Skip to main content

Lo spettacolo, con regia di Paolo Valerio, si terrà il 15, 16 e 17 dicembre al Teatro Comunale di Ferrara. Alessandro Haber e il resto della compagnia incontrano il pubblico sabato 16 dicembre alle 18 al Ridotto

Il celebre romanzo ‘La coscienza di Zeno’ di Italo Svevo vede diverse interpretazioni nell’ultimo secolo. Venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 dicembre al Teatro Comunale di Ferrara, Zeno Cosini verrà interpretato dall’attore Alessandro Haber, che in scena riesce a incarnare la profondità e l’ironia surreale del protagonista del romanzo più introspettivo, psicanalitico e affascinante del ‘900 italiano. 

Nel 2023, ‘La coscienza di Zeno’ festeggia il suo centenario dalla pubblicazione e la sua innovativa, coinvolgente scrittura lo rende adatto anche per essere trascritto nel linguaggio teatrale. La storia segue il percorso del protagonista, che cerca di risolvere il suo ‘mal di vivere’ e cerca di cambiare e guarire. ‘La coscienza di Zeno’ rivela i molteplici lati della condizione umana, in cui la positività e la voglia di arrendersi si alternano quotidianamente.

Alessandro Haber nel 2007 ha ricevuto il premio come miglior attore non protagonista al Nastro d’Argento per il film ‘Le rose del deserto’ e ha ottenuto numerosi riconoscimenti di carriera, tra cui il David di Donatello (1994), un Globo d’Oro e cinque Nastri d’Argento (nel 1990, 1994, 1995 e 2007). Oltre ad Haber, Alberto Onofrietti, Francesco Migliaccio, Valentina Violo, Ester Galazzi, Riccardo Maranzana, Emanuele Fortunati, Meredith Airò Farulla, Caterina Benevoli, Chiara Pellegrin e Giovanni Schiavo completano la compagnia.

 

INCONTRO CON LA COMPAGNIA 

Alessandro Haber, Alberto Onofrietti, Francesco Migliaccio, Valentina Violo, Ester Galazzi, Riccardo Maranzana, Emanuele Fortunati, Meredith Airò Farulla, Caterina Benevoli, Chiara Pellegrin e Giovanni Schiavo incontrano il pubblico al Ridotto del Teatro sabato 16 dicembre ore 18, per presentare ‘La coscienza di Zeno’. Modera Marcello Corvino, direttore artistico del Teatro Comunale. Anche gli spettatori potranno fare domande e conoscere da vicino l’artista e la compagnia. Ingresso libero fino a esaurimento posti. L’incontro sarà trasmesso anche sul canale Youtube del Teatro.

Immagini di Simone di Luca, cortesia Teatro Comunale

tag:

Riceviamo e pubblichiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it