Skip to main content
L’insegna dell’attività di Elias

Quello che mi appresto a raccontare è una delle cose che più mi piacciono: la quiete prima della tempesta. Forse in realtà anche questa dicitura è sbagliata. Per capire bene l’atmosfera respirata durante l‘inaugurazione dell'”Affitta camere da Elias” – imprenditore di origine tanzaniana che ha deciso di investire in un quartiere problematico – dovrebbe essere fatto un altro esempio ‘meteorologico’: venerdì pomeriggio siamo stati tutti nell’occhio di un ciclone. Secondo Wikipedia “l’occhio è una regione di quasi calma situata al centro di un ciclone tropicale. E’ circondato dall’eyewall, un anello di temporali torreggianti ove avvengono i fenomeni più forti”. Cercherò di spiegare il perché di questa affermazione.

Partiamo dalla preparazione della ‘tempesta’. La zona di Piazzale Castellina, come gran parte del quartiere Giardino, si sa essere una zona con molte problematiche legate alla microcriminalità: spaccio, prostituzione. Io stesso ho subìto un tentativo di scippo qualche anno fa a pochi passi da ‘Elias’. Tutto questo è sfruttato a fini politici soprattutto dalla Lega, la quale, grazie soprattutto alla presenza sul campo di Nicola Lodi e dei suoi collaboratori, ha fatto di questo quartiere quasi una roccaforte. Strano a dirsi, però, il Pd ha una sezione di partito proprio vicino allo stadio, in via Ortigara. Ma qui i democratici non hanno più vita facile. Un esempio di come vanno le cose e del grado si esasperazione della situazione in zona è stato lo ‘scontro’ avvenuto in occasione della presentazione di Ibo all’ex Banzi. In quell’occasione i rappresentanti del centrodestra non si sono fatti sfuggire l’opportunità per portare l’evento di una ong/onlus sul piano politico con la scusante della “difesa del territorio”. In quella circostanza però c’è stata subito una ‘quiete’ post trauma: Ibo rimane comunque un’associazione di stampo cattolico e in una città come Ferrara (forse) è meglio non far passare il messaggio di andare contro organizzazioni di tale genere.

Questa è l’escalation di eventi che ci porta, dunque, all’inaugurazione dell’esercizio di Elias. Mi soffermerò poco sul fatto in sé per due motivi: non solo ci sono interviste dello stesso Elias facilmente reperibili su altre testate, ma, soprattutto, il protagonista della giornata – purtroppo – non è stato sicuramente lui.

Elias discute con i presenti all’inaugurazione
Chiara Sapigni
Il sindaco Tagliani viene intervistato al suo arrivo
Nicola Lodi
Alan Fabbri
Ilaria Baraldi

Questa volta tutti sapevano di doversi giocare bene le carte ed ecco un’apparente calma. Uno stop al conflitto che ha portato negli stessi metri quadri, al di fuori dei luoghi istituzionali, praticamente tutti i rappresentanti dei partiti ma, in particolare, gli esponenti delle due compagini che si contenderanno le amministrative dell’anno prossimo. Da una parte c’era Nicola Lodi, accompagnato da Alan Fabbri. Soprattutto il primo ha lanciato la carta, in questa occasione vincente, del “sono a casa mia”. E’ stato facile notare come l’atteggiamento di Lodi e compagni sia stato quello del far capire che lì la zona è di loro competenza, che i residenti sono loro amici, stanno dalla loro parte e si muovo agevolmente tra strette di mano e abbracci. Il classico atteggiamento di chi vuole non solo dimostrare di essere a proprio agio nel Gad, ma vuole sottolineare e ostentare un controllo territoriale e una conoscenza radicata del tessuto sociale. Fabbri aveva annunciato anche con un comunicato stampa la sua presenza in zona a fianco dell’imprenditore Elias: “Ci sarò per sostenerlo nella sua battaglia coraggiosa e per fargli sapere che non è solo. Vogliamo dare a questa città un futuro migliore. La Lega è dalla parte degli onesti, sempre”. Questo fa ben intendere che lì nessuno si è presentato da “normale cittadino“.

Una panoramica sui presenti

Altro discorso per i rappresentanti del Pd. La difficoltà era palpabile. Da Chiara Sapigni, oramai tristemente famosa per la sua massima sulla “percezione” dei problemi in Gad, che lì non si è sentita sicuramente a proprio agio, fino ad arrivare al sindaco Tiziano Tagliani, che molti accusano di essere stato assente per lungo tempo da questa zona, e che appena arrivato ha subito concesso delle interviste. Qualche maligno di questo fatto, come avrebbe detto De Andrè, ha sostenuto che la sua visita avesse come unico scopo proprio la visibilità. E i democratici hanno cercato in tutti i modi di prendersela in un luogo che, ripeto, non li vede tra i benvenuti.

L’inaugurazione di Elias, come si può capire, è scesa in secondo piano: tutti lì erano più intenti a carpire le parole di questo o quel politico, a strappare un’intervista, alla quale nessuno si è sottratto. Un occhio del ciclone appunto, una zona franca, dove venerdì tutti hanno potuto misurarsi con il Gad. Peccato, però, che di Gad ci fosse ben poco: pochi i residenti intervenuti, quasi assenti le ‘razze’ al di fuori di quella italiana, ed è strano visto che a poche decine di metri, in zona stadio, una delle etnie più discusse di questa zona vedeva la presenza di molte persone presso un bar.

Concludendo, quindi, le ‘torri della tempesta‘ si sono soltanto spostate per qualche ora, ore durante le quali tutti hanno recitato la parte del “Visto? Riusciamo a stare vicini”. Non credo, però, che molti abbiano creduto a questa farsa: l’occhio del ciclone passerà e tornerà la tempesta ad abbattersi, con le sue ‘torri’, i suoi ‘muri’ e, soprattutto, le sue parole, il tutto per preparare quella che sarà la probabile tempesta perfetta delle prossime amministrative.

Per ora, visto che qui vicino c’è lo stadio, possiamo dire che il risultato politico di questa ‘inaugurazione’ è chiaro: Lega 1 – Pd 0. Palla al ‘centro‘.

 

tag:

Jonatas Di Sabato

Giornalista, Anarchico, Essere Umano

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it