499.432,90 Contributi Regionali assegnati con Programma Speciale d’Area “Azioni per lo sviluppo urbanistico delle aree di eccellenza della città di Ferrara”; € 150.567,10 con fondi comunali. Per tutti i dettagli del progetto v. CronacaComune del 13 febbraio 2017

– A Palazzo Massari in corso i lavori di consolidamento post sisma
Sono in corso i lavori di consolidamento di Palazzo Massari, sede del Museo Boldini, in corso Porta Mare, pesantemente lesionato in occasione del sisma del maggio 2012. Conclusa questa fase di lavorazione verrà attivata l’operazione di restauro di interni ed esterni. L’importo dei lavori appaltati è di € 1.610.663,26. Il finanziamento è a carico del Commissario Delegato per il recupero delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali danneggiati dal Sisma 2012 (per un importo di  790.917 euro) e delle Assicurazioni stipulate dal Comune (per un importo di € 819.745 euro). Il costo totale dell’intervento è di € 2.504.557.
A eseguire gli interventi è l’impresa Emiliana Restauri soc. coop di Ozzano Emilia (Bo).
Gli interventi riguarderanno sia Palazzo Massari che l’adiacente Palazzina dei Cavalieri di Malta. Entrambi i fabbricati hanno subito lesioni importanti ma non gravi, che hanno comunque peggiorato un quadro fessurativo preesistente e da anni trascurato. Le operazioni di consolidamento comunque sono varie e articolate e coinvolgono tutti gli elementi strutturali del complesso in oggetto, implicando inevitabilmente anche aspetti tipicamente architettonici. Per entrambi i Palazzi sarà eseguito il restauro di tutti gli elementi decorativi, in cotto, pietra e stucchi.
Per tutti i dettagli del progetto v.
CronacaComune del 6 ottobre 2016

– Alla Palazzina ex Mof interventi di riqualificazione nel segno della conservazione
Sono in corso gli interventi di riqualificazione della Palazzina ex Mof destinata a ospitare la sede dell’Urban Center comunale e dell’Ordine degli Architetti di Ferrara. La conclusione dell’opera è prevista per il luglio 2017. Per tutti i dettagli del progetto v. CronacaComune del 7 luglio 2016

– Casa Niccolini in ristrutturazione per ospitare la sezione ragazzi della biblioteca Ariostea e la sede della Società Dante Alighieri
Sono in corso a Casa Niccolini i lavori per la ristrutturazione dell’edificio destinato a ospitare la sezione della biblioteca Ariostea dedicata ai ragazzi con spazi appositi per la lettura e per la didattica. Al proprio interno, Casa Niccolini ospiterà anche la sede della Società Dante Alighieri. La conclusione dell’opera è prevista per il luglio 2017. Per tutti i dettagli del progetto v. CronacaComune dell’1 luglio 2016

————

MURA ESTENSI

Al via interventi di recupero nel tratto nord delle antiche Mura cittadine

Sono in corso interventi di recupero e restauro di parti dell’antica cinta muraria cittadina, e in particolare della muratura di paramento e degli scavi archeologici della Punta di Francolino e della Peschiera del Duca d’Este alle Mura Nord.

LA SCHEDA:

Dal Torrione n°8 alla punta di Francolino – La peschiera del Duca d’Este

Si tratta della parte della cortina muraria visibile più antica e da cui è iniziata l’opera di restauro del primo Progetto Mura (FIO 1986). Oggetto dell’intervento è il tratto compreso dal Torrione n°8 alla Punta di Francolino con al centro gli scavi archeologici della “Peschiera del Duca d’Este”.

Si prevede l’intervento di verifica, consolidamento strutturale e restauro conservativo del paramento murario verticale della muratura di sommità con interventi di stuccatura di protezione. Gli scavi archeologici saranno trattati analogamente a quelli della Punta di Francolino già riscoperti in occasione del primo Progetto Mura (FIO ’86).

Punta di Francolino

La zona è stata oggetto di importanti scavi archeologici sulle fondazioni dei bastioni, lasciati poi visibili al pubblico fruitore dell’area del vallo delle Mura. In funzione della tipologia allora adottata “a scavo aperto”, ed essendo comunque proseguita l’azione degradante del tempo, si prevede il consolidamento della muratura decoesa e la conseguente stuccatura di protezione.

Importo totale intervento: 133.200 euro (finanziato con ribasso di gara delle opere già realizzate con i fondi finanziati dall’8per1000 Irpef anno 2010)

Impresa aggiudicataria: Costruzioni Orizzonte – Rovigo

Inizio lavori: 04/04/2017

————

VERDE PUBBLICO
– A
bbattimenti di alberi, a tutela dell’incolumità pubblica, in viale Costituzione e piazza Ariostea

Sono stati programmati sulla base degli esiti di indagini tecniche di stabilità, e a garanzia della pubblica incolumità, gli interventi previsti in viale Costituzione e in piazza Ariostea per l’abbattimento di alcuni alberi a cura di Ferrara Tua srl, la società incaricata della manutenzione del verde comunale, in accordo con l’Ufficio Verde del Comune di Ferrara. Saranno in particolare interessati: 12 esemplari di Celtis australis (bagolaro), 1 Robinia pseudoacacia e 1 Sophora japonica in viale Costituzione; e 6 esemplari di Platanus hydrida in piazza Ariostea. Le piante saranno sostituite come previsto dal Regolamento comunale del verde pubblico e privato.

– In corso l’abbattimento di una serie di piante in città a tutela dell’incolumità pubblica

Per garantire la pubblica incolumità, in deroga al Regolamento comunale del verde pubblico e privato (riproduzione dell’avifauna), Ferrara Tua srl, la società incaricata della manutenzione del verde comunale, ha dato avvio all’abbattimento di alcune piante in una serie di vie cittadine: via Bongiovanni (1 robinia), via Manarini (1 pioppo), via Porta Catena (1 sophora), via Fogazzaro (1 tiglio), via Chendi (1 pioppo), via Bottazzi (1 cipresso).

– In corso interventi di abbattimento di piante con problemi di stabilità o colpiti da epidemia
Sono in via di conclusione le operazioni di abbattimento nel territorio comunale di una serie di piante ‘ammalorate’, principalmente platani. Gli interventi sono stati concordati dall’Ufficio Verde del Comune di Ferrara con il Servizio Fitosanitario Regionale, nell’ambito del piano di contenimento dell’epidemia di ‘Cancro colorato del Platano’, previsto dal Decreto di Lotta Obbligatoria (D.M. 29 febbraio 2012) e sono eseguiti a cura dall’ente gestore del servizio di manutenzione del verde in città, Ferrara Tua srl.
Questi gli interventi ancora da realizzare:
– viale IV Novembre sopramura: abbattimento di platani, 9 piante tra infette e adiacenti, oltre ad altri 2 platani ammalorati in vicinanza del monumento
– viale Alfonso I d’Este: abbattimento di 2 platani di fronte al civ. 2 di via Formignana
– alcuni abbattimenti, e conseguenti reimpianti, in via Calzolai
Sono in corso anche le attività di manutenzione del verde pubblico comunale, con potature e sfalci dell’erba nei parchi pubblici e nei giardini scolastici.

tag:

COMUNE DI FERRARA


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it