Skip to main content

Da: Ufficio Sindaco Comune di Bondeno

Scavi archeologici: mentre si studiano i reperti rinvenuti nella terramara, il comune pensa ad altri saggi sul territorio e a fasi di divulgazione dei contenuti. Fabio Bergamini: «continueremo ad investire nella cultura, per divulgare i contenuti degli scavi passati e futuri, ma anche come veicolo di promozione del territorio»
 
Bondeno (Ferrara), 20-09-2019.
Si continueranno a studiare i risultati degli scavi recenti della Terramara di Pilastri, anche se per quest’anno le “pale” rimarranno ferme, per quel che attiene il “cantiere” archeologico dell’età del Bronzo e ci si concentrerà sull’analisi dei reperti. Ma l’archeologia sul territorio di Bondeno non si fermerà, anzi. E’ possibile dare una lettura di questo tipo alla proposta di delibera discussa nei giorni scorsi durante una riunione di Giunta, servita per pianificare le prossime tappe dell’archeologica matildea. Innanzitutto, con la proposta di finanziare altri tre saggi di scavi a Burana, Gavello e Settepolesini, dove si trovano alcuni siti archeologici di età romana. «Continuare ad investire sulla cultura significa contribuire a realizzare una rappresentazione completa del territorio – dice il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini – cercando di raccontarlo attraverso le testimonianze che la storia ci rimanda». La Terramara è stata (e sarà nel futuro) l’elemento che ha ridato impulso all’archeologia locale, la quale ha padri importanti come don Guerino Ferraresi e Gianfranco Po, per fare due nomi. Ma è stata anche un punto di partenza per allargare ora il fronte e, magari, ridare slancio ad un concetto di un’archeologia “partecipata”. L’amministrazione ha pertanto deciso di inserire in un apposito capitolo di bilancio circa 27mila e 500 euro, che serviranno per seminari di studi, momenti di confronto, iniziative con le scuole, oltre ad alcune pubblicazioni e al finanziamento dei prossimi saggi di scavi di età romana. «Stiamo lavorando per ottenere le opportune liberatorie da parte dei proprietari dei fondi agricoli interessati – dice il vicesindaco con delega alla promozione del territorio, Simone Saletti – in modo tale da acquisire le autorizzazioni agli scavi, che saranno sempre concertati con al Sovrintendenza, ma in modo tale da riconoscere anche un rimborso ai coltivatori che, per un certo periodo, dovessero ospitare uno scavo archeologico sul proprio fondo». Sullo stile, per intendersi, di quello eseguito lo scorso inverno nel fondo “Marchesa” di Burana. Dove, tra i vari reperti rinvenuti, sono stati ritrovati laterizi e pesi da telaio, tracce di antiche fondazioni e frammenti di ceramiche, oltre a vetri e numerose monete di età imperiale. «La programmazione di iniziative e manifestazioni – continuano Bergamini e Saletti – è strettamente collegata alla nostra volontà di continuare a promuovere il territorio. Valorizzando il medesimo attraverso il collegamento con la storia, le tradizioni e persino il tema dell’enogastronomia e della cultura in genere, che sono veicoli in grado di portare a Bondeno numerosi visitatori». Senza dimenticare le numerose scolaresche arrivate in questi anni per visitare la Terramara e che ora potrebbero essere coinvolte nelle iniziative di restituzione dei risultati raggiunti e nei nuovi progetti di scavo. «E’ fondamentale continuare ad investire sulla parte seminariale e laboratoriale – aggiunge l’assessore alla cultura, Francesca Aria Poltronieri – che si traduce anche in pubblicazioni che alimentano un percorso di studio e ricerca. A tale proposito, il Comune lavorerà con l’Università di Padova per la pubblicazione di 500 copie di un prossimo volume, che entrerà a far parte anche del circuito accademico. Possiamo dire – conclude – che con questa nuova fase inerente all’archeologia locale abbiamo compiuto un altro passo verso quel progetto che abbiamo voluto chiamare: “Archeologia e paesaggio nel territorio del grande fiume”. Un titolo che pensiamo sia in grado di sintetizzare tutti gli aspetti del progetto stesso». E per il quale il Comune ha deciso di stanziare circa 27mila e 500 euro, come accennato, sottoponendo il tutto ad una prossima seduta del consiglio comunale, che dovrà vagliare le variazioni introdotte negli appositi capitoli di missione della “cultura” e del “turismo”.

tag:

Riceviamo e pubblichiamo


PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it