24 Febbraio 2021

Lettera: Quando un artigiano si trova escluso da un Bando Comunale per i danni subiti dalla pandemia

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Nel 2015 ho iniziato un’attività che – pur tra mille difficoltà e numerose crisi – mi ha sempre dato soddisfazione. Creo gioielleria alternativa, un settore di nicchia dell’artigianato.
In questi anni di attività ho sempre cercato di migliorare il mio lavoro, investendo per affinare le lavorazioni, migliorare la comunicazione, partecipare ad eventi e fiere in Italia e all’estero. In questo percorso di crescita quello che mi ha sempre contraddistinto e che fa parte di tutta la comunicazione del mio lavoro è la territorialità della mia azienda.  “Io sono di Copparo”, questo è quello che ho sempre detto orgogliosamente ai miei clienti, perché questo elemento identitario indica ciò che sono e anche un po’ di come lo faccio.
Quando il mio territorio mi ha chiesto di partecipare al settembre copparese ho sempre aderito con orgoglio, perché questa è la mia terra.
Nel 2020 la mia attività, come quella di tanti altri piccoli artigiani, ha sofferto un rallentamento importante a causa della chiusura delle fiere campionarie e dello stop ai market in tutta Italia.
Noi piccoli artigiani, abituati a farcela con le nostre forze, ad adattarci e a modificare costantemente il nostro modo di lavorare, non ci siamo lamentati per essere stati in larga parte  esclusi dagli aiuti statali durante l’emergenza sanitaria e le chiusure forzate.
Pertanto, quando ho appreso che il mio Comune avrebbe attivato un bando per aiutare le aziende in difficoltà, ho sperato di potervi partecipare.
Purtroppo la realtà a volte supera la fantasia: approfondendo  ho scoperto che il bando era rivolto solamente ad aziende il cui codice ATECO è stato selezionato dalla giunta, e tra queste anche attività che per decreto hanno tenuto aperto durante il lockdown.
Ma la mia (come altre) è esclusa.
Parlando con la mia associazione di categoria, di cui un assessore del Comune di Copparo fa parte, mi è stato riferito che non è stata nemmeno interpellata nella fase di ideazione del bando.
Il mio rammarico non è per non aver potuto richiedere un piccolissimo aiuto economico, ma perché nonostante gli sforzi che faccio quotidianamente per portare Copparo in Italia e un po’ anche nel mondo, per il mio Comune la mia azienda non abbia alcun valore.
Marco Pigozzi


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • diario in pubblico parole nuove

    Diario in pubblico /
    Parole nuove

  • NON DIRE, MOSTRA
    Interviene Luciana Passero: 3 aprile, ore 17 alla Biblioteca Ariostea

  • Mediterranea è sbarcata a Ferrara

  • Per certi versi /
    Il viale della mente

  • presto di mattina cerva aurora

    Presto di mattina /
    La cerva dell’aurora

  • NATURE URBANE E SPAZI PUBBLICI
    Secondo Incontro sulla Città che Vogliamo: lunedì 27 marzo alle 17

  • Gli operai GKN in piazza per “rompere l’assedio”
    (tutte le puntate di una lunga storia di lotta)

  • Cinquemila litri di acqua:
    critica alle critiche agli ambientalisti imbrattatori

  • Storie in pellicola
    Living: vivere alla ricerca del tempo perduto

  • Incerte geografie. Storie di incontri e spaesamenti.
    Convegno Nazionale a Ferrara, 24 e 25 marzo 2023

L'INFORMAZIONE VERTICALE

CONTATTI
Articoli e informazioni a: redazione@periscopionline.it
Lettere e proposte di collaborazione a: direttore@periscopionline.it
Sostenitori e sponsor a:
Periscopio
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Seguici: