12 Novembre 2016

Un anno dopo al Bataclan
La testimonianza di Alexandra Dadier :” A Parigi vince la vita”

Simona Gautieri

Tempo di lettura: 4 minuti

Se il 13 novembre 2015 a Parigi non fosse successo ciò che è tragicamente successo, non in così tante persone, in Italia, avrebbero conosciuto il nome del locale parigino “Bataclan”. A Parigi invece il Bataclan è un luogo di culto e generazioni di francesi sono cresciute ascoltando i concerti che lì si organizzano. Il 13 novembre dello scorso anno, a Parigi, era una serata mite, il clima dolce invogliava i parigini a stare fuori per bere un calice di vino, consumare una cena, guardare una partita di calcio o ascoltare della buona musica appunto. Era una bella serata, fino alle 21.20, ora in cui c’è stata la prima delle numerose esplosioni che avrebbero cambiato il corso della storia. Parigi è sotto assedio e la Francia in guerra: una serie di attacchi terroristici di matrice islamica vengono sferrati quasi in contemporanea da un commando armato collegato all’autoproclamato Stato Islamico, comunemente denominato ISIS.

Gli attacchi armati si concentrano nel I, X e XI arrondissement della capitale francese e allo Stade De France a Saint Denis e al Bataclan, appunto, dove centinaia di persone assistono al concerto della band californiana Eagles of Death Metal. E’ una strage, la fine dell’innocenza per una intera generazioni di giovani: 130 persone perdono la vita, quasi tutti avranno un conoscente, un amico, un parente colpito dalla strage. Alexandra Dadier, laureata in Storia a La Sorbonne, attrice e registra teatrale da oltre vent’anni, docente alla Universitè Paris Dauphine, ha vissuto dal 1997 al 2002 a Ferrara dove si occupava di regia teatrale. Alexandra era a Parigi il 13 Novembre e non potrà mai dimenticare: “Ero a casa mia, vicino all’Arco di Trionfo, in cucina, e poco dopo le 21 ho sentito passare un elicottero a bassa quota. Ho capito subito che fosse successo qualcosa di grave. Conosco il mio cielo e quell’elicottero era messaggero di tragedia. Poi ho acceso la tv e le immagini che ho visto mi hanno confermato che la mia sensazione era giusta, purtroppo. E’ stato uno shock, non posso definire in altro modo lo stato d’animo di quella notte. Insegno all’università e il mio pensiero è andato ai miei studenti e ai giovani come loro che so affollare le vie del centro per bere qualcosa e stare insieme. Il clima era stupendo, dovevano essere fuori di sicuro. Si sono salvati perché c’era così tanta gente che sono dovuti andare da un’altra parte. E’ stata questione di dieci minuti”.

Il Presidente Hollande parla in tv: la Francia è in guerra e le frontiere vengono chiuse. Dopo lo stadio e i ristoranti viene colpito il Bataclan ed è una strage. Persone ferite che si calano dalla finestra o escono zoppicando dalle porte di sicurezza in cerca di salvezza mentre dentro il locale il pubblico inerme di un concerto rock cade sotto i colpi di kalashnicov degli attentatori. “Il Bataclan è un posto mitico per noi parigini: un luogo dove assistere a magnifici concerti. Quante volte ci sono andata – ricorda Alexandra – E’ un posto con un’anima. Le immagini della strage mi sono rimaste dentro e sono rimasta chiusa in casa tutto il weekend pensando a cosa dire e come far parlare i miei studenti di ciò che era capitato. Il ritorno all’università il lunedì successivo alla strage è stato surreale: ci guardavamo, i loro volti erano spettrali, le espressioni tirate”. Il ritorno alla “normalità” è stato graduale: “Per mesi ho evitato i luoghi eccessivamente affollati e nel prendere la metro si faceva tanta attenzione: si osservava tutto, una borsa, un particolare fuori posto. In giro c’erano diverse forze armate ma non abbiamo mai avuto la sensazione di una città militarizzata. Il messaggio che si voleva dare ai cittadini era di normalità ma, di sicuro, dovevano esserci diversi poliziotti in borghese per non dare nell’occhio.

Poi la vita ha preso il sopravvento e siamo andati avanti, non potevamo fare diversamente”. Proprio oggi, simbolicamente, il Bataclan verrà riaperto al pubblico con un concerto di Sting. La scelta della data, ad un anno esatto dalla strage di Parigi, non è casuale; è la riprova che, a fronte della tragedia vissuta, il popolo francese vuole fronteggiare il terrore con la celebrazione della vita. Per la Dadier “I terroristi hanno voluto colpire i nostri valori fondanti: Egalité, Fraternité e Liberté. Prima Charlie Hebdo e la libertà di espressione, poi il Bataclan, i ristoranti, lo stadio: tutti i luoghi di socialità e divertimento. Poi c’è stata Nizza e siamo ripiombati nel terrore puro. Non ne siamo usciti, abbiamo pensato tutti. Mi trovavo a pochi chilometri da Nizza durante la strage. Un mio caro amico è stato coinvolto direttamente: è uno psicologo e si trovava lì, quando famiglie, anziani, donne e bambini venivano falcidiate sulla Promenade des Anglais. Ha prestato soccorso fornendo assistenza psicologica ai sopravvissuti”.

Ad un anno dalla vittoria della morte sulla vita, questa sera a Parigi si celebra la vita con la musica.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simona Gautieri

Simona Gautieri

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013