Skip to main content

Orto Botanico di Ferrara: l’arte dello Yarn Bombing torna a colorare i giardini Unife. Inaugurazione 23 febbraio 2024 alle ore 11.

VITA UNIVERSITARIA

 

Anche per questa seconda edizione è stato accolto con entusiasmo dalla comunità cittadina l’invito dell’Orto Botanico dell’Università di Ferrara a partecipare allo Yarn Bombing, un “bombardamento” assolutamente pacifico di fili colorati.

Gruppi di amiche e di amici, ospiti delle residenze per anziani, artiste e artisti hanno realizzato a maglia e all’uncinetto delle opere che avvolgeranno un’ampia varietà di specie vegetali dell’Orto Botanico in un’esposizione brillante di fili colorati.

L’inaugurazione si terrà venerdì 23 febbraio 2024 alle ore 11. Le opere saranno esposte all’Orto Botanico (ingresso da via Porta Mare, 2B) dal 24 febbraio al 17 marzo 2024, con la possibilità di ammirarle dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 13 e la domenica dalle ore 10 alle ore 16.

L’iniziativa è fruibile anche per le persone ipovedenti e non vedenti, grazie alla creazione di un percorso idoneo, realizzato in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Ferrara.

267730b4-982b-4a69-9861-b857fbd8cf9d.jpeg

Una delle installazioni realizzate per la precedente edizione dello Yarn Bombing 

Il filo conduttore dell’iniziativa è l’attenzione a questioni di attualità come il rispetto dei diritti delle donne, la lotta all’emancipazione, l’uguaglianza di genere, il rispetto per l’ambiente, la biodiversità e il cambiamento climatico, tematiche quotidiane importanti affrontate dal punto di vista artistico di chi si è cimentato nella realizzazione della sua opera.

Il tema scelto per lo Yarn Bombing 2024 è il mondo che caratterizza l’opera lirica Madama Butterfly. Nel 2024 si celebra infatti il centenario della morte del grande musicista Giacomo Puccini, nonché l’anniversario dei 120 anni dal debutto dell’opera.

Oltre al tema scelto per questa edizione, artiste e artisti hanno potuto scatenare la propria fantasia con tante creazioni a tema “natura”: piccoli insetti, animaletti, funghi, fiori, foglie, piante rampicanti, lumache, che saranno posizionati in diversi angoli dell’Orto Botanico.

“Ritorna l’evento che ci permette di vivere l’Orto Botanico nell’insolita veste dello Yarn Bombing – commenta Renato Gerdol, Prefetto dell’Orto Botanico – Evento che rispecchia in sé una pluralità di intenti perché la sua originalità artistica si fonde con le finalità sociali e di condivisione. Lo Yarn Bombing ci porta a vedere con occhi diversi tematiche quotidiane, invita a visitare l’Orto Botanico in un periodo ancora povero di fioriture e in più, quest’anno, non mancherà un tributo alla Madama Butterfly di Puccini. Lasciatevi catturare dai colori dello Yarn Bombing e immergetevi nella meravigliosa biodiversità dell’Orto Botanico. Vi aspettiamo.”

86f5c4d9-c593-48a6-8595-8ae456d83670.jpeg

Una delle installazioni realizzate per la precedente edizione dello Yarn Bombing 

Ulteriori informazioni:  0532 293802 – erbario@unife.it

In copertina: una delle installazioni realizzate per la precedente edizione dello Yarn Bombing all’Orto Botanico di Unife 

tag:

Riceviamo e pubblichiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno. L’artista polesano Piermaria Romani si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE
di Piermaria Romani


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it