Skip to main content

di Federica Mammina

Procurato allarme. Questa la denuncia con cui esordisce il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani nella conferenza stampa di venerdì 31 marzo tenutasi nella sala del Consiglio provinciale in Castello Estense. Procurato allarme da parte delle dichiarazioni rilasciate dal pentito di camorra Nunzio Perrella, durante la puntata di ‘Nemo’ del 23 marzo in onda su Rai 2. Intervista rilasciata a poca distanza dall’uscita del libro ‘Oltre gomorra. I rifiuti d’Italia’, scritto da Paolo Coltro, dove sulla base delle dichiarazioni del pentito si ricostruisce la mappa geografica dello sversamento illegale di rifiuti, e dove si rinviene un unico, generico riferimento alla città di Ferrara, senza precisazione di quando, dove e soprattutto a opera di chi sarebbero stati fatti questi sversamenti.

Non usa giri di parole Tagliani e, nei primi venti minuti che suonano più come uno sfogo liberatorio, rivendica quanto fatto in particolare dalla sua amministrazione.
“Sono scandalizzato” afferma visibilmente amareggiato, “mentre posso giustificare la speculazione politica che tira acqua al proprio mulino, anche se non la giudico intelligente, e una presunta ignoranza della Rai su questa cosa, non posso giustificare quella parte della stampa locale che dei fatti di cui stiamo parlando è a conoscenza da molti anni e che a fronte delle dichiarazioni emerse durante la trasmissione non ha dato alcun riscontro di quanto fatto dal Comune, dalla Provincia, da Arpa, dalla Ausl e dalle Procure dal 1987, dalla chiusura di Ca’ Leona, a oggi”.

Attribuisce poi con orgoglio alla sua amministrazione una decisione che ha ottenuto, nel gennaio 2017, la conferma da una sentenza del Tar Emilia Romagna sulla responsabilità della società Solvay in merito alla contaminazione del quadrante est: “non è un caso – aggiunge – che quell’azienda si difende utilizzando le stesse argomentazioni degli Amici della Terra e oggi del pentito” e “l’azione vede quindi da una parte l’amministrazione e i cittadini e dall’altra una serie di affermazioni che tendono di fatto a scaricare su soggetti indefiniti le responsabilità”.

Continua, inarrestabile e accalorato, a ritornare sul tema a lui caro della trasparenza, a rilevare che tutti i risultati delle rilevazioni piezometriche sono stati pubblicati. Sostiene che tutte le risultanze delle analisi siano state consegnate alle autorità per le valutazioni tecniche e tutte le denunce siano state consegnate a chi di dovere per i necessari controlli di carattere giudiziario, a chiarire come siano state battute tutte le strade percorribili. E a dimostrazione della buona fede dell’amministrazione, l’esposto depositato in procura il giorno seguente la messa in onda della trasmissione, non ha a oggetto solo il procurato allarme, ma anche una richiesta alla Procura stessa di valutare eventuali omissioni commesse in questi anni.

C’è, nelle parole del sindaco, un impellente bisogno di ricordare, puntualizzare e difendere il lavoro svolto negli ultimi trent’anni. Si ricordano le diverse attività di bonifica svolte nei quattro siti principali, che riporto brevemente qui di seguito, ma che sono liberamente consultabili sul sito del Comune-Servizio Ambiente-sezione Bonifiche: costante monitoraggio mediante piezometri (gli strumenti che consentono di analizzare lo stato della falda acquifera, ndr) a seguito della bonifica del 2002 per l’area dell’ex discarica Ca’ Leona; bonifica mediante estrazione del percolato (il liquido che si forma a seguito dell’infiltrazione dell’acqua nei rifiuti ndr) attualmente ancora in corso nel quadrante est (circoscrivibile approssimativamente tra via Siepe, via Caretti e via San Contardo d’Este); bonifica con conseguente monitoraggio sia per il quadrante ovest (area delimitata da via Modena a nord, canale Boicelli ad ovest, il Po di Volano a sud, e la linea ferroviaria Fe-Bo ad est) che per il quadrante nord (area di circa 82 ettari compresa a est dalla linea ferroviaria Bo-Fe, a ovest da via Padova, a nord da via Ricostruzione e a sud dallo scolo Casaglia). E sottolinea la cifra spesa dall’amministrazione comunale negli ultimi anni: più di due milioni per la bonifica e il contrasto al fenomeno di degrado ambientale.

La conferenza stampa sul tema ‘Le bonifiche ambientali delle ex discariche nel comune di Ferrara: il punto della situazione’ di fatto non aggiunge nulla, da un punto di vista tecnico, a quanto già pubblicato nello status bonificarum dell’aprile 2016, dove peraltro si rende conto anche dei molti altri siti oggetto di bonifica, più ridotti rispetto a quelli ricordati. È chiaro quindi che non è fare il punto della situazione quanto preme al sindaco, dal momento che i dati sono da tempo a disposizione di tutti, ma piuttosto puntualizzare che alle parole di un anonimo l’amministrazione risponde con i dati e i fatti. Perché, come ribadisce l’assessore Caterina Ferri, “non c’è niente di nuovo nelle dichiarazioni di Nemo (peraltro dichiarazioni simili erano già emerse nel 2012, ndr) e non abbiamo bisogno di un pentito della camorra che ci insegni cosa fare”.

Si sa che le amministrazioni locali sono sotto una lente di ingrandimento, mai come negli ultimi anni grazie a movimenti e liste civiche che si sono infiltrate nel sistema burocratico per creare delle crepe dalle quali consentire a tutti di spiare quanto prima accadeva a porte chiuse. È senza dubbio una grande conquista ed è  importante che sia i cittadini sia l’informazione svolgano una costante attività di controllo. Questa conquista però vale la pena ricordare, si svilisce laddove non si dia la medesima rilevanza alle persone coinvolte, la possibilità di un contraddittorio, e laddove soprattutto le accuse siano vaghe e non suffragate da dati.

Venerdì scorso, in un clima tangibilmente teso tra il sindaco, accompagnato dall’assessore comunale all’Ambiente Caterina Ferri, dal dirigente comunale del Settore Ambiente Alessio Stabellini, e da Paola Magri per Arpae Emilia Romagna, e i giornalisti, si è consumato quello che è solo l’ultimo tassello del complesso mosaico sulla bonifica delle ex discariche di Ferrara, che vede coinvolti molti soggetti, ha alle spalle una storia lunga trent’anni, può vantare molte attività svolte e certamente diversi risultati ottenuti, ma che al tempo stesso ha fatto emergere e continua a far emergere molte criticità, dubbi non fugati ed aspre contrapposizioni.
E di fronte al silenzio dei presenti frontalmente attaccati dal sindaco viene da dire che la battaglia l’abbia vinta lui, ma la guerra è ancora aperta. E probabilmente ancora molto lunga.

tag:

Redazione di Periscopio


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it