18 Aprile 2014

Radio alternative: intatta è l’ambizione libertaria, per vivere ci affidiamo all’autofinanziamento

Redazione

Tempo di lettura: 4 minuti

radio-citta-capo

di Elisa Gagliardi e Alice Magnani

2.SEGUE – Compatti nel delimitare alle questioni di rilevanza sociale il contenuto della loro azione informativa, le redazioni di Città Fujiko, Città del Capo e Kairos concentrano la loro trattazione sui temi del lavoro, con il racconto di scioperi e vertenze sindacali, della politica, con la preminenza affidata alle decisioni e non alle diatribe tra i contendenti politici, sulle questioni abitative e sanitarie, su ambiente ed ecosostenibilità, mafia e criminalità organizzata. Con una cura particolare spesa nella consultazione di fonti diversificate, che non comprendono solo i canali dei media tradizionali e il taccuino dei contatti personali, ma anche le segnalazioni degli ascoltatori, le risorse della rete e la trama di relazioni intessuta con l’associazionismo e con gli altri soggetti operanti sul territorio.

Il fronte delle radio libere rappresenta una ricchezza e una specificità per il panorama dell’informazione locale. Sottoposte ad un processo evolutivo costante che, negli anni, ne ha modificato conformazione e assetto, le emittenti hanno visto mutare anche il proprio pubblico. La platea di ascoltatori di radio Città Fujiko, che in origine era composta principalmente da studenti, operai ed elettori della sinistra radicale, si è progressivamente ampliata ad una fascia di fruitori eterogenei con istruzione medio-alta: «Non parliamo più solo ai centri sociali o alla sinistra estrema – spiega Canella – ora abbiamo molti più ascoltatori e anche i social network ci aiutano ad accrescere il pubblico, facilitando la visualizzazione degli articoli». Anche Manassi sottolinea la differenziazione di pubblico occorsa durante gli anni: «Abbiamo ascoltatori di 50-60 anni che ascoltano la radio senza usare la rete, ma anche giovani che ci seguono in maniera selettiva, leggendo e utilizzando molto i social». Una cosa è certa: da quando la radio è attiva anche sul web c’è stato un crescente ampliamento di utenti. «Oggigiorno la rete è fondamentale: molte persone arrivano a conoscerci solo grazie ad essa», conclude la responsabile di radio Città del Capo. «I nostri ascoltatori costituiscono una comunità agguerrita, che partecipa attivamente alla costruzione della radio tramite la chat del nostro sito», racconta Tommasini di Kairos, che aggiunge: «Ci seguono i trentenni e le persone meno giovani, i musicisti e la comunità LGBTQ».

Ma come fanno a sopravvivere, a coprire i costi di mantenimento delle antenne e dell’equipaggiamento tecnico? Radio Città del Capo in questo si distingue con il ricorso ad una forma di autofinanziamento che chiede agli ascoltatori di versare una quota per l’abbonamento annuale (87 euro, che si riducono a 37 per precari e studenti). Data la scelta di ricorrere in scarsa misura alla vendita di spazi pubblicitari, l’emittente si garantisce introiti anche attraverso la produzione di alcune trasmissioni a pagamento, come la diretta delle sedute del Consiglio Comunale di Bologna e di quelle dell’Assemblea legislativa regionale.
Anche radio Città Fujiko si sostenta con trasmissioni a pagamento e programmi extra rispetto al normale palinsesto, ma anche con eventi di autofinanziamento, gadgettistica e, soprattutto, con la pubblicità, che sottrae sei minuti di ogni ora al flusso della diretta ma rimane coerente con il sistema di valori fondamentali cui si richiama la testata: «Ci rifiutiamo di pubblicizzare armi, pellicce o multinazionali» – ci tiene a precisare Canella. Quanto a radio Kairos, le sue forme di sostentamento uniscono risorse provenienti dalla vecchia gestione ad eventi in cui l’ascoltatore diventa parte attiva, come quando l’emittente allestì un mercatino di oggetti usati donati dagli ascoltatori. Un’altra modalità che la piccola emittente di via Casarini ha sviluppato per sostenere i costi sono i progetti, con laboratori di radiofonia che cercano di coinvolgere il maggior numero possibile di ragazzi. Il tutto avviene in collaborazione con diversi centri culturali e cooperative di servizi socioeducativi come “La Piccola Carovana”.

Sui legami con l’epoca d’oro di emittenti libere che avevano fatto della militanza politica la loro peculiare ragion d’essere, gli indipendenti di oggi hanno le idee chiare: «Ad essersi mantenuta intatta è l’ambizione libertaria – spiegano da radio Città Fujiko – quello che è cambiato è, invece, lo scambio continuo che prima fluiva tra ascoltatori e operatori della radio, in assenza di palinsesto. Oggi quel dialogo è venuto un po’ a mancare – prosegue il direttore – ma veniamo ascoltati da un pubblico con un livello culturale più alto e abbiamo allargato il nostro target». Per radio Città del Capo, ad essere rimasti gli stessi sono i caratteri fondamentali: «L’essere piccoli ma flessibili e veloci allo stesso tempo, la capacità di fare comunità nell’ascolto e nel gruppo di lavoro e lo spirito identitario. Il collettivo rimane il nostro punto di forza», conclude Manassi. L’accento posto sulla dimensione comunitaria trova concorde anche Tommasini di Kairos: «L’eredità degli anni ’70 è racchiusa nella costruzione collettiva della radio. La nostra non è una comunicazione unidirezionale perché tutti possono farne parte».
E se è il concetto di condivisione a caratterizzare queste consolidate realtà della radiofonia alternativa, i rapporti tra di loro in passato non hanno lesinato contrasti di natura politica, con la rivalità tra radio Città del Capo e radio Città Fujiko che, secondo la lettura di Canella, «è stata determinata da motivi storici, forse dovuta dal fatto che noi abbiamo preso fin da subito una posizione netta».
Le relazioni tra le due radio si presentano oggi più che mai distese. Infatti, nonostante la collaborazione non sia strettissima, non sono infrequenti tra le due emittenti scambi di contatti e collaborazioni tra colleghi: «Se ci accorgiamo che ai redattori di Città del Capo manca una notizia, gli diamo volentieri l’imbeccata», dicono da radio Città Fujiko. Inoltre, le tre emittenti ricordano come il progetto musicale “Threesome” abbia unito le loro forze: «Abbiamo organizzato serate di musica live in diretta radio a cui hanno partecipato i conduttori di tutte e tre le radio».

2.FINE
LEGGI LA PRIMA PARTE DELL’INCHIESTA

[© www.lastefani.it]



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013