Skip to main content
Oriente

«È compito di ogni uomo conoscere bene verso quale cammino lo attrae il proprio cuore e poi scegliere quello con tutte le forze» (Martin Buber [Qui]).

Cammino d’uomo, cammino di vangelo, sono stati una cosa sola per “Oriente” – il nome con cui il padre registrò all’anagrafe di Ferrara il figlio – a noi più familiare come Alberto Dioli, del quale ricorre quest’anno il centenario della nascita: 28 settembre 1922 a Corlo.

Prete ferrarese, parroco a Mizzana e al Barco e poi, dal 1969, missionario fidei donum a Kamituga nella regione del Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, fino alla sua morte avvenuta a Ferrara, dopo una grave malattia, malaria celebrale, il 27 novembre 1989.

In quel nome, “Oriente”, riecheggia una vocazione a due mani, una tesa verso l’uomo e l’altra verso il vangelo, ma un unico cuore a servizio della promozione umana e dell’evangelizzazione.

Un nome misterioso che nascondeva due significati: “Oriens ex alto”, un sole che sorge dall’alto si legge in Luca 1, 78: nel testo greco anatolè che significa sorgendo all’orizzonte.

Ezechiele poi ricorda il venire della gloria di Dio da Oriente: «La gloria del Signore entrò nel tempio per la porta che guarda a Oriente» (43, 4). E l’evangelista Matteo dirà di Gesù, Figlio dell’uomo – venuto non per farsi servire, ma per servire e dare la vita – che egli «come la folgore viene da Oriente e brilla fino a occidente, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo» (24, 27).

La luce del vangelo come quella del sole che sorge ad Oriente: «Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse» (Is. 9,1).

Ma nell’immaginario simbolico ed esistenziale di don Dioli si poteva intravvedere anche un altro sole. La famiglia già lo immaginava avviato a diventare bracciante, al lavoro nei campi o, tutt’al più, muratore o barbiere, come aveva ipotizzato il padre, ma quello di bracciante era un contesto di lotte sociali e rivendicazioni di giustizia.

Un’epoca in cui si nutriva molta speranza nel “sole dell’avvenire”, nel riscatto degli operai e dei braccianti grazie al movimento dell’Internazionale socialista.

Don Dioli non era certo insensibile a queste istanze (come si legge nel libro di Carlo Pagnoni, Don Alberto Dioli da Ferrara a Kamituga, Corbo, Ferrara, 1998 che costituisce una miniera preziosa di documentazione e analisi del conteso religioso italiano e ferrarese di quel periodo, non meno che della situazione internazionale nella Repubblica Dominicana del Congo, ex Zaire).

Tuttavia scelse di farsene carico diventando sacerdote il 6 aprile del 1946 nella parrocchia della B.V. del Perpetuo Soccorso; quando espresse, la sera prima dell’ordinazione, scrivendo alla madre e al padre – quasi un programma pastorale – la sua opzione preferenziale per i poveri:

«Domattina è la mia e vostra festa più bella … voglio … ringraziarvi per il molto bene che mi avete fatto … Ormai sono di Dio, la mia famiglia è costituita da migliaia di anime per le quali dovrò lavorare e consumare la mia vita … sono nato e vissuto povero… io e voi saremo sempre poveri… II Signore mi ha voluto sacerdote, voi lo sapete bene! Sia dunque benedetto e serviamo fedelmente, io come sacerdote voi come cristiani fedeli! Suona mezzanotte proverò a dormire» (Pagnoni, ivi, 65).

Con queste premesse, non sorprende la scelta di don Dioli per la missione, animato dall’intento di portare il vangelo della pace nel cuore dell’umanità, alla ricerca inesausta di una giustizia più grande, quella del Regno:

«Se la vostra giustizia non sorpasserà quella degli scribi e dei farisei non entrerete nel Regno dei cieli» (Mt 5,20). Coloro infatti che avranno fame e sete di giustizia saranno saziati, dice la quarta beatitudine; e l’ultima ricorda che ai perseguitati per la giustizia – come ai poveri della prima beatitudine – appartiene (di essi è) il Regno dei cieli (Mt 5,3; 6;10).

Un prete libero e fedele

Un prete libero e fedele. Così il titolo di un libro di testimonianze curato dall’Associazione Amici di Kamituga, Ferrara 1999. Nell’introduzione dal titolo Seguendo Cristo libero e fedele, ricordavo: «Nel gesto di aprire un libro e di voltarne le pagine si celano e si svelano simbolicamente le nostre intenzioni ed energie più profonde. Il desiderio stesso di rinascere, di aprire e far entrare la vita.

Non solo gesto dell’aggrapparsi come per sopravvivere in un naufragio, oppure sguardo che cerca con affanno l’uscita di sicurezza come per sfuggire al fumo invasivo, ma gesto di “più vita” di “nuova vita”…

Una esperienza di “centrazione” ed insieme “orientamento” fuori di sé; evento non solo di memoria e di attesa, ma di presenza e di incontro, di viaggi, di partenze e di ritorni. E tuttavia non appena Ulisse, molto di più Abramo».

Don Dioli fu come il sale nel cibo” scrive Tobie Kyamalinga, laico, collaboratore per vent’anni di don Alberto e leggendo la sua testimonianza è come aprire un altro libro che ne contiene molte altre.

Nel libro della missione si impara e si scrive lo stile di una libertà non ripiegata su se stessa, ma vissuta in relazione, che fa strada con gli altri restando loro fedeli con quella fedeltà irrevocabile che si attinge dal vangelo: «Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine» (Gv 13, 1).

Cammino di libertà dapprima.

Scrive padre Zampese: “La sua passione pastorale, la sua determinazione e il suo sogno di eliminare tutti gli steccati di esclusione, e lottando contro una storia del passato che aveva messo anche in lui i germi dell’integralismo religioso allineato dietro ad una bandiera, l’ha portato a scegliere la libertà di coscienza capace di annunciare solo una Chiesa profezia nel mondo“.

Nodi e reti di fedeltà poi.

«Don Alberto è legato alla vita, alla gente, a Dio. Forse per questo sapeva essere semplice e forte, creativo. Sapeva intuire i percorsi della storia ma restava uno di noi, senza pretese, come un fratello che vede lontano e dà sicurezza». Così la testimonianza di padre Silvio Turazzi.

Radicalità ed equilibrio

Padre Silvio Turazzi, ancora giovane seminarista, si stupiva della novità di vita che veniva dall’insegnamento di don Dioli, costituita dalla radicalità del suo equilibro.

«Ci presentò un giorno il tema della povertà …. liberi da tutto, ma soprattutto un modo di essere tra la gente. La sua parola era viva, ma lui ne era l’immagine. È questa la novità! Radicalità e equilibrio trasparivano dai suoi occhi, nel suo modo di presentarsi.

Dio era la sua forza, la vera radice del suo coraggio e del suo equilibrio interiore, nei rapporti con il mondo operaio o con i professionisti della città. Non si può dimenticare, c’era alle sue spalle il pane amaro di una famiglia onesta che aveva conosciuto le atrocità e gli stenti della guerra, c’era una conoscenza e un’esperienza non comune nella difficile vita sociale, politica ed ecclesiale che ne seguì.

Parrocchia, scuola, Acli, gruppi di Rinascita, Azione Cattolica, lo vedevano “presente”, povero e forte insieme… Me lo rivedo accanto – continua padre Silvio anche lui missionario in Congo – colgo nei suoi occhi i problemi degli operai (l’indignazione per quel salario equivalente ad un uovo al giorno!), i rapporti difficili con la direzione della miniera, con cui non accettò mai compromessi e vantaggi, le difficoltà con le autorità locali legate al sopruso e alla corruzione.

Mi guarda e sorridendo mi insegna ad ascoltare, lungo la strada del villaggio, il rumore ritmato degli scalpelli … sono i minatori che tentano l’estrazione dell’oro con le pietre raccolte nei filoni abbandonati… Il Centro per gli handicappati lo ha sognato e curato. Penso fosse per lui l’espressione più significativa della fedeltà della comunità per i più deboli» (Prete libero e fedele, 91-92).

Una vita che parla

«La sua parola era viva, ma lui ne era l’immagine», ricordava sopra padre Silvio, come a dire: “una vita che parla”.

Così sono rimasto sorpreso dalla attualità dello stile missionario di don Dioli, che corrisponde perfettamente a quello che papa Francesco delinea come compito missionario di tutti i cristiani, chiamati ad essere per il battesimo missionari nella chiesa di oggi.

Siamo come tempo pastorale nell’ottobre missionario. Il tema nel messaggio per la giornata missionaria mondiale 2022 sembra pensato su misura di don Albero titola: “Di me sarete testimoni” (At 1,8).

«Vite che parlano»; che parlano di Cristo risorto e vivo, speranza per tutti gli uomini e le donne del mondo, a fianco e testimoni di quel Cristo, direbbe Pascal, che continua ad essere in agonia nell’umanità ancora sopraffatta da tante ingiustizie e violenze.

Affascinato da questa storia infinita che non conosce confini di cultura, di religione, di razze, di popoli, don Dioli così scrive ai suoi parrocchiani per dire le ragioni della sua partenza: «Si sceglie la missione per “condividere da poveri con i poveri, come Gesù”.

«Perché ho scelto le missioni?» Me lo hanno domandato in tanti in questi giorni: «Perché se ne va? Perché ci lascia?» È una domanda legittima alla quale posso dare soltanto risposte evasive, provvisorie, che non possono persuadere i miei interlocutori.

Dico prima di tutto, che non vado per farmi un’esperienza nuova, per conoscere una chiesa diversa, costumi e tradizioni lontanissime da noi. Nessun uomo può essere oggetto di sperimentazione: un missionario non è mai un esploratore, un giornalista, un raccoglitore di notizie. Neppure è un inviato incaricato dai ricchi di distribuire doni ai poveri.

Sarebbe troppo grave che egli accettasse di farsi così complice della oppressione e dell’ingiustizia, di un nuovo colonialismo odioso, benefico e ladro insieme. Il missionario va per «condividere», da povero con i poveri. Come Gesù che ha posto la sua tenda fra noi, uomo tra gli uomini, vittima con i deboli, perseguitato, percosso, disprezzato, abbandonato, malfattore crocifisso.

Questa storia meravigliosa mi ha sempre persuaso più di ogni altro argomento. So di poter fare molto poco, di non poter rimediare a niente, che non avrò mezzi o energie per questo. Ma una cosa mi rimane possibile, condividere. E questo mi dà pace e mi giustifica nella scelta che ho fatto, della quale sono stranamente contento.

Naturalmente continuo a sperare che qualcuno darà istruzione agli analfabeti, pane agli affamati, medicine agli ammalati, libertà e dignità agli oppressi» (Alberto Dioli, Fidei donum. Lettere e antologia di testi, vv. 1 e 2, a cura di A. Zerbini, Quaderni Cedoc SFR, 25-26, Ferrara 2014, 120).

Nel Bollettino parrocchiale del Barco, don Alberto spiegava anche ai suoi parrocchiani il perché di tanta lentezza nell’adeguare e trasformare la chiesa secondo la riforma che era stata delineata dal concilio Vaticano II.

Oggi a noi che siamo in un cammino sinodale per attuare più in profondità la riforma conciliare, specie nelle parti rimaste ancora inespresse e disattese, egli direbbe anche a noi: «I laici più avveduti si meraviglieranno che dopo tante solenni affermazioni, tutto rimanga come prima e che la loro voce sia così poco ascoltata, anzi che essi non abbiano praticamente nessuna voce come nel caso nostro.

Ma il concilio è terminato da appena due anni e il cammino è lungo. L’importante è che ci si muova in quella direzione, tra molte pene, contrasti, difficoltà.

Vale per tutti quello che scriveva un precursore del nostro tempo, il cardinale Newman [Qui], uno degli spiriti più grandi del suo secolo. È una frase che ho letto nella sua  Apologia pro vita sua, a proposito del Vaticano I: «Poiché c’è il concilio, è tempo di soffrire» (Fidei donum 1, 116). Siamo avvisati dunque: anche per noi ci saranno fatiche e delusioni e lentezze per dare forma sinodale, coscienza partecipativa e ministeriale alle nostre comunità, una vita condivisa, una vita di più grande comunione.

“L’indifferenza verso il passato è una forma di ingiustizia”

Così scriveva Teodoreto di Cirro [Qui], vissuto nel V secolo e autore di una Storia Ecclesiastica, riferendosi a quella negligenza colpevole che induce a dimenticare nella chiesa il ricordo delle lotte e imprese ammirevoli dei cristiani.

E continuava: “Perciò io tenterò di scrivere ciò che della storia della Chiesa è trascurato, perché non ritengo cosa santa dimenticare la gloria di azioni molto splendide e di narrazioni utili, che sarebbero distrutte dall’oblio”.

E Paolo VI ricordava: “Non ignorare la propria storia non significa essere vincolati alle forme che ieri ne hanno tessute le vicende; significa piuttosto sperimentare la spinta, morale che da essa deriva, e cioè godere di una carica di esperienza, di ansia verso l’attualità e verso l’avvenire, di ricerca di sempre nuove e geniali originalità” (Discorso, 26 giugno 1971).

È con questo spirito che il Cedoc SFR lavora per custodire la memoria di coloro che ci hanno preceduto nel segno di umanità e di fede e per osare un passo, un altro passo ancora. Oltre ai testi citati sopra, l’impegno di questa memoria missionaria è testimoniato dai seguenti volumi:

  • M. Turrini, Dalle “retrovie” delle missioni alla Chiesa tutta missionaria. Il Centro missionario diocesano di Ferrara-Comacchio (1929-2000), Quaderni Cedoc SFR, 40, Ferrara 2017.
  • L’umiltà di navigare a vista. Memoria missionis, a cura di A. Zerbini, Quaderni Cedoc SFR, 41, Ferrara 2017.
  • F. Franceschi, L’attesa dei popoli. Interventi sulla chiesa missionaria e diario, a cura di M. Turrini e A. Zerbini, postfazione di A. Zerbini, Quaderni Cedoc SFR, 44, Ferrara 2021.
  • C. Pagnoni, Il Vangelo tra la gente. Missionari ferraresi nel mondo, Corbo, Ferrara 2003.

Per leggere gli altri articoli di Presto di mattina, la rubrica di Andrea Zerbini, clicca [Qui]

tag:

Andrea Zerbini

Andrea Zerbini cura dal 2020 la rubrica ‘Presto di mattina’ su queste pagine. Parroco dal 1983 di Santa Francesca Romana, nel centro storico di Ferrara, è moderatore dell’Unità Pastorale Borgovado che riunisce le realtà parrocchiali ferraresi della Madonnina, Santa Francesca Romana, San Gregorio e Santa Maria in Vado. Responsabile del Centro di Documentazione Santa Francesca Romana, cura i quaderni Cedoc SFR, consultabili anche online, dedicati alla storia della Diocesi e di personaggi che hanno fatto la storia della chiesa ferrarese. È autore della raccolta di racconti “Come alberi piantati lungo corsi d’acqua”. Ha concluso il suo dottorato all’Università Gregoriana di Roma con una tesi sul gesuita, filosofo e paleontologo francese Pierre Teilhard de Chardin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it